Il golf autunnale è un dato di fatto, ma le iniezioni ripetute sono appena iniziate: che dire di questo?

Il golf autunnale è un dato di fatto, ma le iniezioni ripetute sono appena iniziate: che dire di questo?

I primi scatti ripetuti sono stati effettuati a metà settembre. Le persone con un rischio maggiore di ammalarsi vengono invitate per prime. Questo riguarda gli over 60, le persone che ogni anno si vaccinano contro l’influenza, poi tocca ai caregiver. Dopodiché, chiunque abbia compiuto i 12 anni di età può fissare un appuntamento per le riprese delle prove.

Le iniezioni dovrebbero dare una spinta al sistema immunitario, in modo che le persone siano meglio protette in caso di una nuova ondata di corona. Il RIVM ha notato la scorsa settimana che questa ondata era ufficialmente iniziata. Nel frattempo, non tutti i gruppi ad alto rischio hanno ancora avuto la possibilità di vaccinarsi. Al momento, è il turno delle persone nate nel 1959 o prima.

Più di 1100 persone ammesse

Il numero di persone ricoverate in ospedale per un’infezione da corona è in rapido aumento. Gli ospedali stanno attualmente curando 1.126 persone risultate positive, il numero più alto dal 20 luglio. Il National Patient Distribution Coordination Center (LPCS) ha annunciato oggi le cifre.

Venerdì scorso lo sportello si è attestato a 962 persone ricoverate: così questo fine settimana sono state ricoverate 164 persone in più rispetto a chi ha lasciato l’ospedale. Questo è il più grande aumento del fine settimana da metà marzo.

Il RIVM dice che la campagna è nei tempi previsti. “Abbiamo seguito il consiglio dell’UNWTO”, ha detto un portavoce. “Non vuoi essere troppo vicino al vaccino precedente e non vuoi vaccinare troppo presto, il che può portare a un’ulteriore diminuzione dell’immunità”.

Inizio dell’onda

Secondo il portavoce, non siamo troppo in ritardo, anche se l’onda è già iniziata. “Forse è ora di vaccinare. Siamo relativamente all’inizio. Non siamo al livello massimo”.

READ  Alfa Romeo Stelvio MY 2021: svelato il listino prezzi ufficiale

Secondo il RIVM, anche questo è difficile da prevedere. “Ci si aspettava l’ondata autunnale, ma non sappiamo quando e quanto in alto arriverà il picco. Quindi devi proteggere le persone al momento giusto”, afferma il portavoce.

L’immunologo WUR Huub Savelkoul è d’accordo. “L’onda è appena iniziata. Se ora ricevi un’iniezione ripetuta, allora sei protetto in modo ottimale tra il settimo giorno e il successivo decimo giorno. Rimarrai così – a seconda della tua età e del tuo stato di salute – per almeno sei mesi”, spiega Savelkoul. “Non raggiungeremo quel picco in due settimane. Quindi se vaccini ora, sarai in tempo”.

Altre varianti

Ma quello che preoccupa Savelkoul è il vaccino utilizzato per il richiamo. Il governo ha vaccini adatti alle attuali varianti del virus. Esistono vaccini contro la sottovariante BA.1 e vaccini più recenti che sono già stati adattati a BA.4/5.

Durante l’iniezione, non viene fatta alcuna distinzione tra i vaccini. I vaccini che arrivano per primi sono i primi ad essere preparati, secondo il ministero. All’immunologo Savelkoul piace vedere le cose in modo diverso. “La variante BA.1 ha causato parecchie infezioni all’inizio di quest’anno. Ora abbiamo un’altra variante (BA.4/5) che si sta diffondendo”.

Poiché i vaccini BA.1 sono arrivati ​​prima, il gruppo vulnerabile che ora è chiamato per la loro iniezione ripetuta sarebbe quindi vaccinato con loro. “Odio che tu stia lanciando vaccini per le persone più vulnerabili che sai non essere le migliori. E hai già qualcosa di meglio”.

Ciò non significa che il tiro che punta sempre su BA.1 non offra protezione. “Protegge. Ma cosa è abbastanza buono per chi? Non importa molto per la popolazione in generale, quindi direi che è necessario invertire la tendenza: dare alle persone vulnerabili il miglior vaccino”.

READ  sospetta contaminazione, ecco i pacchi a rischio - Libero Quotidiano

Più efficace dei vecchi vaccini

Il ministero afferma che le differenze tra le sottovarianti di omikron sono molto piccole e quindi i vaccini non differiscono molto. “I vaccini bivalenti BA.1 e BA.4/5 dovrebbero essere entrambi più efficaci contro le varianti del virus attualmente in circolazione rispetto ai vaccini monovalenti”. Bivalente significa bivalente, in altre parole: i nuovi vaccini proteggono sia dalla variante omikron che dal virus originario.

Ampia copertura

Ma a prescindere dal vaccino iniettato, il RIVM è convinto che l’attuale campagna vaccinale sia in grado di contrastare bene l’ondata autunnale. “Sia BA.1 o BA.4/5, i vaccini dovrebbero fornire un’ampia protezione contro malattie gravi”, ha affermato il portavoce.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *