La “dolce corrispondenza” di Berlusconi con Vladimir Putin

La “dolce corrispondenza” di Berlusconi con Vladimir Putin

“Mi sono riconnesso con Putin. Mi ha mandato venti bottiglie di vodka per il mio compleanno, con una nota dolcissima. Ho mandato indietro alcune bottiglie di Lambrusco, con una nota altrettanto dolce”, ha detto questa settimana Silvio Berlusconi ai parlamentari del suo partito Forza Italia. Il compleanno di Berlusconi era il 29 settembre. L’agenzia di stampa LaPresse ha intercettato un audiocassetta e l’ho pubblicato online.

Molto infastidito dai commenti polemici del suo leader del partito, figura di spicco del partito ed ex eurodeputato Antonio Tajani si è affrettato a dire che Berlusconi avrebbe raccontato “una storia di anni fa”. Spera di diventare ministro degli Esteri nel nuovo governo di destra, che molto probabilmente sarà guidato da Giorgia Meloni. Silvio Berlusconi è stato quattro volte primo ministro italiano, l’ultima nel 2011, e non ha mai nascosto i suoi buoni rapporti con Vladimir Putin. I due dirigenti sono andati in vacanza insieme e da anni si vocifera che siano legati tra loro anche per affari.

Anche il presidente della Lega Matteo Salvini era un ammiratore della Russia di Putin. Ma poi Putin è entrato in guerra in Ucraina, e sotto la guida del purosangue europeo Mario Draghi, il governo italiano – con a bordo i partiti di Salvini e Berlusconi – si è pienamente allineato con Nato e Ue.

“Persone oneste”

Salvini e Berlusconi hanno condannato la guerra di Putin in Ucraina, ma il giorno prima delle elezioni legislative italiane del 25 settembre, Berlusconi ha detto in televisione di aver affermato che Putin era stato “spinto per insediare un governo di persone perbene a kyiv”.

READ  Come un testimone chiave italiano può avere una grande influenza sul processo Marengo con Ridouan Taghi

Berlusconi e Salvini sono andati a votare in un’alleanza di destra, insieme a Giorgia Meloni. Tuttavia, Meloni, il leader dei Fratelli d’Italia di destra radicale, ha assunto una posizione filo-occidentale dall’inizio della guerra. All’epoca, sempre dall’opposizione, Meloni appoggiò pienamente il governo Draghi, in particolare votando a favore della fornitura di armi all’Ucraina. Elettorale, ha superato del 26% i suoi alleati di destra. In qualità di primo ministro, Meloni intende perseguire questo percorso filo-ucraino e filo-europeo.

Ma Forza Italia di Silvio Berlusconi e Lega di Matteo Salvini sono partner chiave e Meloni ha bisogno dei loro deputati per la sua maggioranza al Senato. Nell’audio trapelato, Berlusconi afferma di essere “molto preoccupato” per le armi dell’Italia per l’Ucraina, che secondo lui stanno trascinando l’Italia nel conflitto. E il nuovo presidente del parlamento Lorenzo Fontana, della Lega di Salvini, ha avvertito questa settimana in televisione che “le sanzioni contro la Russia non devono diventare un boomerang”.

Fastidioso

Per ora Giorgia Meloni tiene le cose in mano. Si prevede che riceverà una missione di addestramento formale alla fine di questa settimana. L’incapacità di Berlusconi di ottenere ciò che vuole da Meloni ha portato allo scoppio di rabbia di Berlusconi al Senato la scorsa settimana. Non esita a fare tutto il possibile e ha anche sottilmente ricordato a Meloni – il futuro presidente del Consiglio – che suo marito è un giornalista di Mediaset, la media company di Berlusconi. Ma Berlusconi, con la sua dichiarazione di Putin, mette a rischio soprattutto la nomina di Antonio Tajani alla prestigiosa carica di Esteri.

Leggi anche: Berlusconi si è unito alla destra radicale in Italia

READ  L'ultimo edificio della Floriade può essere demolito nonostante il default dell'Italia

È inoltre imbarazzante per il tedesco Manfred Weber, presidente del Partito popolare europeo (PPE), che Berlusconi è venuto in Italia la scorsa estate, a proclamare apertamente il proprio sostegno durante la campagna elettorale. Weber descrive Forza Italia e Berlusconi come un fattore di “stabilità” nella politica italiana ed europea, e dopo il loro incontro Berlusconi gli ha assicurato che il nuovo governo italiano seguirà “un percorso fortemente europeista”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *