“L’alcol è consentito, le persone LGBT non sono perseguite” durante i Mondiali in Qatar

“L’alcol è consentito, le persone LGBT non sono perseguite” durante i Mondiali in Qatar

AFP

Calcio IL NOSTRO

La polizia del Qatar non interverrà durante la Coppa del Mondo FIFA se i tifosi sono ubriachi. Anche le persone della comunità LGBTI non devono temere la persecuzione.

Lo afferma un documento in possesso del ANNO DOMINI, e che era stato precedentemente condiviso con la federazione calcistica KNVB e il Ministero degli Affari Esteri. Questa è una rappresentazione degli accordi tra l’organizzazione del torneo e la polizia del Qatar.

Questi accordi non sono mai stati resi pubblici. Il comitato organizzatore della Coppa del Mondo e l’associazione mondiale di calcio FIFA non hanno risposto alle domande in merito.

Regole fluide

Le regole sono molto vaghe per gli standard del Qatar. Si legge: “clemenza per comportamenti che non minacciano l’integrità fisica o la proprietà”.

L’alcol normalmente non è consentito in Qatar. Ma durante la Coppa del Mondo, i fan ubriachi saranno praticamente in grado di fare le loro cose. A meno che non diventino violenti o siano “sotto l’effetto dell’alcol”, vengono collocati in “tende che fanno riflettere”.

I tifosi del Qatar possono anche indossare quello che vogliono, organizzare marce, cantare e fare musica. Secondo il testo, giornalisti e attivisti hanno il diritto di dire e scrivere ciò che vogliono e di esprimersi sui diritti umani.

READ  'Mercedes minaccia di dare ad Alonso il motore più potente', 'pensa W14B' | Riepilogo dei fan del GP

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *