La deforestazione tropicale, un’area grande quanto i Paesi Bassi è scomparsa nel 2020

I dati, basati su rilievi satellitari, mostra come il Brasile è al primo posto per la deforestazione tropicale. Queste perdite sono “un’emergenza climatica, una crisi della biodiversità, una catastrofe umanitaria e opportunità economiche perse”, ha detto Frances Seymour, del World Resources Institute che ha guidato il rapporto.

Secondo i ricercatori, il la pandemia potrebbe aver avuto effetti negativi, con alberi abbattuti illegalmente in foreste non protette, per esempio, o il massiccio afflusso di persone nelle aree rurali. Inoltre, i dati del 2020 mostrano che le foreste stesse ne sono state vittime cambiamenti climatici, Ha sottolineato Frances Seymour in una conferenza stampa. “Le zone umide stanno bruciando. La natura ci aveva sussurrato per un po ‘che la minaccia stava arrivando. Ora lei sta urlando”, ha insistito.

Ecosistemi forestali copertura molto ricca oltre il 30% della superficie terrestre e le foreste tropicali ospitano tra il 50 e il 90% delle specie terrestri. I circa 4 milioni di ettari di foreste tropicali distrutti nel 2020 vengono liberati 2,64 gigatonnellate di CO2, equivalente alle emissioni annuali di 570 milioni di auto. “Più a lungo aspettiamo per fermare la deforestazione, (…) più a lungo la nostra dissipatore di carbonio naturale rischio di andare in fumo ”, avverte Frances seymour.

READ  Il Papa ora "divide" la Chiesa e prepara il piano per il futuro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *