La Russia minaccia di chiudere il gasdotto verso l’Europa |  Economia

La Russia minaccia di chiudere il gasdotto verso l’Europa | Economia

La Russia minaccia di non attivare il gasdotto Nord Stream verso la Germania dopo l’importante revisione in corso. Un portavoce del ministero degli Esteri russo ha affermato che il futuro di questo importante collegamento dipende sia dalla domanda di gas in Europa che dalle sanzioni occidentali contro la Russia.

Cosa intendesse esattamente la Russia con questo non era chiaro. Ma i commenti arrivano dopo che la compagnia statale del gas Gazprom ha rifiutato di garantire che Nord Stream sarà di nuovo operativo dopo la manutenzione di mercoledì. All’epoca, si sosteneva che non fosse ancora chiaro se una turbina a gas gestita da Siemens in Canada sarebbe stata restituita alla Russia.

Il gasdotto tra Russia e Germania è sotto i riflettori da settimane. La Russia aveva precedentemente ridotto il transito del gas al 40% dell’importo normale. Ha citato la turbina mancante come motivo, ma la Germania ha accusato la Russia di giochi politici. Nel frattempo, Nord Stream è stato chiuso questa settimana per manutenzione programmata.

Gasunie: Nessuna carenza di gas il prossimo inverno

C’è da temere che dopo tale manutenzione l’erogazione del gas non venga più ripristinata. Gasunie ha cercato oggi di rassicurare tutti in Olanda dicendo che il nostro Paese non avrà carenza di gas il prossimo inverno, anche se la Russia chiuderà il rubinetto del gas per un anno.

Secondo Gasunie, i Paesi Bassi non sperimenteranno una carenza di gas questo inverno, anche se la Russia chiuderà il rubinetto del gas per un anno. Inoltre, in questo caso non è necessario che gli utenti siano disattivati, se vengono soddisfatte alcune condizioni. Ad esempio, la domanda non dovrebbe aumentare ulteriormente e la capacità delle centrali a carbone non dovrebbe essere limitata.

READ  I membri del VVD si rivoltano contro i piani di azoto del governo: "Mark Rutte è lì da troppo tempo"

Questo è “promettente” per la comunità imprenditoriale olandese, affermano le organizzazioni imprenditoriali VNO-NCW e MKB-Nederland in una risposta. “Allo stesso tempo, come i Paesi Bassi, dobbiamo perseguire pienamente tutte le misure adottate e risparmiare energia”.

VNO-NCW e MKB-Nederland ritengono che il nostro Paese non debba ‘lasciarsi cullare dal sonno’. “Perché dipende da molte variabili. Il governo e la comunità imprenditoriale devono quindi perseguire congiuntamente tutte le misure adottate, come l’istituzione di un programma di spegnimento volontario, il riempimento degli stock e la costruzione di capacità aggiuntive di GNL (GNL per gas naturale liquido, ndr). Inoltre, secondo le organizzazioni, è importante “continuare a puntare completamente sul risparmio energetico”.

Germania: apertura Groningen

Il Financial Times oggi riporta che la Germania si è unita ai Paesi Bassi ha insistito per riaprire il giacimento di gas di Groningen. Il ministro dell’Economia e del Clima tedesco ha chiesto di farlo al collega olandese Rob Jetten, riferiscono diverse fonti al quotidiano. Un portavoce di Jetten afferma che i tedeschi stavano “valutando ciò che è possibile”, nessuna richiesta ufficiale è stata avanzata.

Il ministro olandese del clima Rob Jetten (l) e il suo collega tedesco Robert Habeck.

Il ministro olandese del clima Rob Jetten (l) e il suo collega tedesco Robert Habeck. ©AFP

Klaus Müller, il capo dell’operatore di rete tedesco Bundesnetzagentur, parlato questa settimana sulle gravi conseguenze della carenza di gas naturale in Germania. “Non appena la pressione sulla rete del gas scende al di sotto del minimo, la miccia di centinaia di migliaia di caldaie a gas può esplodere improvvisamente”, ha affermato il boss del regolatore tedesco.

Il governo tedesco vede il risparmio energetico da parte di cittadini e imprese come il modo più rapido per evitare la crisi. Inoltre, il governo sta lavorando a un piano di salvataggio che costa miliardi di euro per evitare una reazione a catena nel mercato energetico. Spingerebbe la Germania in una grave recessione o peggio e avrebbe gravi conseguenze per il resto d’Europa, temono gli economisti.

Shell: l’Europa affronta un inverno rigido

L’Europa dovrà comunque affrontare un inverno difficile con costi energetici ancora più elevati, ha previsto oggi il CEO di Shell Ben van Beurden in un incontro a Oxford, nel Regno Unito. Non ha osato valutare la possibilità che la Russia interrompesse l’approvvigionamento di gas alla Germania.

I prezzi elevati dell’energia non sono esattamente una cattiva notizia per una compagnia petrolifera e del gas come Shell. Recentemente è diventato chiaro che Shell può contare su margini molto più elevati sulla produzione di carburante, che genera notevoli profitti.

Van Beurden ha anche detto a Oxford che la sua azienda prevede di trasmettere maggiormente i buoni risultati agli azionisti. Questo potrebbe essere fatto, ad esempio, acquistando azioni aggiuntive o tramite un dividendo. Secondo Van Beurden, il reddito aggiuntivo sarebbe utile anche per ridurre in qualche modo il livello di debito accumulato durante la crisi del coronavirus.

Guarda i nostri video di notizie più visti nella playlist qui sotto:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *