Morte di una star “ live ”

Un gruppo di ricercatori diUniversità di Birmingham ha catturato gli ultimi momenti di una vita stella prima che fosse dilaniato da un buco nero. L’evento di distruzione delle maree – questo è il nome del fenomeno – ha creato un’esplosione osservata lo scorso anno a soli 215 milioni di anni luce da noi, la più vicina mai registrata. Per avere un’idea del fenomeno, chiamato AT2019qiz, gli astronomi hanno indicato il file Telescopio molto grande e il Telescopio di nuova tecnologia dall’ESO alla sorgente luminosa e le osservazioni di follow-up si sono svolte nell’arco di sei mesi, coinvolgendo anche l’Harvard Center for Astrophysics e il Osservatorio Fred Lawrence Whipple ad Amado, Arizona. Lo studio – di cui fanno parte anche Francesca Onori e Sergio Campana dell ‘Inafè stato pubblicato sulla rivista di Royal Astronomical Society.

“Un evento di distruzione di marea è il risultato della distruzione di una stella che si avvicina troppo a un buco nero supermassiccio e subisce un processo di fare gli spaghetti – ha commentato Edo Berger, uno degli autori dello studio – in questo caso metà della massa della stella alimentava il buco nero mentre l’altra parte veniva espulsa verso l’esterno ”.

Questi rari fenomeni sono spesso mascherati da una spessa cortina di polvere e detriti il che rende difficile l’identificazione. In dettaglio, AT2019qiz è stato trovato poco dopo che la stella è stata distrutta, rendendola più facile da analizzare. “Siamo stati fortunati e abbiamo intravisto il fenomeno mentre guardavamo la cortina di polvere e detriti alzarsi mentre il buco nero lanciava un potente deflusso di materia con velocità fino a 10.000 km / s – continua Kate Alexander, coautrice dello studio – questo rapido sguardo lo ha permesso identificare l’origine del materiale occulto e per seguire in tempo reale come avvolge il buco nero ”.

L’evento aiuterà gli scienziati a comprendere meglio i buchi neri supermassicci e la materia che li circonda. “AT2019qiz è l’evento di distruzione delle maree più vicino scoperto fino ad oggi e quindi ben osservato attraverso di esso spettro elettromagnetico -conclude Berger – questo è il primo caso in cui vediamo la fuoriuscita di gas durante il fenomeno di distruzione e accrescimento che spiega sia il processo ottico che il trasmissioni radiofoniche abbiamo visto in passato. Fino ad ora, la natura di queste emissioni è stata oggetto di molti dibattiti, ma questo evento ci rivela i processi fisici che coinvolgono l’accrescimento e l’espulsione di massa di buchi neri supermassicci. “

Leggilo studio

READ  Matematica al museo egizio, fisica alla galleria d'arte moderna: così un migliaio di studenti universitari imparano la scienza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *