“La sentenza sul gossip non porterà a più casi contro le catene di succhi di frutta”

Sebbene la forma in cui il gossip viene reso pubblico sia cambiata con l’avvento delle catene del succo, ciò non significa, affermano gli avvocati, che anche la giustizia verrà adeguata di conseguenza.

Secondo Meindersma, le cause contro le catene di succhi non saranno vinte più velocemente dopo il pettegolezzo-trattare. “In linea di principio, non è un risultato molto diverso da quello che abbiamo visto in altri casi che coinvolgono la stampa scandalistica o la libertà di parola”.

“Lavoro molto sui casi riguardanti la libertà di espressione e poi vedete che i giudici usano spesso lo stesso criterio contro i casi”, spiega l’avvocato Jurjens. “Ad un certo punto si è avuto l’emergere dei blog, poi sono emersi i social. Ma la valutazione dell’illegalità di un’espressione non è cambiata nella sua essenza ed è stata applicata anche in questo caso”.

Quindi non pensa che seguiranno altri casi contro le catene di succhi di frutta solo a causa di questo caso. “Ma probabilmente un avvocato farà riferimento a questa causa se c’è un nuovo caso contro una catena di succhi di frutta”.

Correzioni o cancellazioni di messaggi

Il fatto che pochi casi contro le catene di succhi siano arrivati ​​in tribunale finora non significa che le celebrità non stiano cercando di contattare le correzioni o la cancellazione dei post, afferma Jurjens. “In questo caso, i casi non vanno in tribunale, ma sono già risolti prima. A volte non è nemmeno necessario assumere un avvocato”.

La maggior parte delle catene di succhi di frutta sono attive su Instagram e spesso condividono pettegolezzi in storie che possono essere viste solo per 24 ore. Meindersma è in contatto con alcuni canali e, sebbene non voglia fare nomi, dice che questi canali hanno ricevuto diverse richieste di rimozione di alcune storie. “Se un avvocato invia loro un messaggio, lo cancelleranno anche loro. Perché il messaggio è già stato visto e i canali juice accettano di eliminarlo.

READ  È morto il cantante, compositore e scrittore Jan Rot (64) | Stelle

Nessun compenso importante

Se è un caso, una celebrità ne trarrà poco vantaggio, conferma Meindersma sulla base di precedenti cause contro riviste di gossip. “In America puoi ottenere molto, ma nei Paesi Bassi gli importi sono bassi”.

In Famke Louise v. pettegolezzo i produttori devono rimborsarle le spese legali, ma questo non la scoraggia nemmeno, pensa l’avvocato. Lei lo aveva previsto pettegolezzo recuperare rapidamente i soldi che avrebbero dovuto sborsare attraverso i loro spettatori. Si è scoperto che è successo. Una campagna di crowdfunding dei maker ha raccolto 27.000 euro in 24 ore.

“Troppo fermo”

La corte si è pronunciata su due questioni nel caso Famke Louise. pettegolezzo aveva caricato un certo numero di Famke Louise, che Roos e Schouten dicevano fossero già pubbliche. Il giudice non era d’accordo. I creatori hanno anche concluso sulla base della canzone che Famke Louise era stata abusata da Ali B e in seguito l’hanno definita una “cagna ritardata”. Devono correggerlo.

Roos e Schouten sono andati troppo oltre con la loro ferma conclusione sugli abusi, secondo Meindersma. Vede questa certezza meno con le altre catene di succhi. “Molto spesso sono pettegolezzi esagerati. Qualcuno conosce qualcuno che ha sentito qualcosa. La maggior parte dei canali non salta alle conclusioni”. Trova le catene di succhi “terribili nello stile”. “Ma se lo guardi legalmente, ci sono un sacco di cose innocenti lì dentro.”

pettegolezzo ora ha un video registrato sul processo. Meindersma: “Così lo vedi anche tu pettegolezzo non spaventato. Hanno iniziato a dire “puttana ritardata” ancora più spesso e oggi hanno rifatto l’intera storia nel loro video”.

READ  Chris Rock risponde dopo che Will Smith colpisce agli Oscar | Stelle

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.