Lotta per il divorzio 127: ‘Non ho possibilità contro le belle donne’ |  sesso e relazioni

Lotta per il divorzio 127: ‘Non ho possibilità contro le belle donne’ | sesso e relazioni

Sono completamente assente. Anche Samuel mi ascolta sempre, quindi ora che è triste, devo ascoltare anche il suo dolore. Quindi è stato messo da parte come allenatore di una squadra giovanile. Gli fa male e gli piace parlarne. E lungo. Su cosa serve per fare di una squadra una squadra e che il calcio è più di un semplice obiettivo. “Non è uno sport per individui. Riguarda il collettivo. Ma i genitori non lo capiscono. Il tuo ex marito prima di tutto. Non ho già detto che Bas è un grande egoista che cerca la vittoria veloce? Annuisco. potrebbe essere appena uscito dalla mia bocca “Perché sei qui?” chiede infine.

“Forse non è il momento giusto,” comincio con cautela.

“Sì, sì,” Samuel annuisce virile e mi dà una stretta incoraggiante sulla mia gamba. Prendo un respiro profondo e poi all’improvviso dico: “Mi è stato chiesto di fare uno studio di mercato in Belgio per l’agenzia immobiliare per cui lavoravo”.

“L’ufficio per cui lavoravi prima è l’ufficio di Bas, vero?”

“Sì certo. Sì, si potrebbe dire che…”

“Pensi di poter lavorare di nuovo con la tua ex.”

“Sì perché no? Dici sempre che lavorare insieme ha un effetto purificante.

“Sì. Intendevo: purificare con la mia Marielle”, starnutisce Samuel.

“La mia Marielle? La mia Marielle? “, urlo. E va di male in peggio finché non esco di casa singhiozzando con la promessa che non tornerò mai più. Non voglio pensare alle conseguenze della lotta con Samuel. La mia testa mi dice che è ora di dire addio per sempre. Ci sono troppi dubbi e troppi pochi momenti di piacere. Ma il mio cuore non è ancora così lontano.

READ  Ad Amici è stata protagonista di una novità indiscussa: cosa fai oggi?

Fine settimana

Una volta terminate le settimane di prova, Bas e io partiamo per Bruxelles. Non insieme. Non vogliamo dire ai bambini che stiamo lavorando insieme all’estero. Pensiamo che sia troppo complicato per loro. Invece, dico loro che vado a casa di un amico a Londra. “Ma questo fine settimana, anche papà non c’è più”, grida Spring.

“Ehi, che difficoltà. Non resisto più. Chiediamo a nonna Mieke di dormire qui?”

Bruxelles

“Com’è andata la conversazione con Lente”, chiedo la prima sera del nostro soggiorno a Bruxelles. Abbiamo mangiato bene e abbiamo discusso di cose per domani. Si è spento senza intoppi. Conosco i punti ciechi di Bas, Bas sa come ispirarmi a guardare oltre. È come i bei vecchi tempi. Bas si tira indietro con un sorriso. Sembra ancora infantile anche se le sue tempie stanno diventando grigie. In effetti, lo rende più attraente. “Ha interpretato l’innocenza uccisa, ma alla fine ha promesso di rimborsare l’importo. A rate mensili. »

“Quante rate? »

“30.”

“Basso! Sono passati due anni e mezzo!”

Bas scoppiò a ridere. “Mi dispiace. Non ho alcuna possibilità contro le belle donne. Lo sai.”

“Oh sì, lo so”, gli chiedo dolcemente.

“Sì”, dice senza riserve: “Sai meglio di chiunque altro che soccombere alla pressione della bellezza. Bellezza.”

Rido. “Lo userò più spesso.”

“Volentieri. Vuoi qualcosa da bere?”

Preferirei dire di sì, ma riesco a controllarmi: “Meglio di no. Domani abbiamo un pranzo di lavoro. Vado solo a letto.

“Bene. Camminerò con te.

Camera d’albergo

Bas mi aiuta ad alzarmi e mi mette un braccio intorno alle spalle. Il calore del suo braccio forte fa rizzare i peli del mio collo. “È la mia camera da letto.” Bass annuisce silenziosamente. Prendo la chiave magnetica dalla borsetta e provo a chiuderla, ma il mio scialle mi scivola via dalla spalla e gioco con Anouks. Bas sorride e mi prende la chiave magnetica così posso mettere in ordine lo scialle e la borsa. Metto via le cose e prendo la scheda, ma Bas la sta già tenendo contro il sensore. La porta si apre. Primavera potente. Sorridendo, Bas mi accarezza la guancia, fa un piccolo inchino e dice: “Madame”. “Grazie Signore.” Entro a grandi passi, supponendo che stia camminando. Non lo fa. Mi giro e guardo Bas con aria interrogativa. Sorride con il suo bel sorriso e fa un gesto di scusa. Imito il suo gesto e rilascio la maniglia della porta. “Cosa intendi?” Bas apre la bocca per rispondere, ma non lo sento perché la porta è chiusa. Quella dannata penna. Disperato, mi avvicino alla porta. Devo chiedergli di entrare? E allora? Ho lasciato andare il pulsante e ho appoggiato la testa contro la porta in preda alla disperazione.

READ  Attore estremamente deluso: i suoi colleghi del mondo dello spettacolo abbandonano Ferry Doedens

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *