La storia di Minka, la mamma gatta che si è gettata tra le fiamme di un incendio per salvare i suoi cuccioli

Li aveva lasciati in una stalla. Al tepore di una stalla, un luogo che credeva sicuro per i suoi cuccioli e dove portava loro il cibo. Ma quando si è resa conto che erano in pericolo, non ci ha pensato due volte ed è saltata tra le fiamme di un incendio divampato all’interno del fienile. Questa è la storia che arriva da Edmonton, Canada, è la storia di Minka, una mamma gatta che ha subito ustioni allo stomaco, alle zampe e alle orecchie per seguire il suo istinto materno, al fine di salvare i suoi cuccioli da quelle fiamme che hanno divorò tutto sul loro cammino.

La sparatoria di Minka e Francis, mamma gatta e figlio sopravvissuti alle fiamme

Ha fatto del suo meglio, ma questo atto eroico da parte sua non è stato sufficiente per salvare tutti. Alla fine, uno dei suoi gattini è sopravvissuto. La mamma e il cucciolo sono stati poi portati in un canile che, seppur pieno per gli animali presenti nella struttura, ha comunque deciso di prendersi cura di loro: e le nostre badanti sono così meravigliose che ce ne rendiamo conto in queste situazioni, non possiamo lasciare che i gatti piacciano che soffrono”, spiega Christine Koltun, a capo di Furget Me Not Animal Rescue.

La storia di Minka, la mamma gatta che si è gettata tra le fiamme di un incendio per salvare i suoi cuccioli

A una settimana dalla tragedia, c’è almeno un’ottima notizia: Minka e François, così sono stati chiamati al rifugio, stanno migliorando e piano piano si stanno riprendendo. “È stata una settimana fantastica, in tutti i sensi: accogliere i dolci Minka e Francis nelle nostre vite, vederli trasformarsi, guardare il suo corpo guarire e, cosa più incredibile, vedere non solo la nostra famiglia Edmonton, ma anche gli amanti degli animali di in tutto il MONDO che si innamorano di lei, ci fa capire cosa abbiamo fatto”.

READ  Così in quattro mesi di politica estera Draghi si è imposto ai populisti - Corriere.it

Segui LaZampa.it su Facebook (clicca qui), Twitter (clicca qui) e Instagram (clicca qui)

Riparte la newsletter settimanale e gratuita, se vuoi registrarti clicca qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *