La madre perde i figli nel dramma dei migranti: “Non vedevano l’ora di partire”

“Non vedevano l’ora di scappare. Come quando erano bambini e non vedevano l’ora di festeggiare il loro compleanno”, ha detto Karen Caballero a una stazione televisiva locale. Karen è la madre di entrambi. È completamente distrutta.

Villaggio pieno di lamiera ondulata

Fernando e Alejandro, ha detto, erano studenti universitari sani che amavano il calcio e la danza. Margie è stata la prima ragazza di Alejandro, con la quale stava insieme da quasi dieci anni.

I fratelli vivevano nella casa di Madre Karen a Las Vegas. Non la ricca città americana del gioco, ma un villaggio dal tetto di lamiera ondulata nell’interno dell’Honduras.

All’inizio di questo mese, Fernando, Alejandro e Margie hanno lasciato tutto alla ricerca di una vita migliore negli Stati Uniti.

Con l’aiuto di un contrabbandiere, hanno viaggiato dall’Honduras, attraverso il Guatemala e il Messico fino agli Stati Uniti. Lì volevano costruire la vita che non riuscivano a trovare in Honduras. Perché anche se avessero studiato, trovare lavoro era impossibile. La pandemia della corona e i tornado che hanno attraversato l’area di Las Vegas hanno reso le loro prospettive future ancora più fosche.

“Non avrei mai pensato che potesse succedere”

Negli Stati Uniti, volevano mettersi al lavoro il prima possibile. Quando ebbero guadagnato abbastanza, i fratelli vollero costruire una casa per la madre. “Ho detto, ma poi non vivrò lì. Perché tu ci sei e io sono qui”, ha detto madre Karen.

Ma quella casa non è mai arrivata, il sogno americano che stavano cercando non è mai stato trovato. “Quando se ne sono andati di qui, non avrei mai pensato che potesse succedere. Tutto quello che voglio ora è che mi portino i corpi dei miei figli”.

READ  senza precedenti, qui crolla tutto - Libero Quotidiano

Il camion con a bordo 67 migranti è stato trovato lunedì lungo un binario nella cittadina texana di San Antonio. Le alte temperature, che quel giorno hanno raggiunto i 38 gradi Celsius, potrebbero aver avuto un ruolo nella morte dei 53 migranti che non avevano accesso all’acqua nel camion.

53 morti l’anno scorso

L’autista del camion e altre tre persone coinvolte nel caso sono state denunciate.

I camion sono spesso utilizzati sulle rotte di contrabbando di persone verso gli Stati Uniti. Alla fine dell’anno scorso, 53 persone sono state uccise in Guatemala quando un camion carico di migranti si è ribaltato lì. E anche a San Antonio le cose sono andate storte: nel 2017 vi sono morti su un camion dieci migranti e nel 2003 19.

Le altre vittime provenivano da Messico, Honduras, Guatemala ed El Salvador. Le vittime più giovani provenivano da un remoto villaggio Maya in Guatemala: due nipoti di 13 anni, uno dei quali, Wilmer Sipac, doveva ricongiungersi con il padre negli Stati Uniti.

“Voleva così tanto stare di nuovo con suo padre”, ha detto sua madre al Washington Post. Nell’ultimo messaggio audio che Wilmer ha inviato a sua madre, ha detto di essere stato portato su un camion. Era l’ultima volta che sua madre aveva sentito parlare di lui.

Aumento dei migranti

Il numero di migranti individuati dalla pattuglia di frontiera statunitense è già superiore allo scorso anno. Nel 2021 c’erano ancora 1,7 milioni di migranti in totale, ma secondo la BBC quest’anno sono previsti 2 milioni di migranti.

READ  Mones Nazarali di Action News assicurato dalla polizia

I problemi economici, i disastri naturali, la pandemia di corona e la violenza (di gruppo) sono le principali cause del movimento dei migranti dal Centro America verso gli Stati Uniti. Ma i migranti che attraversano il confine meridionale dell’America provengono anche dal Messico, dal Sud America, dai Caraibi e persino dalla Turchia e dall’India.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.