Mai più gabbia dorata per Sandra: ‘La grande Tesla non ha perso un secondo’

Mai più gabbia dorata per Sandra: ‘La grande Tesla non ha perso un secondo’

“Il successo e il denaro erano molto importanti per me non molto tempo fa. Anche perché ero divorziata e mi prendevo cura da sola dei miei due figli piccoli. Era una questione di orgoglio. Volevo dimostrare a tutti che potevo farcela da sola salvata e non dipendere da nessuno Guardami fare questo, questa idea.

E l’ho sentito spesso da altri, che pensavano fosse così intelligente combinare un lavoro a tempo pieno – ho lavorato almeno sessanta ore a settimana – con la mia famiglia. Questa immagine di una madre single di successo mi ha dato soddisfazione. Quando sono andato sotto”.

“Da piccola volevo fare l’attrice, qualcosa di completamente diverso da quello che ho finito per fare. Potevo studiare bene e anche se saltavo molto la scuola, passavo il VWO in pantofole. Dopo ho avuto i miei dubbi su ciò che volevo studiare: legge o psicologia Anche se ho trovato la psicologia più interessante, ho comunque scelto legge L’immagine di un avvocato di successo che vince molti soldi mi attrae.

Strano, perché ai miei genitori non importava molto dello status. Ma ho sentito che sarebbe stato molto apprezzato se ci fossi riuscito. E ho lasciato che quella sensazione prendesse il sopravvento su di me. Quindi, invece di seguire il mio cuore, ho scelto uno studio che non mi piaceva molto”.

ottimo lavoro

“Ho trovato la legge noiosa, ma ho seguito il corso con facilità. Ho rinunciato all’ambizione di diventare avvocato, perché un notaio mi sembrava qualcosa. Mi vedevo già lavorare in un bellissimo palazzo maestoso. Dopo gli studi ho lavorato in la professione notarile, ma l’ho trovata estremamente noiosa.

Ho lasciato rapidamente e sono finito a lavorare in una grande società di consulenza. In qualità di manager, ho fornito consulenza alle organizzazioni sulla legislazione sulla privacy e sono stato autorizzato a creare un team completo. Mi è sembrato bello e, soprattutto all’inizio, mi sono davvero divertito”.

READ  L'intelligenza artificiale di OpenAI crea un piccone di diamante in Minecraft

“Ho ricevuto subito un ottimo stipendio. Come manager, mi è stato anche permesso di scegliere un’auto in leasing. È diventata una nuova Tesla Model S. Avevo poco più di trent’anni e ho pensato: basta. Ma ero passato inosservato e sono stato risucchiato in una specie di trappola in cui giravano per soldi, macchinine, premi e promozioni. Ho iniziato a correre sempre più velocemente, perché davanti a me c’era ancora una grossa salsiccia: un’altra promozione, ancora più stipendio.”

Cultura aziendale dura

“Era una cultura aziendale dura in cui dovevi distinguerti dai tuoi colleghi per ottenere quell’ambito bonus o promozione. Quindi i colleghi erano anche concorrenti diretti tra loro. Poi ti capitano situazioni strane, come le persone che lavorano con i loro gomiti per salire più in alto.Quelli con il maggior fatturato vengono promossi, quindi tutti volevano essere inseriti nei grandi progetti dove c’erano più soldi.

Era sempre una battaglia: chi aveva quale missione dimostrare di essere migliore degli altri. Questo ovviamente ha causato attriti e alcune strane dinamiche, specialmente se qualcuno si avvicinava e poi doveva dirigere i suoi ex compagni di squadra. Non tutti potevano sopportare quella pressione, e poi eri fuori. Ho visto molte persone andarsene perché gli è stato chiesto così tanto. Ma ho perseverato, ho dovuto farlo da solo”.

“La mia carriera mi ha reso felice, ho pensato onestamente. Sono diventato un senior manager, e questo significava ancora più responsabilità e più stipendio, ma anche ancora più pressione sul lavoro. Alcune persone intorno a me mi ammiravano. Ma nel frattempo sono diventato di fronte a me. A causa di tutto lo stress, spesso avevo mal di testa e dormivo male. E la mia motivazione è scomparsa. Quando la sveglia suonava la mattina, spesso pensavo: oh no, non di nuovo questa corsa al successo.

Sempre più spesso mi chiedevo cosa stessi realmente facendo. Ma non osavo davvero pensare a questa domanda. Faceva paura. Perché avevo tutto ciò per cui avevo lavorato così duramente, no? Non è quello che desideravo così tanto?”

READ  "La Juve tiene d'occhio Conceiçao, come nel 1998" ESCLUSIVA

solo fare soldi

“Il punto di svolta è arrivato quando sono stato coinvolto in un grande progetto con un cliente davvero meschino che ha messo tutti gli uni contro gli altri. Non ho ricevuto alcun supporto dai miei supervisori. È stato allora che ho capito che a loro non importava di me come persona e non erano “Volevano solo fare soldi. “Subito dopo, mi sono esaurito.

La cosa più folle è che non volevo nemmeno lasciare l’azienda in quel momento. Ero già nel processo di dottorato per diventare un regista. Lo volevo ancora davvero. Quindi volevo tornare e sperare di potermi prendere più cura di me stesso ponendo dei limiti. Sono rimasto in questa gabbia dorata di soldi e prestigio”.

“Dopo il mio ritorno, ho ancora ottenuto questa promozione. Ero felice, ma volevo che le cose cambiassero sul posto di lavoro. Le persone dovevano essere trattate in modo diverso e ho avuto molte conversazioni al riguardo, anche con il consiglio.

Volevo significare qualcosa per gli altri e mi era stato promesso un cambiamento, ma si è rivelata un’illusione. Stavo combattendo una battaglia che mi è costata tante energie. Lentamente mi sono reso conto che non potevo cambiare un’intera cultura aziendale da solo. E ho capito che appartenevo a un club di persone che avevano una vita molto diversa da quella che avevo adesso. Non volevo nemmeno farne parte”.

Atteggiamento freddo dei colleghi

“Così ho lasciato il mio lavoro. Nessuno al lavoro lo ha capito. Pensavano che fosse ingiusto: come oso andarmene quando ero appena stato promosso? Dopodiché, sono stato ignorato dai colleghi, mi hanno parlato a malapena. Il loro atteggiamento freddo era una conferma per me che ho fatto la scelta giusta”.

“Anche la mia famiglia e i miei amici all’inizio non capivano bene la mia copertura. Potevo collaborare nel business – il più in alto possibile – perché l’ho buttato via? Ma ero così stufo. Ero intrappolato in un’immagine che Avevo creato me stesso. Ti abitui rapidamente a guadagnare un sacco di soldi e mi si presentava sempre un’altra opportunità o un bonus. In questo modo continui a partecipare. J Ho trovato molto spaventoso rompere con tutto questo. Ho pensato: io’ sto andando Non avrò mai più uno stipendio del genere, come farò a mantenere i miei figli?Ho dovuto restituire la mia Tesla e con un prestito ho comprato una macchina nuova.

READ  Automobilista perde conoscenza, il telefono stesso chiama i soccorsi: ecco come funziona | auto

Più felice e più rilassato

“Ho iniziato come libero professionista come consulente ed è andata subito molto bene. Ora guadagno anche di più rispetto a quando ero dipendente. È meraviglioso non dover più andare in ufficio. Decido io stesso il mio orario di lavoro e quali clienti vado al mare con. È così bello non dipendere più dalle aspettative che gli altri avevano su di me, ma anche su me stesso. Ho dovuto lasciare andare l’immagine che dovevo “riuscire” fallire, perché avevo lavorato per quell’ideale immagine, ma ora, un anno e mezzo dopo, la vivo come una liberazione.

Non voglio mai essere intrappolato in una gabbia dorata progettata per tenerti dentro e lavorare di più. Da quando sono volato lì, sono stato molto più felice e rilassato. Posso respirare di nuovo. E non mi sono perso quella grande Tesla per un secondo”.

Non vuoi perderti nemmeno una puntata di questa rubrica? Poi clicca sul tag Never Again in basso e poi in alto a sinistra su ‘Segui’.

Mai più?

Vuoi anche tu raccontare la tua storia e raccontare cosa vuoi vivere, fare o non fare “mai più”? Siamo curiosi di conoscere la tua storia. Scrivici a [email protected]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *