La polizia belga assisteva impotente a un rave party illegale.  Ma: “Non resterà impunito”

La polizia belga assisteva impotente a un rave party illegale. Ma: “Non resterà impunito”

Migliaia di persone, stimate in decine di migliaia in totale, si sono recate venerdì nell’ex sito militare di Brustem a Saint-Trond, un’area di diverse centinaia di ettari nella provincia del Limburgo belga, per quello che è diventato rapidamente “il miglior sito gratuito party in Europe’ – un rave illegale, una festa techno per la quale le autorità locali non hanno rilasciato un permesso.

Per tutto il fine settimana, la polizia belga è rimasta impotente mentre migliaia di persone impazzivano in una vulnerabile riserva naturale a quaranta chilometri dal confine olandese. Non è stato fino a domenica mattina che è stata decisa un’evacuazione pacifica del sito, che sarebbe durata fino a lunedì. È stata la migliore linea d’azione, afferma Jos Lantmeesters (N-VA), governatore della provincia del Limburgo, col senno di poi.

Alle dieci di giovedì sera, i gruppi di app crittografiche hanno annunciato dove e quando si sarebbe svolto il rave, in modo che le autorità non sospettassero cosa stesse succedendo.

L’idea era: iniziare venerdì, festeggiare tutto il fine settimana e preferibilmente continuare fino a giovedì, secondo Lantmeesters. O, come hanno detto ai giornalisti un certo numero di festaioli lo scorso fine settimana Lo standard disse; “Rimarremo finché dureremo”.

Questa libertà è il brivido di a festa libera, dice Pieter-Jan Nerinckx, uno studente della KU Leuven che ha scritto la sua tesi di laurea sul fenomeno. “Queste sono feste in cui di solito si suona musica elettronica e che sono gratuite per tutti”.

Nerinckx spiega che la “cultura techno libera” in Belgio è iniziata solo nel 2007-2008. “Fino ad allora molte cose erano possibili nel quadro giuridico del nostro Paese, quindi gli organizzatori erano meno propensi a ricorrere al circuito illegale. Ma da allora è diventato più difficile ottenere un permesso per le feste, inclusi orari di chiusura anticipati e severi standard sul rumore.

READ  L'enorme baraccopoli alla periferia di Buenos Aires

Insoddisfazione per il prezzo di ingresso elevato

Non è compito dell’animale da festa causare quanti più danni possibile. Secondo Nerinckx, i rave o “feste gratuite” sono organizzati in tutta Europa da una rete clandestina, scontenta degli alti prezzi di ingresso e consumo nei club e nei festival.

“Andare in discoteca sta diventando sempre più costoso e uscire è diventato un privilegio della classe media benestante”, dice. “Queste organizzazioni dimostrano che possiamo organizzare una festa per tutti con pochi mezzi e una forte motivazione”.

Quando la polizia è arrivata venerdì sera dopo le prime segnalazioni di inquinamento acustico, è stato stimato che circa cinquemila persone stessero già festeggiando, principalmente da Belgio, Paesi Bassi e Francia. Il sito di Brustem era pieno di auto, camper e tende. Secondo quanto riferito, sono stati allestiti undici palchi improvvisati in cui i DJ suonavano dietro i giradischi e ritmi ad alto volume risuonavano dagli altoparlanti impilati. Le droghe pesanti venivano usate apertamente e i festaioli si facevano i bisogni nei boschi vicini. I barbecue sono stati sparsi per il sito, in una riserva naturale brulicante di specie animali vulnerabili.

Le autorità locali hanno ritenuto di non poter fare nulla contro una tale folla venerdì e hanno dovuto lasciar andare i festaioli. “Non possiamo semplicemente sbarazzarci di cinquemila persone su un’area boschiva di quattrocento ettari”, ha detto Ingrid Kempeneers, sindaco di Saint-Trond a nome del CD&V.

