“Le persone sottovalutano ciò che la fiducia fa per te”

“Le persone sottovalutano ciò che la fiducia fa per te”

“Le persone sottovalutano ciò che la fiducia fa per te”

AFP

Calcio NOSTRO

  • basso bianco

    editore NOS Sport

  • basso bianco

    editore NOS Sport

La tasca di Sofyan Amrabat, contenente versioni in miniatura di Luka Modric, Mateo Kovacic e Marcelo Brozovic. Questa immagine è circolata sui social network durante la partita dei Mondiali Marocco-Croazia.

Amrabat ha ricevuto molti elogi mercoledì dopo la sua prestazione contro il forte centrocampista croato. Ma Nordin Amrabat, suo fratello di nove anni che ha collezionato 67 presenze in nazionale con il Marocco, la vedeva diversamente. Un po’ più critico. “Era – comprensibile anche ai Mondiali – piuttosto cauto nel suo gioco. Può dare molto di più alla palla”.

Che possa davvero fare ancora meglio, Sofyan Amrabat lo ha dimostrato già nell’estate del 2020 con la Fiorentina in Serie A. Alla Viola, da controller con le capacità di un calciatore a centrocampo, è diventato il fulcro della squadra. Napoli, Tottenham Hotspur e Milan lo adorerebbero.

Ma qualche anno prima, il suo mondo era molto diverso. Al Feyenoord e al Club Brugge, Amrabat non ha mai veramente trovato il suo equilibrio. Ha mostrato solo sporadicamente il gioco energico e tecnico con cui ha sfondato all’FC Utrecht.

Il fatto che Amrabat abbia firmato per l’Hellas Verona, appena promosso in Serie A, ad agosto 2019 è stata una conferma per molti tifosi: probabilmente non sentiremo molto parlare di questo ragazzo.

Suo fratello spiega cosa è andato storto negli anni prima che si trasferisse in Italia. “È forte e veloce, quindi puoi usarlo ovunque. Gli allenatori hanno visto che era in grado di gestire ragionevolmente bene in molte posizioni. Ma ha funzionato sempre di più contro di lui. A un certo punto a Brugge, era anche un difensore in un difesa a tre”.

E Sofyan Amrabat stessa ne aveva completamente chiuso. Per farsi vedere davvero, sapeva di doversi difendere. “Quando l’Hellas Verona ha mostrato interesse, ha detto che avrebbe firmato solo se fosse venuto a giocare ‘su sei’. Altrimenti, semplicemente non lo voleva”.

A Verona l’allenatore era il croato Ivan Juric. Ha promesso di usarlo come centrocampista difensivo. Questo si è rivelato essere il punto di svolta nella carriera di Amrabat. Ha conquistato in poco tempo un posto fondamentale a Verona. Alle sei, come promesso.

AFP

Juric dà istruzioni ad Amrabat, con il quale dice anche di avere un legame speciale

Coach Juric sembrava capirlo perfettamente e capire come avvicinarsi ad Amrabat. Non lo sperimentava dai tempi dell’FC Utrecht, quando lavorava con Erik ten Hag.

“Aveva un ottimo rapporto con due allenatori: con Erik ten Hag e con Juric, con cui ha costruito un rapporto padre-figlio. Con questi due allenatori, Sofyan sentiva che ci tenevano davvero a lui. Che volevano farlo meglio e non era solo uno dei 25 giocatori selezionati. È un ragazzo abbastanza sensibile – sembra davvero un tosto in campo – ma ha un piccolo cuore”.

Limiti fisici

Un mostro: non è così che l’Olanda, amante del calcio, conosceva l’Amrabat. È stato subito chiaro a tutti che sapeva giocare bene a calcio, ma non eccelleva nella forza fisica in Premier League.

Contro la Croazia, è stato di grande valore per il Marocco con la sua potenza nei duelli, le intercettazioni e i contrasti.

“Quando duellavo in piazza con Sofyan a Huizen, spesso sentivo che era estremamente forte. Ha imparato a usare il suo corpo.”

Dopo due anni all’Hellas Verona, Amrabat è passato alla Fiorentina. Lì è uno dei leader della squadra, proprio come con il Marocco. “Non è un ‘chiacchierone’, come me, ma è diventato sempre più importante anche nello spogliatoio. Inoltre, sta trascinando la squadra con il suo gioco, l’hai visto contro la Croazia”.

“Suonare per la famiglia”

In Marocco, che oggi alle 14 gioca la partita decisiva contro il Belgio, anche Sofyan Amrabat ha un allenatore nella persona di Walid Regragui che gli dà fiducia. “È volato a Firenze per la Coppa del Mondo per una bella cena con Sofyan. Ha detto a Sofyan che poteva essere la chiave del successo. Lì si è sviluppato un buon rapporto”.

Anche Regragui può motivare bene la squadra. “Quello che Hervé Renard ha fatto con l’Arabia Saudita, può farlo anche Walid Regragui. Prima del duello con la Croazia, ha parlato delle famiglie dei giocatori: ‘Stai giocando questo Mondiale per le tue nonne, i tuoi padri e le tue madri’. Poi Sofyan vola in campo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *