L’emittente belga non deve pagare il presentatore Bart De Pauw dopo il caso MeToo #Me too

L’emittente belga non deve pagare il presentatore Bart De Pauw dopo il caso MeToo #Me too

L’emittente belga VRT non deve pagare un risarcimento al presentatore Bart De Pauw per il fallimento della sua carriera a causa delle molestie alle donne. Il giudice belga ha respinto lunedì la richiesta di un milione. De Pauw stesso è colui che deve pagare un risarcimento simbolico.

De Pauw ha richiesto circa 13 milioni di euro dal VRT perché presumibilmente si erano precipitati e ingiustamente lo hanno cacciato nel 2017 quando sono emerse lamentele sulla sua cattiva condotta. Secondo il presentatore, l’emittente belga non gli ha dato l’opportunità di difendersi.

L’anno scorso De Pauw ha ricevuto una pena detentiva di sei mesi con sospensione della pena per aver molestato sei attrici e altre donne con cui ha lavorato. La conduttrice ha bombardato le sue vittime, comprese le note attrici Maaike Cafmeyer e Lize Feryn, con, tra le altre cose, sms di natura sessuale transfrontaliera.

Nel 2017 si era già scusato per il suo comportamento. Ha detto di “capire” che i suoi “manieri giocosi o civettuoli” non erano per tutti i gusti. Si è scusato con chiunque si fosse sentito intimidito da lui.

Il 54enne conduttore, attore, sceneggiatore e produttore deve versare all’emittente un compenso simbolico di 1 euro, ha stabilito il tribunale. Copre anche le spese processuali.

READ  Produttore di Château Meiland: "Boulevard probabilmente ha catturato il suono del matrimonio" | Media

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *