“La decisione su Volt è unica nella storia parlamentare”

“La decisione su Volt è unica nella storia parlamentare”

Una prima nella storia parlamentare, basata su un “errore giudiziario”. Gli esperti costituzionali reagiscono con sorpresa al decisione del giudice sommario di Amsterdam che il deputato Nilüfer Gündogan (Volt) è stato ingiustamente espulso dal gruppo.

Al giudice non interessa affatto, dice il professore di diritto costituzionale di Groningen Douwe Jan Elzinga. Secondo lui, la decisione crea un precedente indesiderabile, che apre le porte a conflitti politici all’interno dei gruppi politici nei tribunali. “Cibo per gli avvocati, ma basato su una decisione presa da una prospettiva di diritto privato unilaterale e viziata”.

Volt, rappresentato alla Camera dei Rappresentanti con tre seggi da marzo, è in disaccordo con Gundogan da mesi. Lo scorso mese sospeso e il partito ha posto fine alla sua appartenenza alla fazione dopo aver ricevuto tredici segnalazioni, tra le altre cose, di intimidazioni e avances sessuali indesiderate. Gundogan nega le accuse.

Mercoledì ha avuto ragione su tutti i fronti dal giudice dei provvedimenti provvisori e le ha anche assegnato 5.000 euro di danni, perché, secondo il giudice, Volt ha poche possibilità di successo in ulteriori procedimenti.

Separazione dei poteri

Ma mentre lo stesso Gündogan prepararsi al ritorno nel gruppo, i costituzionalisti sono sorpresi da quella che considerano un’ingerenza da parte del giudice. Bettie Drexhage, specialista in diritto costituzionale, si aspettava che il giudice fosse “per quanto riguarda la separazione dei poteri”. “Un membro del partito può anche intraprendere un’azione legale se è stato privato di un portavoce?

Tom Louwerse, docente di scienze politiche all’Università di Leiden, parla di un’unica legge costituzionale. “Posso immaginare che un giudice si pronuncerà sui rapporti di diritto del lavoro all’interno di un gruppo. Ma cosa succede se c’è un conflitto politico-sostanziale? Sarebbe molto lontano e scomodo. »

READ  Elon Musk vive in una casa fabbricata da $ 50.000

La maggior parte dei partiti politici sono associazioni, dice Elzinga. L’espulsione di un membro può essere verificata in base al diritto privato. “Ma questo giudice vede erroneamente la fazione parlamentare come un’estensione del partito. Questo ragionamento è indifendibile e ignora l’autonomia di cui i gruppi hanno goduto per molti anni.

I giudici devono seguire la dottrina di problema politico usa, dice Elzinga. Ciò consente la massima moderazione possibile da parte dei giudici nelle controversie politiche. “Questo giudice corre per il negozio di porcellane come un elefante e stabilisce un precedente molto feroce con la sua sentenza”.

Il giudice colloca la questione nel contesto di altri casi di comportamento trasgressivo a La voce dell’OlandaAiace, e la partenza di MP Gijs van Dijk (PvdA) e il presidente Gerrit van de Kamp del sindacato di polizia ACP† “È comprensibile che la dirigenza del partito di Volt, giovane e relativamente inesperta”, in un tale clima sia rimasta scioccata da tali notizie in patria. Ma la risposta è stata “troppo frettolosa e scorretta”, ha detto il giudice.

Leggi anche: Nilüfer Gundogan resta combattivo: “Trasformerò il mio dolore in politica”

La decisione cita e-mail interne del segretario di fazione, che mostrano che c’era già una rissa all’interno della fazione prima delle segnalazioni di comportamenti inappropriati. I documenti del caso mostrano anche che, secondo l’agenzia investigativa, il rapporto di indagine iniziale era più “scherzi buoni o cattivi” che commenti transfrontalieri.

Il giudice dice che non sta decidendo se Volt sia un diritto del lavoro o una controversia politica. Tuttavia, Gündogan è danneggiata nel suo onore e nella sua buona reputazione e che “deve anche potersi sentire al sicuro”.

READ  Coronavirus, superati 100 milioni di casi nel mondo | AstraZeneca: Non violiamo il contratto, non deviamo mai le fiale

Geert-Jan Knoops, l’avvocato di Gündogan, definisce “infondate e assurde” le critiche secondo cui il giudice è stato coinvolto nella politica interna di Volt. Secondo lui, solo la sua sospensione e rimozione dal gruppo sono state testate. “Quindi non si tratta di interferenze nel processo decisionale all’interno del gruppo. Il processo decisionale di un partito politico deve anche rispettare i principi fondamentali del nostro Stato di diritto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *