L’interesse ipotecario variabile è sempre più popolare tra gli acquirenti di case ora che prendere in prestito costa di più | Economia

Gli acquirenti di case optano sempre più per un mutuo a tasso variabile o per un tasso fisso per un anno. In effetti, quest’anno i tassi di interesse sui mutui sono aumentati notevolmente. Lo riferisce De Nederlandsche Bank (DNB) Giovedì.

I tassi ipotecari sono bassi da anni. Pertanto, era vantaggioso fissare il tasso di interesse su un lungo periodo, ad esempio dieci o anche venti anni. In questo modo, gli acquirenti di case avevano la certezza di anni di bassi tassi di interesse sul loro mutuo.

I tassi d’interesse ipotecari sono aumentati notevolmente dall’inizio di quest’anno: dall’1 all’1,5% all’inizio di quest’anno al 3-5% ora. Di conseguenza, meno persone vogliono fissare i loro interessi ipotecari per un lungo periodo, perché in tal caso non beneficeranno di un ulteriore calo dei tassi di interesse.

I dati DNB mostrano che a settembre sono stati accesi mutui per oltre 1 miliardo di euro a tasso variabile oa tasso fisso fino a un anno. Tale importo è superiore del 7% rispetto ad agosto e addirittura del 47% rispetto a gennaio di quest’anno. Questo mentre l’importo di tutti i mutui è diminuito del 16% durante questo periodo.

I tassi di interesse a lungo termine sono quindi diventati meno popolari tra gli acquirenti di case. In particolare, la fissazione dei tassi di interesse per più di dieci anni è meno popolare di prima.

Sebbene la fissazione dei tassi di interesse ipotecari a lungo termine stia perdendo popolarità, la sua quota è ancora maggiore dei tassi di interesse a breve termine. Ma questa differenza sta diventando sempre più piccola.

READ  Affari e finanza. Riciclaggio di denaro ed evasione: gli affari sporchi delle banche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.