Lo strano caso di un costruttore di yacht in bancarotta

Lo strano caso di un costruttore di yacht in bancarotta

Intraprendere24 giugno.Autore: Mirto Koopman

L’attività di un costruttore di yacht in Frisia – Rapsody Yachts – si è rivelata una nave che affonda. Nel 2011 è stato necessario dichiarare bancarotta e l’avvocato Robert Verdonk di Verdonk Advocaten è stato incaricato del caso come curatore. Non sapendo che il fallimento alla fine sarebbe stato combattuto dalla Corte Suprema. “È diventata una rissa legale con la banca”.

Rapsody Yachts era un’azienda che si concentrava sulla produzione, manutenzione e riparazione di yacht. Per lo più ha visto sloop e motoscafi esclusivi per i quali le persone hanno dovuto scavare a fondo nelle loro tasche. Ma la crisi finanziaria del 2008 si è riverberata tre anni dopo e il costruttore di yacht non è più riuscito a tenere la testa fuori dall’acqua.

Fatture

Quando Verdonk ha iniziato come curatore fallimentare, sentiva che sarebbe diventato un caso come tanti altri. Ma poi, niente potrebbe essere più lontano dalla verità. Il costruttore di yacht disponeva di una grande flotta di navi, alcune delle quali erano in cantiere poiché necessitavano di manutenzione, cosa che veniva eseguita nella maggior parte dei casi. Sloop e barche appartenevano a diversi proprietari e dovevano ancora pagare per le riparazioni.

“Pagherebbero e io restituirei le barche”

Roberto Verdonck. conservatore

Non era ancora successo perché le fatture non erano ancora state spedite. “Quando ho iniziato, quindi ho prima messo in ordine l’amministrazione e ho detto agli armatori che ce l’avremmo fatta onestamente: loro avrebbero pagato e io avrei restituito le barche”, ricorda Verdonk. Ma poi è intervenuta la banca, dicendo che aveva un privilegio sulle barche e quindi aveva il diritto di riscuotere il denaro.

cosa notevole

Tuttavia, Verdonk la pensava diversamente. “Finché non c’è fattura, non c’è debito e quindi nessun diritto di pegno. A mio avviso, quindi, la banca non aveva diritto ai soldi», spiega il curatore. Ma con sorpresa di Verdonk, la banca non l’ha accettato, anzi “entrando con la gamba destra”. Rabobank ha deciso di accettarlo in linea di principio, anche se si trattava solo di un importo di quarantamila euro su un totale di oltre quattro milioni di euro.

Leggi anche | Come gestisci l’eredità del banchiere mafioso?

“Fino ad allora, questo problema del diritto di pegno non era mai stato affrontato, era un caso curioso”, dice Verdonk. Ma il fiduciario ha osato farlo e così lui e la banca hanno finito per essere diametralmente opposti in tribunale. Lì, Rabobank ha deciso di ritenere personalmente responsabile anche il fiduciario perché la banca riteneva che avesse agito illegalmente.

“Pensavo di aver visto dove si era arenata la nave”

Robert Verdonk, curatore

E la banca ha vinto, almeno in termini di pegno. Il giudice ha stabilito che non vi era alcuna giustificazione per ritenere Verdonk responsabile. Ma non è finita qui, poiché Verdonk ha fatto appello. “Pensavo di avere un caso abbastanza difendibile, quindi ho pensato di vedere dove si è arenata la nave.”

Tra terra e barca

Tuttavia, anche la Corte Suprema si è pronunciata a favore della banca. “C’era un grande ‘ma’ in questo”, dice Verdonk, “perché c’è un certo ordine in cui i creditori vengono pagati in caso di fallimento”. Si è scoperto che la banca era in fondo alla fila e lo stesso fiduciario aveva la priorità. “Quindi le rape erano pronte”, ricorda Verdonk. “E non è del tutto assurdo.”

Leggi anche | Conservatrix, il raro fallimento di un assicuratore

La banca era del parere che il fiduciario avesse agito illegalmente e poi si fosse messo in tasca il denaro. Quindi Rabobank ha voluto fare appello. Ma la Corte Suprema non ha voluto farlo e la banca è caduta tra due sgabelli. La somma di quarantamila euro alla fine non è stata quindi pagata alla banca, “e le spese processuali probabilmente sono costate molto di più”, sospetta Verdonk.

L'attività di un costruttore di yacht in Frisia - Rapsody Yachts - si è rivelata una nave che affonda.
L’attività di un costruttore di yacht in Frisia – Rapsody Yachts – si è rivelata una nave che affonda. (ANP/Venema Media)
READ  presto una caratteristica molto richiesta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *