Le ragioni del rapace – Libero Quotidiano

Fra Juventus e Inter i nervi sono molto tesi. Per sempre. E quello che è successo al rientro dalla semifinale di Coppa Italia, uno 0-0 che garantiva l’accesso in finale ai bianconeri, lo ha solo confermato. Siamo all’Allianz, dove dopo il fischio finale si sono attardate le telecamere Andrea Agnelli. E hanno colto il presidente della Juventus fare una serie di insulti, volgarità e insulti a qualcuno. O meglio, verso la panchina dell’Inter.

“Fanculo ***, cogl ***” e così via. Insomma, un comportamento non irreprensibile. E probabilmente secondo Agnelli c’era davvero Antonio Conte, Allenatore dell’Inter, la cui storia alla Juventus è finita proprio a causa del burrascoso rapporto con Agnelli. Dal 2014, infatti, i rapporti tra i due sono minimi. E il filmato dello strappo preferito di Agnelli dalla telecamera è lì per dimostrarlo.

Risposta arrabbiata nel post partita di Conte: “Non c’è niente da dire, ci dovrebbe essere più sportività e rispetto”, ha commentato riferendosi alle immagini di Agnelli. E ancora, consultato da Rai Sport, ha aggiunto il tecnico: “Le fonti della Juventus dovrebbero dire la verità, Penso che il quarto ufficiale abbia sentito e visto cosa è successo durante la partita. Dobbiamo essere più educati. Insomma, secondo Conte, gli insulti non sono arrivati ​​solo dopo il fischio finale.

Nel dettaglio il contenzioso (filtra quindi l’ambiente bianconero a seconda di quanto segnalato SportMediaSet) sarebbe iniziato alla fine del primo tempo quando lo stesso conte, avendo già avuto un confronto verbale con Leonard Bonucci, avrebbe poi rivolto un gesto verso gli spalti, insultando i dirigenti della Juventus, da qui lo shock al fischio finale, la cui ricostruzione non è ancora chiara. Ovviamente le autorità sportive indagheranno: squalifiche all’orizzonte?

READ  La telefonata tra Conte e Biden: "Tantissima voglia di collaborare alle sfide globali". L'accordo su uno sviluppo più equo e un clima

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *