Luca Zingaretti e la lettera per la morte di mamma Emma: il testo

Luca Zingaretti voleva scrivere una bellissima lettera di tributo a sua madre, Emma di Capua, è scomparso all’età di 86 anni la scorsa settimana. L’attore – che ha un fratello, Nicola, segretario del Pd, e una sorella, Angela – lo hanno condiviso via Instagram per accompagnare una sua foto con la donna.

Ecco il testo completo:

“Non importa quanti anni hai quando una madre se ne va,
né l’età della madre che parte.
In qualsiasi momento, qualunque cosa accada, ci sarà solo un grande, immenso e terrificante vuoto.

Nostra madre si chiamava Emma. Emma di Capua. Ma il mondo la chiamava Mimmi.
Mimmi è partita giovedì mattina alle 9:04.
Ogni graffio è bello per gli occhi e per la mamma.
Ma ogni madre è unica anche agli occhi delle sue reclute.
Mia madre, Mimmi, era una donna speciale. Una donna che diffonde amore ed energia positiva in tutto il mondo
Mimmi ha accolto tutti, poveri e ricchi, potenti e meno privilegiati, amici e nemici.
Lo ha affascinato con la sua dolcezza, con la sua capacità di fare amicizia, di mettere tutti sullo stesso piano perché alla fine tutti
siamo esseri umani.
La mamma ci ha insegnato a rispettare le donne e gli uomini indipendentemente da razza, religione, stile di vita, sessualità o qualsiasi altro metodo di discriminazione.
Nostra madre, Mimmi, ha consolato tutti.
Ha saputo portare gioia ovunque e se fosse qui oggi sono sicuro che potrebbe illuminare i nostri cuori.
Ha riversato amore nel mondo e ha lasciato un segno molto lungo quando se n’è andato.
Per tutti. Per chi ha frequentato sporadicamente o per poco tempo
e per la sua famiglia, per i suoi amati cugini, per i suoi amati amici, per i suoi amici.
Le persone che la conoscevano tendevano a diventare irresistibilmente attaccate a lei perché sentivano che ce n’era una in questa piccola donna.
grande magia.
Anche i medici e i paramedici che l’hanno accompagnata nei suoi tre anni di lotta contro la malattia non hanno potuto mantenere con lei le distanze che devono imparare a costruire con i pazienti per sopravvivere.
Li ringraziamo tutti sinceramente, calorosamente.

Mamma, bambino, aveva paura della deportazione.
Ha visto le SS bussare alla porta in cerca di suo padre.
Forse è per questo che non poteva odiare nessuno ed era pronta a trarre sempre il meglio dalla vita.
La mamma ci portava ai concerti, a teatro, ai musei, in viaggio, ci consigliava come e cosa leggere, ci invitava a cogliere il positivo del mondo, ad amare
La mamma ci portava ai concerti, a teatro, ai musei, in viaggio, ci consigliava come e cosa leggere, ci invitava a cogliere il positivo del mondo, ad amare la bellezza.
La mamma amava la vita in tutti i suoi aspetti. Amava l’amicizia, la convivialità, i paesaggi, le cose belle, l’arte, la poesia e tutto ciò che poteva nutrire corpo e anima.
E ha vissuto questa vita, l’ha “tagliata” fino all’ultimo boccone. L’amava Anche se la malattia la tormentava, era lei a darci coraggio.
Un famoso regista italiano lascia sempre da parte una settimana di riprese. Se deve fare un film di otto settimane, ne gira 7, vede cosa ha fatto e quando è pronto, quando si rende conto di cosa manca al suo film, gira l’ottavo.
La vita dovrebbe essere così
la morte dovrebbe concederci questo privilegio:
restituiscici la persona che se n’è andata per un momento così possiamo dirgli tutto quello che non siamo stati in grado di dire nella vita.
Se la mamma tornasse diremmo: “grazie di tutto mamma e scusa per tutto,
grazie soprattutto per l’amore con cui avete unito questa famiglia.
sei stata una mamma fantastica.
Eri una nonna meravigliosa,
una zia, una moglie, una matrigna, una figliastra, un’amica meravigliosa,
sei la donna che ci ha insegnato con l’esempio,
con la tua energia calmante,
vivi la vita con gioia e gratitudine.
Siamo fieri di te.
Quando la mamma ha capito che era ora di andare, ha voluto lasciare una medaglia per i suoi sei amati nipoti. L’iscrizione dice: “Amore, mia cara. Nonna Mimmi ”.
Qui era Mimmi, era nostra madre,
questa e tante altre cose insieme.
Ecco perché lo amavamo tutti così disperatamente.
Ecco perché ci mancherà per sempre.
Ecco perché sarà con noi per sempre.
Perché la mamma sarà sempre da tutti noi quando necessario
Voglio lasciarti con quello che avrebbe detto la mamma:
“Ora non rompere e festeggiamo perché non è la prova generale, amori miei, è la vita”.

READ  Sagittario, Capricorno, Acquario e Pesci

Vedi questo post su Instagram

Non importa quanti anni hai quando una madre se ne va, o quanti anni la madre se ne va. In qualsiasi momento, qualunque cosa accada, ci sarà solo un grande, immenso e terrificante vuoto. Nostra madre si chiamava Emma. Emma di Capua. Ma il mondo la chiamava Mimmi. Mimmi è partito giovedì mattina alle 9:04 Ogni scarafaggio è bellissimo uocchie ‘e mamma soia. MA ogni madre è unica anche agli occhi delle sue reclute. Mia madre, Mimmi, era una donna speciale. Una donna che ha riversato nel mondo amore ed energia positiva Mimmi ha accolto tutti, poveri e ricchi, potenti e diseredati, amici e nemici. Lo ha affascinato con la sua gentilezza, la sua capacità di fare amicizia, di mettere tutti sullo stesso piano perché alla fine siamo tutti esseri umani. La mamma ci ha insegnato a rispettare le donne e gli uomini indipendentemente da razza, religione, stile di vita, sessualità o qualsiasi altro metodo di discriminazione. Nostra madre, Mimmi, ha consolato tutti. Ha saputo portare gioia ovunque e se fosse qui oggi sono sicuro che sarebbe in grado di alleggerire i nostri cuori. Ha riversato amore nel mondo e ha lasciato un segno molto lungo quando se n’è andato. Per tutti. Per chi lo ha frequentato sporadicamente o per poco tempo e per la sua famiglia, per i suoi amati cugini, per i suoi amati amici, per i suoi amici. Le persone che la conoscevano tendevano a diventare irresistibilmente attaccate a lei perché sentivano che c’era una grande magia in questa piccola donna. Anche i medici e i paramedici che l’hanno accompagnata nei suoi tre anni di lotta contro la malattia non sono riusciti a mantenere con lei le distanze che devono imparare a costruire con i pazienti per sopravvivere. Li ringraziamo tutti sinceramente, calorosamente. Mamma, bambino, aveva paura della deportazione. Ha visto le SS bussare alla porta in cerca di suo padre. Forse è per questo che non poteva odiare nessuno ed era sempre pronta a prendere il meglio dalla vita La mamma ci portava a concerti, teatro, musei, viaggi, ci ha consigliato come e cosa leggere, ci ha invitato a cogliere il positivo del mondo, l’amore

Un post condiviso da Luca Zingaretti (@lucazingarettiofficial) su

LEGGI ANCHE

Francesco Oppini, il dolore per la morte di Luana: “Era la vita”

LEGGI ANCHE

Loredana Bertè, il richiamo della maschera: “La uso anche io, ho sempre infranto le regole”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *