L’OLED con punti quantici è davvero migliore?

L’OLED con punti quantici è davvero migliore?

riassunto

Il Sony Bravia A95K è uno dei primi televisori con pannello OLED QD. Rispetto ai tradizionali schermi OLED bianchi, questo nuovo tipo di schermo offre una luminosità (leggermente) maggiore, angoli di visualizzazione leggermente migliori e una migliore saturazione del colore. Il Bravia A95 è un televisore ben costruito e di bell’aspetto che funziona perfettamente, ma purtroppo è molto costoso.

Tweakers dice: Ultimate

Chi è alla ricerca di una TV di fascia alta negli ultimi anni ha potuto scegliere tra due versioni: un modello LCD con pannello VA e oscuramento locale (fine) o uno basato su un pannello OLED delle fabbriche LG Display. Quest’anno verrà aggiunto un ulteriore sapore, poiché Samsung Display ora fornisce anche pannelli OLED per TV. I pannelli “QD-oled” di Samsung hanno una struttura diversa e diversi pro e contro rispetto al display LG. I primi produttori a utilizzare questi nuovi pannelli OLED sono Samsung Electronics e Sony. Quest’ultimo produttore è particolarmente interessante, perché Sony produce anche televisori con pannelli OLED di LG. Questo ci consente di confrontare quasi testa a testa LG Display e la tecnologia OLED di Samsung Display.

I TV OLED che sono sugli scaffali dei negozi da anni utilizzano tutti i cosiddetti pannelli OLED bianchi, una tecnologia su cui LG Display ha diversi brevetti. Sia che tu acquisti una TV OLED da LG Electronics, Philips, Sony o Panasonic, fino ad ora sono stati dotati di tali pannelli da LG Display senza eccezioni. In poche parole, questi pannelli utilizzano quattro subpixel OLED bianchi per pixel, tre dei quali hanno rispettivamente un filtro di colore rosso, verde e blu. Il quarto sub-pixel non filtrato viene utilizzato per consentire una maggiore emissione di luce. La massima luminosità dei pannelli white-oled è un punto debole di questa tecnologia dello schermo.

READ  I polpi a volte sentono anche il bisogno di lanciare oggetti

La tecnologia QD OLED che Samsung Display sta ora introducendo per i televisori funziona in modo diverso. Al posto degli OLED bianchi, vengono utilizzati gli OLED blu, in cui ogni pixel è costituito da tre subpixel OLED blu. Uno di questi tre OLED emette luce blu non filtrata, gli altri due hanno uno strato di punti quantici che converte la luce blu in luce rossa e verde. Il vantaggio è che i punti quantici convertono la luce in modo efficiente e producono colori primari molto puri, mentre i filtri colorati con pannelli oled bianchi sono piuttosto inefficienti ed eliminano molta luce. I televisori con schermo OLED QD offrirebbero quindi una gamma di colori leggermente più ampia e sarebbero più luminosi a parità di consumo energetico. Inoltre, i subpixel bianchi extra per aumentare la luminosità non sono più necessari. Questa è una buona notizia, perché più il pixel bianco sugli schermi OLED bianchi contribuisce ad aumentare la luminosità, più diminuisce la saturazione del colore di un tale pixel. Come LCD, QD-oled non ha questo inconveniente.

La gamma OLED di Sony

Sony applica i pannelli OLED Samsung QD nel nuovo Bravia XR-A95Kserie di modelli composta dai migliori modelli della gamma per il 2022. Poiché Samsung Display produce solo display OLED QD da 55″ e 65″, queste sono le uniche due dimensioni dello schermo in cui è disponibile l’A95K. Se vuoi una TV OLED piccola e premium di Sony, c’è la Bravo A90K-serie. I televisori di questa serie sono disponibili solo nei formati da 42″ e 48″ e utilizzano i “normali” pannelli Woled di LG. Vuoi una TV OLED Sony più grande? Quindi dipendi da te Bravia A80Kserie con televisori in formato 55″, 65″ e 77″.

READ  Razer presenta il poggiatesta Project Carol con altoparlanti surround aptici integrati - Gaming - Novità

Il nuovo modello di punta ovviamente non è economico. Il grande 55″ Bravia XR-55A95K si attesta al momento in cui scriviamo per almeno 3300 euro nel Pricewatch e per il 65″ di larghezza Bravia XR-65A95K deve essere pagato almeno 4400 euro. Se li confrontiamo con i modelli Bravia A80K posizionati appena al di sotto dei quali utilizzano pannelli woled, i prezzi di questi televisori sono sensibilmente inferiori a 1900 e 2800 euro per le versioni 55″ e 65″. La grande domanda, ovviamente, è se la tecnologia QD OLED valga il suo alto prezzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *