Condannati i mafiosi che hanno barato con i sussidi dell’UE

Condannati i mafiosi che hanno barato con i sussidi dell’UE

Decine di mafiosi siciliani sono stati condannati questa settimana in Italia ad anni di carcere per aver estorto agli agricoltori e aver ingiustamente prelevato almeno 5 milioni di euro di sussidi agricoli.

Durante il mega processo, durato un anno e mezzo, 101 sospetti sono stati portati davanti al tribunale. Questa settimana, 91 persone sono state condannate per frode, falsa dichiarazione, estorsione e creazione di false attività commerciali per scopi illegali e traffico di droga, tra le altre accuse. Due dei capi della banda vanno in prigione per 30 e 23 anni.

La mafia si è appropriata della terra minacciando i proprietari terrieri o creando false locazioni. Hanno corrotto i funzionari locali e identificato appezzamenti di terreno per i quali non erano ancora stati reclamati fondi dell’UE. Hanno così raccolto fino a 1.000 euro per ettaro. Il pm italiano sostiene che centinaia di ettari di terreno agricolo sono così passati nelle mani dei clan.

denaro di protezione

Dietro le pratiche canaglia si nascondono due clan. Questi hanno combattuto una battaglia nel traffico di droga negli anni ’80 e ’90, ma hanno seppellito l’ascia di guerra quando hanno puntato le loro frecce verso la campagna. I primi sospetti di frode sono emersi nel 2012, quando un amministratore locale ha inasprito i controlli sui contributi erogati. La polizia italiana ha arrestato decine di mafiosi e complici, come avvocati e commercialisti, nel 2020 dopo un’indagine durata quattro anni.

In servizi giornalistici come Politico, The Guardian e giornali locali italiani, diventano chiari i metodi di lavoro dei clan nelle campagne siciliane vicino a Messina. I clan fecero di tutto per costringere i contadini a vendere loro la loro terra. “L’obiettivo è mandare in bancarotta l’agricoltore, distruggendo il suo raccolto o dando fuoco alla sua terra. In questo modo possono acquistare questa terra per pochissimi soldi e beneficiare dei sussidi agricoli dell’UE”, ha detto al Guardian un agricoltore siciliano.

READ  DL Sostegni: scadenze per bonus Covid, contributi a fondo perduto e rottamazione

Rappresaglie

In alcuni casi, un contadino ha rinunciato alla sua terra dopo la telefonata di un boss mafioso, temendo rappresaglie. Gli agricoltori che non hanno collaborato abbastanza rapidamente hanno ripetutamente trovato il bestiame “sciolto” nei loro campi, distruggendo il raccolto. I clan a volte davano fuoco ai raccolti o uccidevano il bestiame appartenente all’agricoltore in questione. I clan hanno anche chiesto ai contadini una protezione monetaria che va dai 50 ai 500 euro al mese.

Quando il complotto era nelle loro mani, i clan spesso non si preoccupavano di lavorare la terra. Hanno chiesto solo la sovvenzione europea. In alcuni casi, hanno persino chiesto finanziamenti su terreni non utilizzati dai contadini o su terreni che non possedevano, compreso un appezzamento di terreno di proprietà della Chiesa cattolica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *