Le storie di mitici mostri marini sembrano contenere un granello di verità

Le storie di mitici mostri marini sembrano contenere un granello di verità

La ricerca suggerisce che il comportamento alimentare delle balene scoperto di recente e alquanto bizzarro non è affatto nuovo. Invece, sembra che sia stato scritto circa 2000 anni fa, dopodiché queste storie hanno preso vita e alla fine hanno persino alimentato i miti dei mostri marini medievali.

È il 2011 e gli scienziati stanno scoprendo un modo completamente nuovo per le balene di ingerire il cibo. Le balene pendono verticalmente nell’acqua, spalancano la bocca e poi aspettano che il pesce salti o nuoti in queste bocche aperte. Una volta che un buon numero di pesci ha fatto questo, le balene chiudono la bocca e mangiano il pesce. È un approccio bizzarro che probabilmente funziona perché i pesci credono che la bocca spalancata sia un posto adatto per nascondersi dai predatori. Ma niente potrebbe essere più lontano dalla verità.

Non nuovo
Gli scienziati hanno ora osservato l’insolito comportamento alimentare delle megattere che vivono al largo dell’isola di Vancouver. Ma anche tra le balene di Bryde, che vivono dall’altra parte del mondo, nel Golfo di Thailandia. Ha portato alla pubblicazione di vari articoli scientifici in cui l’insolito comportamento alimentare veniva invariabilmente definito “romanzo”. Ma questo non è del tutto giustificato, ora scrivono i ricercatori sulla rivista Scienza dei mammiferi marini. Ci sono forti indicazioni che questo comportamento fosse già descritto più di 2000 anni fa, dopodiché queste descrizioni centinaia di anni dopo – al tempo del Medioevo – divennero addirittura cibo per miti sui mostri marini che venivano spesso citati nello stesso respiro come sirene e kraken.


Una balena di Bryde pesca in un modo davvero straordinario nel Golfo di Thailandia. Video: Surachai Passada, Dipartimento delle risorse marine e costiere.

Hafgufa
L’idea che il notevole comportamento alimentare delle balene fosse stato osservato e persino descritto dagli umani molto tempo fa ebbe origine quando il ricercatore John McCarthy, un archeologo marino, lesse del mostro marino nordico “hafgufa” che appare nei manoscritti dei norvegesi del XIII secolo. Il comportamento della “hafgufa” presenta sorprendenti somiglianze con il comportamento alimentare delle balene moderne recentemente descritto. “Non appena abbiamo guardato questo e ne abbiamo discusso con colleghi specializzati in letteratura medievale, ci siamo resi conto che le versioni più antiche di questi miti non descrivono affatto mostri marini, ma descrivono in modo molto esplicito una specie di balena”, ha detto McCarthy. “E poi il legame tra i due (le balene moderne e l’hafgufa, ndr) è diventato molto più forte”.

READ  Ex membro uccide sei Testimoni di Geova e un feto ad Amburgo: "Polizia informata della malattia mentale dell'assassino" | All'estero

A proposito di hafgufa
L’hafgufa è un mitico mostro marino che appare per la prima volta nei miti nordici nel 13° secolo, ma trova la sua strada nei miti islandesi fino al 18° secolo. Il mostro marino appare spesso accanto ad altre apparizioni mitiche, come la sirena e il kraken. L’hafgufa è descritto come un grande mostro marino che emana un odore particolare che attira i pesci verso la sua bocca spalancata e immobile.

Aspidochelone
I miti norreni dell’hafgufa, secondo McCarthy ei suoi colleghi, attingono vagamente dai bestiari medievali. Si tratta di testi popolari apparsi nel Medioevo e che descrivono un gran numero di animali reali e mitici. Questi bestiari includevano spesso la descrizione di una creatura molto simile per molti aspetti all’hafgufa: l’aspidochelone. Si diceva anche che questo animale a volte galleggiasse silenzioso nell’acqua, con la bocca spalancata, mentre emetteva un odore che incoraggiava i pesci a saltargli in bocca.

Testi più antichi
E dopo alcune ricerche, i ricercatori hanno scoperto testi ancora più antichi di creature simili. Il più antico – scritto ad Alessandria – risale addirittura al periodo 150-200 d.C. Sebbene il testo originale sia andato perduto, sono state ritrovate traduzioni successive che parlano di una balena (!) che – quando ha fame – attira i pesci con un odore specifico che poi salta volontariamente nella sua bocca spalancata. “Quando la sua bocca è piena di diversi pesciolini, chiude improvvisamente la bocca e li inghiotte”, secondo una traduzione dell’anno 400.

Le somiglianze sono ovviamente ancora sorprendenti. Ma ciò che colpisce particolarmente qui è che menziona esplicitamente il fatto che questo comportamento è stato osservato nelle balene. Ciò suggerisce in modo abbastanza convincente, affermano i ricercatori, che gli esseri umani hanno assistito al comportamento delle balene più di 2000 anni fa, che i biologi hanno recentemente definito “nuovo”. “Molti vecchi miti sembrano avere del vero”, osserva McCarthy in una conversazione con Scientias.nl SU. “Ad esempio, in precedenza era stato suggerito che il mito del kraken del XVII secolo fosse ispirato da enormi polpi”. Le storie di creature simili a hafgufa sembrano risalire a molto prima di quelle del kraken; sembrano avere la loro origine in descrizioni registrate nei primi secoli della nostra era. “Ma più o meno nello stesso periodo in cui apparve il mito del kraken, anche l’hafgufa era raggruppato con mostri fantastici. E sulle mappe di quel tempo, ad esempio, l’hafgufa era raffigurato come una strana bestia con scaglie e corna. Ma prima, era è stato semplicemente descritto come una balena molto grande.

READ  Gli ucraini sono bloccati a Calais mentre francesi e britannici combattono per un rifugio
Il comportamento insolito delle balene potrebbe essere stato descritto nell’antichità e aver contribuito ai miti sui mostri marini nel Medioevo. Il mitico mostro marino che vedete qui è stato disegnato nel XIII secolo. A destra una ricostruzione di una balena che pesca con la bocca spalancata (realizzata da J. McCarthy).

Fragranza
L’unica cosa che si discosta leggermente dalla realtà è l'”odore” che emanavano le balene descritte nell’antichità e successivamente anche i mostri marini citati nei miti medievali per attirare i pesci. Mentre alcune balene producono l’ambra grigia – un ingrediente dei profumi – questo non vale per le balenottere comuni, come la megattera e la balenottera di Bryde. I ricercatori ritengono quindi che questo elemento sia molto vagamente ispirato al fatto che le balenottere comuni rigurgitassero in precedenza il pesce filtrato per attirare più pesci nelle loro bocche spalancate.

Questa rappresentazione di un mostro marino che ricorda per dimensioni e comportamento una balena risale al IX secolo d.C. Immagine: Biblioteca comunale di Berna.

Pertanto, il “nuovo” comportamento delle balene recentemente descritto sembra essere molto antico. È stato descritto più di 2000 anni fa e secoli dopo deve essere sembrato così strano alle persone che l’hanno incluso nei loro emozionanti miti. La balena è stata privata dell’etichetta “balena” e ha ricevuto in cambio alcune caratteristiche speciali, come scaglie e corna. Chiunque guardi solo questi testi medievali penserebbe quindi che si tratti di un mito puro. Ma c’è davvero un pizzico di verità in questo, come sottolineano con cautela i testi più antichi che menzionano esplicitamente una balena e sui quali i successivi testi medievali sembrano basarsi. “Questa opportunità ci ha davvero sorpreso”, ammette McCarthy. “E anche i biologi marini che per primi hanno documentato il comportamento delle balene nel Golfo di Thailandia sono rimasti sorpresi quando abbiamo inviato loro il nostro documento di ricerca. Le connessioni sono piuttosto convincenti. Il comportamento potrebbe essere nuovo per la scienza, ma ciò non significa che non lo sia Non sono state viste e le balene non lo fanno da molto tempo.

READ  A un ragazzo (14) morto dopo essere caduto da una torre in caduta libera era stato precedentemente rifiutato il passaggio a causa del suo peso

Perché solo ora?
Lo studio solleva naturalmente un’interessante domanda di follow-up. Perché se le balene lo fanno almeno dai tempi antichi, perché gli scienziati non l’hanno visto per la prima volta fino al 2011? Ci sono diverse ragioni per questo, dice McCarthy. Ad esempio, è possibile che abbiamo notato il comportamento solo ora perché le balene sono ora monitorate così da vicino, in parte grazie alla nuova tecnologia. “La ricerca sulle balene è un campo di ricerca molto attivo, con nuove scoperte rese possibili in parte da tecnologie emergenti come i droni. Ma può anche darsi che il recupero delle popolazioni di balene le renda più visibili e allo stesso tempo incoraggi le balene a utilizzare una gamma più ampia di strategie di alimentazione, semplicemente perché sono diventate più competitive tra loro (a causa dell’aumento di numero, ndr. ).

Infine, naturalmente, lo studio solleva anche la questione se ci possa essere ancora più comportamento animale nascosto in antichi manoscritti a noi sconosciuti. McCarthy certamente non pensa che sia impensabile. “È certamente possibile – e anche probabile – che altri fenomeni naturali siano stati descritti in antichi manoscritti”. Allo stesso tempo, McCarthy deve riconoscere che può essere difficile districare miti, leggende, favole e realtà, e quindi trovare prove concrete per l’ipotesi che i fenomeni naturali fossero già descritti molto tempo fa, vecchi di centinaia o migliaia di anni, spesso in un forma alquanto distorta o insolita. Ma questo non è un motivo diretto per non cercarlo. In effetti, McCarthy spera che il suo studio incoraggi anche i biologi marini a scavare nelle fonti antiche, o almeno a testare alcune delle ipotesi emerse dalle sue immersioni nelle fonti antiche. “Ad esempio, ipotizziamo che il ‘profumo’ che le balene usano come esca, secondo le descrizioni negli antichi manoscritti, sia in realtà una piccola quantità di pesce rigurgitato, che le balene usano per uccidere ancora più prede, che spesso sono loro stesse carnivori, posso immaginare. biologi marini che testano questa teoria, anche se per farlo dovrebbero avvicinarsi molto alle balene!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *