La Svezia prende le distanze dalle milizie curde, in rotta verso l’adesione alla NATO

La Svezia prende le distanze dalle milizie curde, in rotta verso l’adesione alla NATO

SCIMMIA

Notizie ONSModificato

Il nuovo governo svedese prende le distanze dalla milizia curda delle YPG. Così facendo, il paese spera di ottenere l’approvazione della Turchia per entrare a far parte della NATO.

La milizia delle YPG e l’organizzazione politica del PYD sono state fondate dai curdi siriani. La milizia è supportata da anni nella lotta contro lo Stato Islamico dalla Svezia, ma anche dai Paesi della Nato. Tuttavia, la Turchia considera il gruppo una propaggine del PKK curdo, che è stato designato organizzazione terroristica da Turchia, Stati Uniti e UE. Il governo di Ankara ha avvertito che bloccherà l’adesione della Svezia alla NATO se il sostegno alla milizia YPG e al PYD non finirà.

Reuters

Il nuovo primo ministro svedese Kristersson e il capo della NATO Jens Stoltenberg durante un incontro a Bruxelles

Il ministro degli Esteri svedese Tobias Billstrom ha dichiarato che il suo Paese si conformerà alla richiesta della Turchia. “C’è un legame troppo stretto tra queste organizzazioni e il PKK per essere positivo per le relazioni tra noi e la Turchia”, ha detto il ministro a Sveriges Radio. “L’obiettivo principale è l’adesione della Svezia alla NATO”.

L’annuncio di Billstrom sembra opportuno. Tra pochi giorni, il nuovo primo ministro svedese Ulf Kristersson si recherà in visita in Turchia per convincere il presidente turco Erdogan ad accettare l’adesione della Svezia.

La Svezia e la Finlandia hanno presentato domanda di adesione alla NATO all’inizio di quest’anno in risposta all’invasione russa dell’Ucraina.

READ  Principi di Monaco sempre più soli, Natale senza Alberto e Charlene

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *