“Se riusciamo a salvare il coccodrillo filippino, c’è speranza anche per altre specie”

“Lo senti?”, chiede il biologo di Leida Merlijn van Weerd (51). Si ferma ad ascoltare canzoni che si innalzano al di sopra di altri versi di animali. Ho appena attraversato il fiume e sento subito uccelli che si trovano solo qui Van Weerd e il suo collega Amante Yog-yog (35 anni) prosegue lungo un campo di grano fino a una delle ultime foreste pluviali intatte rimaste nelle Filippine.Negli anni ’70 e ’80, più della metà di tutte le foreste furono disboscate sotto il regime di Ferdinand Marcos, ma la foresta nelle montagne della Sierra Madre sull’isola di Luzon è stata lasciata sola.Troppo difficile da raggiungere per i camion.La catena montuosa boscosa è stata dichiarata riserva naturale protetta nel 1997.

Secondo un rapporto delle Nazioni Unite del 2019 Un milione degli otto milioni di specie animali e vegetali nel mondo sono minacciati. A differenza delle precedenti ondate di estinzione, l’attuale estinzione di massa è causata dagli stessi esseri umani. Oltre il 75% della superficie terrestre e il 66% degli ecosistemi marini sono stati colpiti dall’attività umana.

Le Filippine sono in prima linea nella crisi di estinzione. Più di 750 specie vegetali e animali sono a rischio di estinzione. “In nessuna parte del mondo ci sono così tante specie rare che sono sull’orlo dell’estinzione”, afferma Van Weerd. L’arcipelago è noto ai biologi come un paradiso della biodiversità. Non meno del 5% di tutte le specie nel mondo vive lì, la metà delle quali si trova solo nelle Filippine. “Le Filippine sono il banco di prova del mondo”, afferma Van Weerd. “Quando possiamo salvare le specie morenti? Quando crolla un ecosistema? Noi non sappiamo. Le Filippine danno un’idea di ciò che verrà. Questo è un avvertimento per il resto del mondo. Allo stesso tempo, possiamo vedere qui cosa puoi ancora fare.

Piccoli coccodrilli

Insieme alla sua collega Marites Balbas (48), Van Weerd ha sviluppato il suo Fondazione Mabuwaya ha curato il coccodrillo filippino, Crocodylus mindorensis, uno degli animali più rari al mondo. “Vent’anni fa ne erano rimaste solo venti copie. I biologi pensavano che fosse già estinto. Grazie ai nostri sforzi, ora sono ottanta. Nel 2022 i restanti coccodrilli vivono in gran parte in centri abitati. Insieme alla provincia di Isabela, Van Weerd ha impostare un programma di protezione

READ  un flusso di vento solare ad alta velocità si sta dirigendo verso la Terra

Cinque cuccioli di coccodrillo prendono il sole in riva al laghetto al Crocodile Center di San Mariano. Un programma di allevamento ‘vantaggioso’. Non appena viene scoperto un nido in natura e i piccoli coccodrilli si sono schiusi, i lavoratori sul campo li portano al centro. “Normalmente, il 5% sopravvive. Nel nostro centro è il 70%”, spiega Van Weerd. Dopo due anni, i coccodrilli vengono rilasciati.

Balbas e Van Weerd parlano regolarmente con gli abitanti del villaggio. Se a loro piace vivere con i coccodrilli, il villaggio diventa parte di una zona di coccodrilli. Si consiglia ai residenti di lasciare una zona cuscinetto di vegetazione larga un metro lungo il fiume, in modo che lucertole, ratti e altre prelibatezze di coccodrilli possano vagare. Dovrebbe impedire al coccodrillo di entrare nei villaggi in cerca di polli e maiali.

I residenti ricevono anche tasse per tenere sotto controllo le violazioni. Ad esempio, è vietata la pesca con scariche elettriche. È dannoso per la vita fluviale e porta a scarsi stock ittici, lasciando i coccodrilli con troppo poco da mangiare.

In Malesia, ai piedi delle montagne della Sierra Madre, venti famiglie vivono lungo uno stretto ruscello. La maggior parte degli abitanti proviene da un paese a pochi chilometri di distanza. Poiché dovevano regolarmente far fronte alle inondazioni causate dalle forti piogge degli uragani, si sono spostati in una parte più alta. Hanno abbattuto la foresta per coltivare mais e canna da zucchero e, su consiglio di Van Weerd, piantare alberi da frutto e autoctoni per preservare il più possibile la biodiversità.

Il villaggio è associato alla protezione del coccodrillo. Tuttavia, non tutti sono così entusiasti. “Ho paura dei coccodrilli”, dice la fragile Sally de Gracia (42). «Ma il consiglio del villaggio ha deciso che poteva vivere qui. Mi rassegno a questo. Mio figlio di dieci anni lo adora. Se c’è un coccodrillo, va immediatamente al ruscello per vederlo.

READ  L'estinzione dei dinosauri causata da una cometa - Notizie

Anche Domingo Velasco (44) ha delle riserve. “A volte mangiano i nostri animali. Di recente hanno trascinato un cane”, dice con uno sguardo preoccupato. “Ma sì, cosa possiamo fare? Erano qui prima. Sua moglie Yolanda (45) non ha fatto obiezioni. Si unisce a noi sotto il rifugio di bambù e parla del coccodrilli come se fossero vicini di casa. “No, non ci faranno del male. Nemmeno i bambini. Qualche giorno fa, ricorda, mentre pioveva, Puttot è venuto nel nostro cortile. Anche Margie viene di tanto in tanto. Ero lì quando l’hanno rilasciata qui. Il consiglio del villaggio gli diede quindi un nome. Appare La Gracia. “Vorrei esserci anch’io! Poi voglio trovare il nome.

Marcial e la piccola Infie sono pescatori di arpioni del villaggio di Gapgap. “Se vedo un coccodrillo, gli parlo. A volte dico loro: puoi mostrarti? E poi vengono. »
Foto Saskia Königer

Valore intrinseco

Tre famiglie vivono a Dunoy, un villaggio sul fiume Catalangan. Van Weerd ha una capanna di legno lì per i ricercatori. Victorino Montanes (61) è soddisfatto del progetto di conservazione dei coccodrilli. “Ora c’è un modo. È positivo che abbiamo visitatori di tanto in tanto”. Riceve anche un compenso per far rispettare le regole. Ma non può fermare la coltivazione del mais dall’altra parte del fiume, appena dentro i limiti della Sierra Madre Natural Parco.

Leggi anche: Questo è l’antico libro dell’apocalisse climatica

Mentre Montanes vede principalmente i vantaggi economici del programma coccodrillo, la coppia Marcial e Baby Infiel sottolineano il valore intrinseco dell’animale. Gli anni Sessanta (vedovo e vedovo) sono autoctoni e risiedono a pochi chilometri di distanza nel villaggio di Gapgap. Sono entrambi pescatori subacquei attivi. “Li vedo principalmente quando pesco”, dice Marcial. “Bisogna tenere a distanza i grandi. Possono addestrarti. Ma i piccoli non fanno niente, io nuoto proprio davanti a loro. Non li darei mai la caccia. Se lo fai, verranno a perseguitare il tuo sonno. Anche se schiaffeggi un coccodrillo, si vendicherà. Ricordano il tuo viso. Tutto il tempo.” Il bambino sputa un pezzo di noce di betel e dice: “Se vedo un coccodrillo, gli parlo. A volte dico loro: puoi mostrarti? E ​​poi vengono”.

READ  Segni del risveglio di due buchi neri giganti: spazio e astronomia

Van Weerd e Yog-yog camminano attraverso un baldacchino pieno di ragni striscianti, formiche e altre creature tra alti pali di bambù con una fitta chioma di dozzine di specie di piante e arbusti nel mezzo. Una tenda da sole verde protegge dal sole. Poi arrivano a un lago, uno stagno. Van Weerd ha posizionato una torre di guardia lì, in modo che lui ei suoi dipendenti potessero guardare i coccodrilli.

Un coccodrillo filippino adulto nel fiume Catalangan a San Mariano.
Foto Merlin van Weerd

Ai giovani coccodrilli piace stare lì. Mangiano insetti, pesci, lumache e rane. Gli uomini fissano per ore attraverso il binocolo. Ciuffi d’erba sporgono dall’acqua. Gli insetti sfiorano la superficie dell’acqua. Si sente la giungla. Occasionalmente, i ricercatori vedono due occhi davanti a una schiena a coste che sporge sopra il livello dell’acqua.

Quando fa buio, Van Weerd punta la sua torcia sul lago. Cinque paia di occhi rossi lo fissano. “Quattro giovani esemplari”, dice Van Weerd. “E quello laggiù, con gli occhi più grandi, è un adulto. Si nascondeva nel sottobosco.

Sopravviverà il coccodrillo filippino? “Forse no”, dice Van Weerd. “Certo, il mondo può fare a meno di lui. Puoi scegliere di prendere di mira le specie che ritieni siano più probabili. Ma poi stai già abbandonando gli altri. Non sai mai se qualcosa può ancora essere salvato. Inoltre non pensavamo che questo coccodrillo potesse sopravvivere nelle aree abitate. Se riusciamo a proteggere una specie difficile come il coccodrillo, c’è speranza anche per altre specie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.