Frustrazione tra i residenti di Shanghai: ‘Per quanto tempo avrò la libertà?’

Frustrazione tra i residenti di Shanghai: ‘Per quanto tempo avrò la libertà?’

L’annuncio del test di massa di giovedì e venerdì ha provocato il panico per questo motivo: la gente ha iniziato ad accumulare in massa.

Shanghai ha vissuto in relativa libertà negli ultimi giorni, con misure di contenimento allentate dall’inizio di giugno. Ma non c’è un sentimento positivo. Milioni di residenti esprimono la loro frustrazione nei confronti della politica, sui social media o per strada.

Xie Cong, che vive con la sua famiglia nel distretto di Pudong, ha detto di essere triste. “Ho sempre la libertà di uscire, ma per quanto tempo? Non c’è motivo di non preoccuparsi. In qualsiasi momento, possono chiudere la porta della tua zona residenziale. »

Poche infezioni, azione rigorosa

Il numero di contagi è ancora basso rispetto ad altri paesi, ma poiché la Cina ha una politica zero covid, vengono adottate misure molto rigide. Sette nuove infezioni sintomatiche sono state segnalate venerdì a Shanghai e nove in persone senza sintomi della malattia.

A Pechino i tassi di infezione sono ancora più alti. Tuttavia, le misure sono ancora un po’ meno rigorose. Nella capitale molte attività sono chiuse, ma almeno la popolazione può ancora uscire.

La maggior parte delle persone a Shanghai è attualmente autorizzata a farlo, ma la domanda è quanto tempo ci vorrà. Liu Jia, che vive nel distretto di Changning, è preoccupata. “Perché non sai mai quanto tempo ci vorrà. Mentre posso ancora, prenderò il sole per un po’.”

vita isolata

Il confinamento, durato ufficialmente dall’inizio di maggio al 1 giugno, ha avuto un forte impatto sullo stato d’animo della popolazione. La linea di assistenza sanitaria locale per la salute mentale ha ricevuto tre volte più chiamate del solito durante il blocco.

READ  Finalmente un vero e proprio corso di salute per Venlo

Xie Cong: “Mi sento bene ora, ma assolutamente non durante il lockdown. Inoltre, vivo ancora in un appartamento abbastanza grande con la mia famiglia. Ma le persone che vivono da sole vivono in completo isolamento da due mesi”.

Shanghai non ha molto tempo per gongolare: ora è il momento di prendere precauzioni. Alcuni residenti stanno persino acquistando frigoriferi e congelatori extra in modo da poter fare scorta di più generi alimentari. Altri vanno al supermercato prima dell’alba per fare scorta di generi di prima necessità.

Paura della scarsità di cibo

Liu Jia: “La cosa più commovente che ho trovato è stata la mancanza di cibo durante il lockdown. Persone che non hanno potuto ottenere le cose a causa della mancanza di addetti alle consegne. Spero davvero che non accada di nuovo. Comunque, ho accumulato molto”.

Il leader cinese Xi Jinping ha ribadito il mese scorso che la rigida politica zero covid era l’unico modo per la Cina di mantenere il controllo della corona. Quindi, nonostante il grande malcontento a Shanghai, la politica di contenimento non finirà per un po’.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *