Le persone in cerca di lavoro si sentono “molto speciali” nel mercato del lavoro di Schiphol, a condizione che provengano dai Paesi Bassi

Le persone in cerca di lavoro si sentono “molto speciali” nel mercato del lavoro di Schiphol, a condizione che provengano dai Paesi Bassi

Il mercato del lavoro a Schiphol.  Statuetta Guus Dubbelman / de Volkskrant

Il mercato del lavoro a Schiphol.Statuetta Guus Dubbelman / de Volkskrant

Andy (49) non riesce a ricordare l’ultima volta che ha ricevuto così tante attenzioni. L’operaio siderurgico di Zoetermeer non è rimasto solo per un momento da quando è arrivato sul mercato del lavoro a Schiphol sabato pomeriggio. Aveva appena discusso con l’addetto ai bagagli Menzies, che voleva assumerlo come guardiano di terra, la conversazione era appena finita quando il reclutatore successivo lo seguì.

Tanta attenzione fa qualcosa per un uomo di quasi cinquant’anni. “Riteniamo che i ruoli siano stati invertiti. I datori di lavoro hanno bisogno di te. Sorridono gentilmente, fanno domande, mostrano interesse. Diverse aziende mi hanno già permesso di iniziare lunedì. Credimi, ti sentirai molto speciale alla mia età.

Il mercato del lavoro più ristretto di sempre

Il flirt vistoso con Andy e gli oltre mille altri in cerca di lavoro che passeggiano sabato nel mercato del lavoro di Schiphol non è sorprendente. A causa della carenza di personale, l’aeroporto non funziona come la macchina ben oliata che voleva essere per settimane. La mancanza di guardie di sicurezza, portabagagli e altro personale porta a lunghe code e passeggeri infastiditi. Schiphol non sa esattamente quanto personale sia necessario, ma conta su “diverse migliaia” di dipendenti in più.

La cattiva notizia: l’aeroporto non è l’unico a perdere il controllo. I Paesi Bassi stanno lottando con il mercato del lavoro più rigido di sempre, ha riferito l’Ufficio centrale di statistica a maggio. Mai ci sono stati così tanti posti vacanti per così pochi disoccupati. Ci sono 133 posti vacanti ogni 100 disoccupati e la marea non sembra ancora cambiare.

Gli attori del mercato del lavoro sembrano imbevuti di questa realtà. Le 49 aziende che forniscono personale a Schiphol fanno tutto il possibile per attirare nuove persone in cerca di lavoro. I partecipanti sono attratti da ciotole di biscotti, scatole di barrette di cioccolato o torte. Una volta che qualcuno si trova al tavolo di un datore di lavoro, vengono raccontate storie ruggenti sul “posto di lavoro dinamico di Schiphol” e sul lavoro di “team affiatato”.

Sake-Christiaan Stelpstra (41) adotta un approccio diverso. là ‘guerra dei talenti‘ non è una novità e il reclutatore di Bos Logistics ha imparato quali tattiche hanno più successo. “Devi essere davvero impaziente”, disse Stelpstra, in piedi in mezzo al corridoio, le maniche rimboccate, strofinandosi le mani. “Entra subito, altrimenti spariranno.”

In men che non si dica ti mostrerà come fare. Dylan Krishnasing (36) cammina lungo il corridoio e va dritto tra le braccia del reclutatore. Krishnasing ha lavorato come facchino per più di sei anni, ma è un lavoro duro e non sa per quanto tempo potrà continuare. Non appena Stelpstra scopre che sta lavorando alla sua patente di camionista, ne sa abbastanza. «Non cercare oltre amico, congratulazioni. Puoi iniziare lunedì. L’intera conversazione è durata meno di trenta secondi e il candidato è visibilmente colto alla sprovvista. “Lunedì, balbetta, è velocissimo. Stelpstra evoca sul suo volto uno sguardo comprensivo: “È consentito anche una settimana dopo.

profughi ucraini

La maggior parte dei visitatori del mercato del lavoro come Krishnasing non sono a corto di attenzione, ma ci sono alcune grandi eccezioni. Prendi Vasylyna Pulyk (33). È fuggito dalla violenza della guerra in Ucraina due mesi fa e al momento non può tornare a casa. Ha più di dieci anni di esperienza come responsabile vendite, ma non è difficile date le circostanze. Non si vede lavorare come portabagagli, dice, mostrando la sua corporatura snella, ma un camionista o un muletto? ‘Perché no?’

Tali sogni si sgretolano rapidamente. Quasi tutte le aziende del mercato del lavoro rifiutano i lavoratori migranti oi rifugiati ucraini. Secondo le società, ciò avviene su richiesta del Servizio di intelligence e sicurezza generale (AIVD). Chiunque desideri lavorare in aeroporto o nelle vicinanze ha bisogno di una dichiarazione di non obiezione (VGB) da parte dei servizi segreti. Le aziende richiedono tale controllo di sicurezza solo se hai vissuto nei Paesi Bassi negli ultimi otto anni. E questo messaggio rende tristi decine di candidati. Simone Pillai (25) dal Sud Africa, Rishi Patel (36) dall’India, Sunday Olatunji (33) dalla Nigeria, Djebaili Sadam (29) dall’Algeria e Hamza Hadouane (21) dal Marocco – tutti gocciolanti.

Un’indagine con l’AIVD mostra che l’accusa è erronea. “Questo requisito non si basa sulla regolamentazione, i datori di lavoro l’hanno inventato da soli”. Per i richiedenti che non risiedono nei Paesi Bassi, l’AIVD richiede informazioni al servizio di intelligence del paese di origine. Anche nei Paesi con i quali il servizio “non ha rapporti di collaborazione e quindi non può chiedere nulla”, l’AIVD può svolgere un’indagine. Il risultato richiederà quindi un po’ più di tempo, afferma un portavoce. “Sospetto che i datori di lavoro trovino questa procedura troppo complicata se vogliono qualcuno solo per due o tre mesi”.

Le società in questione erano irraggiungibili questo fine settimana. Schiphol non vuole rispondere perché assumere dipendenti “non è il nostro processo”.

E quindi sembra che tutti quei lavoratori benevoli che possono aiutare Schiphol a uscire dal fuoco non troveranno lavoro in questo momento. Achraf Achahbar (“Avrò 23 anni tra 18 giorni”), nato nei Paesi Bassi, è più fortunato. Stamattina ha preso il treno da Almere e ora sta uscendo con diverse offerte. Era particolarmente popolare tra le società di sicurezza. “Mentre parlavo con un’azienda, un’altra mi osservava da lontano. Sono impazienti e bulbo oculare voi. Francamente? Ti mette un po’ a disagio. Ma almeno ora ho un lavoro.

READ  Ferdi: “Non abbiamo la lavastoviglie. Davvero, suona strano, vero? Non saprei perché' | Bolletta energetica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *