“Lane nel cuore, questa band …

Paolo Rossi ai tempi del Real Vicenza durante una partita allo stadio Meazza, circondato dai difensori dell'Inter. ARCHIVIO FOTO

Paolo Rossi ai tempi del Real Vicenza durante una partita allo stadio Meazza, circondato dai difensori dell’Inter. ARCHIVIO FOTO

Solo cinque giorni fa Paolo Rossi ha pubblicato un’ultima intervista alla giornalista Alberta Mantovani del Giornale di Vicenza, che qui riportiamo integralmente.

Da qualche mese ormai lontana da Vicenza e dalla sua Vicenza, ma con cuori e pensieri sempre vicini. Paolo Rossi, ancora in convalescenza da un intervento chirurgico, segue ancora i suoi amati colori biancorossi e non salta una partita del Vicenza. Pablito, che è nel consiglio di amministrazione di The Lane, si sente spesso con la direzione aziendale e con i Reds e non manca il suo importante supporto in questa stagione molto difficile segnata da Covid. Ed è grazie a questo profondo affetto che lo lega ai colori rosso e bianco che ha voluto concederci questa intervista.

Come stai intanto? “Questi mesi sono stati difficili, che sto cercando di superare. Una fase complicata della mia vita, dal punto di vista della salute, ma faccio di tutto per ritrovare la salute il più velocemente possibile. Nonostante questo, non ho mai perso una partita di Lane, è più forte di me! È un pezzo di cuore ”.

Come valuta il corso di Vicenza? “Salita, per le tante difficoltà iniziali dovute a Covid e anche per il salto in categoria B. Nonostante ciò, Vicenza si è sempre espressa su buoni livelli”.

Riuscirà la rosa biancorossa dei playoff? “È possibile, perché è grande e i ruoli sono ben coperti”.

Un campionato in cui Covid a volte si allena che valore può avere? “Penso che sia tutto un po ‘stravolto, perché a volte le scelte sono obbligate. Ma è un destino democratico, vale per tutti, quindi non resta che giocarlo in campo. Quello che non mi piace è che non ci siano tifosi nello stadio. Da calciatore so quanto sia importante il calore del pubblico e da spettatore mi rendo conto di quanta differenza faccia il tifo a volte ”.

READ  Buffon continua a giocare: il Monaco lo tenta, in Italia occhio all'Atalanta | Prima pagina

Il tecnico Di Carlo ha detto che con cuore e coraggio niente è impossibile. “Hai ragione, cuore e coraggio sono due ottimi ingredienti per un buon risultato, ma devono essere mescolati a tecnica e squadra”.

Un giudizio sul pareggio di Empoli e quello di Monza. Dopo il bel pareggio dell’Empoli, esce dal campo anche Lane, un altro dei contendenti in Serie A, a testa alta, prendendo un punto molto prezioso. Lo ha fatto con autorità, personalità e lavoro di squadra. Ci sono state imperfezioni e una certa incoscienza, ma abbiamo visto molto carattere, che ci permetterà di stare al passo con i cosiddetti grandi. Di Carlo, dopo un inizio di campionato lento, sta facendo un ottimo lavoro. È vero che non stiamo ancora raccogliendo, in termini di punti, quello che ci meritiamo, ma la soddisfacente evidenza dell’ultimo periodo ci fa ben sperare per il futuro ”.

Quali giocatori possono essere decisivi? “Sono tutti di buon livello. L’unico sopra la categoria, per esperienza, è Meggiorini. Nel complesso un bel gruppo ”.

C’è uno degli attaccanti della squadra più vicino a Paolo Rossi? “Nessuno ha le mie caratteristiche, anche se sono tutte molto buone. Vedremo strada facendo ”.

Chi è favorito nella lotta alla promozione in Serie A? Salernitana, Empoli e Cittadella più la solita squadra a sorpresa che c’è ancora in serie B ma che al momento non riesco a identificare. Facciamo ancora qualche partita e capiremo ”.

Per la prima volta che una donna gestisce una partita di Champions League, cosa ne pensa? I giocatori sono pronti? “Una bella svolta, mi piace l’idea. Anche lì, come per tutte le novità, va sostenuta. Le donne sono attente, diligenti, determinate e quando scelgono di fare qualcosa, la fanno meglio, quindi continuate così ”.

READ  fiammifero grande e croci blu

Recentemente è mancato Ernesto Galli e anche un altro grande ex come Mario Maraschi “Mario era una bandiera della storia biancorossa, Ernesto un fratello. Un amico sincero, un pilastro di Vicenza e Vicenza. Non ho ancora smesso di piangere, questa morte mi ha colpito molto, soprattutto per i termini. Ricordo quando a Perugia dovevo prendere un rigore contro di lui. All’epoca giocavo con Grifo, lui con l’Udinese. Ho segnato ma mi è dispiaciuto, è venuto a tirarmi su di morale. Questa è l’essenza del nostro rapporto, soprattutto gli interessi, non lo dimenticherò mai. Ciao Ernesto “,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *