La minaccia russa potrebbe essere un motivo per rilanciare la discussione sull’esercito europeo

Il fatto che l’UE invierà armi in Ucraina come parte della lotta contro la Russia è molto speciale e rappresenta un momento “nascosto”. Lo ha affermato oggi il corrispondente dell’UE Stefan de Vries dopo la conferenza stampa di Ursula von der Leyen. Ha annunciato che l’UE proporrà un nuovo pacchetto di sanzioni contro la Russia, ma sosterrà anche attivamente la guerra contro la Russia. “Potrebbe riavviare la conversazione su una forza di difesa congiunta”.

Ad esempio, l’UE pagherà e fornirà nuove armi all’Ucraina e verranno inviate altre forniture. “Questa è la prima volta che l’UE lo fa”, ha affermato Ursula von der Leyen, presidente della Commissione europea. “Aumenteremo ancora una volta le sanzioni contro la Russia e la sua complice Bielorussia”, ha annunciato von der Leyen.

Questo è il primo passo dell’UE verso un’Unione della difesa, afferma De Vries. Le discussioni su un esercito europeo comune sono in corso da molto tempo, una forza di difesa è vista da molti come irrealistica. “Ma questa guerra potrebbe dare nuova vita a questa discussione”, ha detto il commentatore straniero Bernard Hammelburg.

Putin unisce l’UE

Il presidente russo Putin desiderava da tempo creare un cuneo tra gli Stati membri dell’UE, ma con le sanzioni annunciate e il sostegno militare all’Ucraina, von der Leyen mostra che la cooperazione tra gli Stati membri è la migliore difesa. De Vries: “Questa era anche la tattica durante la Brexit. A quel tempo, le speranze della Gran Bretagna erano che i 27 paesi dell’UE sarebbero crollati, ma ciò non è accaduto. Ci sono molte differenze e contraddizioni all’interno degli Stati membri, ma lavorare insieme è l’unica cosa che funziona contro l’aggressione esterna.

READ  Covid: Grecia, coprifuoco e divieto di musica a Zante e Chania - Ultima ora

Armi nucleari

Nel frattempo, sempre più paesi annunciano anche che investiranno nelle forze di difesa. “La Germania rilascerà 100 miliardi di euro per l’esercito. In Olanda è giunto il momento anche per questo”, dice De Vries. “Nel nuovo accordo di coalizione si parla già di ulteriori investimenti nell’esercito, ma è ancora poco. Nei prossimi giorni, senza dubbio, anche altri paesi dell’UE inizieranno a investire. I cambi marcia sono molto veloci e anche questo è speciale per l’Europa”.

Anche la minaccia russa con le armi nucleari acuisce questa discussione. Anche se la Francia ha reagito in modo piuttosto laconico a una precedente dichiarazione russa sul possesso di armi nucleari: “Sì, lo facciamo anche noi”. La Francia ha un enorme arsenale di armi nucleari, compresi i sottomarini. “Non sarei sorpreso se quei sottomarini fossero già diretti verso il Mar Nero. Quindi forse le armi nucleari europee sono già puntate contro la Russia”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *