Le severe sanzioni cinesi devono impedire l’invasione di Taiwan

Le severe sanzioni cinesi devono impedire l’invasione di Taiwan

Zuma Press

Notizie ONS

  • Sjoerd den Daas

    Corrispondente cinese

  • Sjoerd den Daas

    Corrispondente cinese

I Paesi Bassi devono lottare per una serie di sanzioni che impediranno alla Cina di invadere Taiwan. Così dice il parlamentare D66 Sjoerd Sjoerdsma, che sta visitando Taiwan con un gruppo internazionale. È la prima visita di un parlamentare olandese da quando Henk Krol ha visitato l’isola nel 2019.

“Le conseguenze di un attacco cinese a Taiwan sulla nostra economia e sull’economia mondiale saranno molte volte maggiori di quanto accaduto in Ucraina”, ha affermato Sjoerdsma, che indica gli importanti flussi commerciali attraverso lo Stretto di Taiwan e l’industria dei chip per computer. “Significa anche che l’urgenza che i Paesi Bassi devono sentire per adeguare la nostra politica di sostegno a Taiwan e fare pressione sulla Cina è aumentata”.

Sjoerdsma visita Taipei con rappresentanti, tra gli altri, di Germania, Regno Unito e Ucraina. Sono stati ricevuti dal presidente Tsai Ing-wen giovedì mattina. “Vi ringraziamo per il vostro sostegno”, ha detto il presidente Tsai ai delegati. L’eurodeputato Reinhard Bütikofer è stato costretto a guardare dietro la webcam. È risultato positivo al corona.

“Taiwan è in prima linea nell’espansione autoritaria”, ha detto Tsai in un filmato condiviso dal suo ufficio a Taipei. Ha menzionato la guerra in Ucraina. “L’ordine mondiale democratico deve affrontare sfide serie. L’invasione russa dell’Ucraina e le esercitazioni militari a lungo termine della Cina indicano tutti un aumento dell’autoritarismo”.

Una delle più grandi lezioni dell’invasione russa dell’Ucraina è che non abbiamo detto a Putin in anticipo quali sarebbero state le conseguenze.

Sjoerd Sjoerdsma (D66)

Il segretario di Stato americano Blinken ha dichiarato la scorsa settimana di aspettarsi che un’invasione cinese di Taiwan avvenga “più velocemente” di quanto si pensasse. Lo stesso Tsai non parla apertamente di una linea temporale, ma Taiwan è stata avvertita. “Tutto dimostra che tengono conto che non deve essere necessariamente qualcosa che richiede alcuni anni, ma che potrebbe anche accadere molto rapidamente”, afferma Sjoerdsma, la cui delegazione ha parlato in precedenza con il ministro degli Esteri taiwanese. Affari.

READ  Covid, buffer per tutti sui voli Roma-Milano. ecco il piano

Motivo sufficiente per i parlamentari per svegliare l’Europa. “Una delle più grandi lezioni dell’invasione russa dell’Ucraina è che non abbiamo chiarito in anticipo a Putin quali sarebbero state le conseguenze”, ha detto Sjoerdsma. “Penso che sia molto importante per i Paesi Bassi e per l’Unione Europea che ora mettiamo sul tavolo quali saranno le conseguenze per Pechino se attaccheranno Taiwan”.

Chiusura del sistema bancario

I piani includono una combinazione di sanzioni politiche ed economiche e anche la chiusura del sistema bancario è sul tavolo quando si tratta del membro D66. Strumenti a cui, secondo lui, bisogna essere preparati nel caso in cui Pechino decidesse di invadere o bloccare Taiwan. Sjoerdsma: “Conseguenze che devono essere così grandi che i costi per Pechino saranno di gran lunga superiori alle entrate”.

“I cosiddetti parlamentari di cui parli sono lì per sollevare la questione di Taiwan”, ha detto in risposta il portavoce cinese per gli affari esteri Zhao Lijian. “Sono bravi a diffondere bugie e voci e non hanno credibilità, ma useranno l’umiliazione”, ha detto Zhao dei piani di Sjoerdsma e dei suoi associati per un pacchetto di sanzioni. “Al DPP (partito al governo taiwanese) diciamo: qualsiasi cooperazione con le forze straniere è destinata al fallimento”, ha detto Zhao.

PAPÀ

Il ministro degli Esteri cinese Zhao Lijian

Come Bütikofer, anche Sjoerdsma è in una lista di sanzioni in Cina per “aver diffuso bugie e disinformazione”, come hanno affermato le autorità di Pechino. Le sanzioni erano in risposta alle sanzioni dell’UE contro la Repubblica popolare per le violazioni dei diritti umani nello Xinjiang e alla mozione approvata dalla Camera dei rappresentanti per etichettare la difficile situazione delle minoranze musulmane della regione come genocidio.

READ  Centinaia di persone in India sono finite in ospedale con una malattia non identificata

Sjoerdsma dice che non gli importa molto di ciò che chiama intimidazione da parte delle autorità cinesi. “Laddove l’UE inserisce le persone in un elenco di sanzioni per le violazioni dei diritti umani, Pechino inserisce in un elenco di sanzioni le persone che vi si sono impegnate”, ha affermato il parlamentare. “Vorremmo avviare un dialogo con il governo cinese e il popolo cinese, ma ciò è reso impossibile perché molti di noi sono nell’elenco delle sanzioni”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *