La Maréchaussée ha visto tanti furti di identità l’anno scorso come prima della pandemia | ADESSO

L’anno scorso il Marechaussee dei Paesi Bassi reali ha intercettato 1.465 documenti di viaggio, residenza e identità falsi ai confini olandesi, quasi il 10% in più rispetto al 2020. Sebbene ci siano stati meno viaggi, le cifre sono quasi le stesse degli anni prima della pandemia di corona. conferma la Polizia sabato dopo la segnalazione Il Telegrafo

Le frodi alle frontiere hanno riguardato principalmente passaporti e carte d’identità. Secondo la Maréchaussée, questo di solito accadeva con un documento completamente falso. Inoltre, i passaporti vengono spesso falsificati inserendo una pagina falsa di dati personali in un passaporto autentico.

I documenti falsi sono stati per lo più trovati negli aeroporti. A Schiphol sono stati intercettati 947 documenti e all’aeroporto di Eindhoven 99. Un totale di dodici documenti falsi sono stati intercettati negli altri aeroporti.

Inoltre, l’anno scorso è stato osservato un forte aumento del numero di documenti fraudolenti nei centri di asilo olandesi per richiedenti asilo, ha riferito il Marechaussee. Nel 2020 si sono verificati 173 incidenti con un totale di 202 documenti falsi e l’anno scorso si sono verificati 320 casi e 360 ​​documenti falsi. La maggior parte dei truffatori proviene dalla Siria (132). Inoltre, sono stati arrestati 48 yemeniti e 42 turchi.

Secondo Statistics Netherlands (CBS), 24.740 richiedenti asilo hanno presentato la prima domanda di asilo nel 2021, il numero più alto dal 2015. Si tratta di una cifra significativamente maggiore rispetto al 2020, quando sono state ricevute 13.720 domande. All’epoca, ciò era dovuto principalmente alle restrizioni ai viaggi internazionali e ai confini parzialmente chiusi a causa del virus corona.

READ  Ancora lunghe file, ma Schiphol dice che la folla è sotto controllo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.