Sabato mattina si è svolta una prima consultazione tra i servizi di polizia locale e federale, la difesa, la procura e la provincia. “È stata effettuata un’analisi dei rischi e si è deciso di estinguere l’evento in modo controllato”, ha detto all’epoca il sindaco. “Non inizieremo una caccia all’uomo”. La polizia ha bloccato le strade e ha chiesto ai festaioli che si erano riuniti di lasciare nuovamente il sito.

READ  In Ungheria, le coppie dello stesso sesso non potranno più adottare bambini

Nel frattempo sono arrivate le lamentele dei residenti. La notte la gente non dormiva a causa della musica ad alto volume e non capiva perché la polizia non fosse intervenuta. Se non l’hanno fatto per loro, è a causa della riserva naturale protetta tra l’area di addestramento militare e il villaggio di Kerkom. Normalmente è proibito, ma ora è stato massicciamente calpestato.

Era totale anarchia, hanno detto i residenti locali. Zuhal Demir, ministro fiammingo dell’Ambiente (N-VA), ha affermato di ritenere che il governo federale possa essere accusato di “cattiva gestione” e ha chiesto chiarimenti al parlamento.

Alle dieci di domenica mattina, il governatore Jos Landmeesters ha preso il “potere” dal sindaco, ha detto. I Lantmeesters hanno convocato la regione di sicurezza e hanno esortato tutti a calmarsi. “Volevamo a tutti i costi evitare che tutto questo degenerasse. Se agisci per negligenza, dovrai affrontare violenze e vittime.

Il governatore aveva ancora in mente l’evacuazione del Bois de la Cambre a Bruxelles nell’aprile 2021. Duemila persone sono venute al fittizio festival La Boum, annunciato tramite i social network per insoddisfazione per la politica della corona, ma che si è poi scoperto per essere uno scherzo del primo di aprile. È degenerato nel caos a causa dell’evacuazione, con dozzine di agenti di polizia e festaioli feriti.

“Ci sono molti esempi di feste libere in cui la polizia ha optato per misure repressive e che sono finite male”, spiega Pieter Jan Nerinckx. “Uno degli esempi più recenti è il free party al Redon francese. Lì, uno dei festaioli ha perso una mano a causa dell’esplosione di una granata da parte delle autorità. Alla CzechTek nel 2005, è morto persino un animale da festa.

READ  La coppia ucraina si sposa tra i resti della guerra | instagram

Non impunemente

Ci vorrà fino a lunedì pomeriggio perché il sito venga completamente ripulito. Sono stati effettuati diversi arresti e sono state sequestrate apparecchiature audio. Secondo il governatore, il sito è ancora in fase di ispezione approfondita per valutare i danni. Questo verrà raccolto dagli organizzatori del rave, apparentemente un gruppo di olandesi. Per ora sono bloccati. “Non resterà impunito”, ha detto Lantmeesters.

Torna all’evacuazione “con soddisfazione”. “Ho ricevuto congratulazioni da più parti perché questa operazione, una delle più difficili degli ultimi anni, si è svolta senza alcuna violenza. Controllare un gruppo così numeroso di persone senza caos è normalmente impossibile. Ma in nessun momento abbiamo perso il controllo. È andata molto meglio del previsto. »

Ciò non toglie che il governatore avrebbe voluto impedire il rave. “Ma non abbiamo le risorse per questo. È una mancanza di informazioni. Possiamo ancora utilizzare l’aiuto necessario nel campo della prevenzione. Per questo, guardo alla politica nazionale. È troppo facile dire dal quartier generale che avrebbe dovuto essere fatto diversamente.

Martedì mattina, l’Agenzia per la natura e le foreste ha valutato i danni causati da un fine settimana di corvi nel sito di Brustem; le praterie protette furono bruciate, le tane dei tassi, dei topi e i nidi degli uccelli furono disturbati e i gufi di palude furono scacciati. Sono stati raccolti anche decine di sacchi di rifiuti. L’agenzia ha sporto denuncia. Contro chi dovrebbe rivelare l’inchiesta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *