Lo sviluppatore trova un riferimento allo smart tracker di Google

Google potrebbe lavorare su un proprio smart tracker simile a AirTag e SmartTag di Apple e Samsung. Giornalisti e sviluppatori hanno scoperto riferimenti a un tale dispositivo con il titolo provvisorio Grogu.

Il giornalista Mishal Rahman scoperto un riferimento a un cosiddetto beacon di posizione nel menu di accoppiamento di Google Fast Pair. Inizialmente sembrava un menu per collegare i moduli di tracciamento di altri marchi, ma lo sviluppatore Kuba Wojciechowski scrivere che ha anche trovato riferimenti a tracker. Sottolineerebbero che Google sta lavorando al proprio tracker. Attualmente è il nome in codice Grogu, groguadio o GR10.

Si dice che il dispositivo sia sviluppato dal team che realizza anche i prodotti Nest, anche se ci sono buone probabilità che il tracker non venga rilasciato con quel marchio. Secondo Wojciechowski, il tracker avrà un altoparlante interno, paragonabile agli Apple AirTag. Inoltre, Wojciechowski afferma che il tracker supporterà la banda ultra larga e Bluetooth Low Energy.

Wojciechowski afferma che i tracker potrebbero funzionare con Pixel 6 e 7 Pro grazie al modulo a banda ultralarga, entrambi dotati anche di un tale modulo che attualmente non viene utilizzato per nulla.

Secondo quanto riferito, Google sta lavorando con vari produttori di chip per portare il supporto per il nuovo standard Fast Pair su più dispositivi. Consentirebbe inoltre ad altri dispositivi di comunicare con i beacon di Google. Ciò è possibile anche se, ad esempio, supportano solo BLE.

READ  "Nessuno ora è colpevole di schiavitù, ma è bene che vengano fatte delle scuse"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *