La Russia espelle nuovamente decine di diplomatici • “La resa di 700 combattenti ucraini nelle ultime 24 ore”

I soldati russi sono stati colpevoli di esecuzioni sommarie di civili, torture e altri possibili crimini di guerra durante il primo mese di guerra. Quella dire l’organizzazione per i diritti umani Human Rights Watch (HRW) sulla base delle dichiarazioni di testimoni. I crimini sono avvenuti nel nord-est dell’Ucraina.

Ad aprile HRW ha visitato 17 villaggi e piccole città nelle regioni di Kiev e Chernihiv. Ci sono state interviste con 65 testimoni. L’organizzazione ha registrato 22 esecuzioni sommarie, altri nove omicidi, sei sparizioni e sette casi di tortura. Quasi tutte le vittime erano civili. Inoltre, 21 civili hanno affermato di essere stati detenuti illegalmente e in condizioni spaventose dai russi.

“Sta diventando sempre più chiaro che i civili ucraini nelle aree occupate dalle truppe russe hanno sopportato terribili difficoltà”, ha detto Giorgi Gogia di HRW. “La giustizia può essere ritardata, ma dobbiamo fare tutto il possibile per garantire che coloro che hanno sofferto ricevano tale giustizia nel prossimo futuro”.

Il primo processo contro A inizierà mercoledì a Kiev esercito russo per crimini di guerra. Il militare è accusato di aver sparato a un civile.

READ  Tv: Inger Nilsson, Pippi Calzelunghe è ancora un modello - Last Hour

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.