Malato, Harry de Winter non vuole soffrire: “Quindi prendo in mano la situazione” |  Stelle

Malato, Harry de Winter non vuole soffrire: “Quindi prendo in mano la situazione” | Stelle

A Jeroen Pauw, che ha vinto l’ultimo ora invernale presentato, De Winter gli disse di cercare di prolungare la sua vita il più a lungo possibile, ma non a tutti i costi. “Non ho intenzione di passare attraverso l’agonia degli anni in un ospizio o in un letto d’ospedale, o nel mio soggiorno con sei badanti. Poi prenderò la situazione nelle mie mani”.

De Winter ha detto che ha già organizzato tutto, ma non ha ancora una sceneggiatura per la sua lapide. “Recentemente ho letto da qualche parte: la cosa più importante non sono gli anni, ma il confine tra loro.”

“Non mi interessa la morte”, ha detto De Winter. È solo quando i medici dicono che è guarito che comincia a pensarci. “Non posso passare tutto il giorno a fare i conti con questa morte.” Mentre si sente ancora bene, cerca di ottenere il massimo dalla vita.

Quarant’anni di televisione

Nell’ultima puntata di ora invernale Lo stesso De Winter ha avuto il permesso di dire qualcosa sul ruolo che la musica gioca nella sua vita.

Ha detto che faceva programmi televisivi da oltre quarant’anni. “Per vent’anni, abbiamo ora invernale† L’anno scorso ne ho fatte cinque. De Winter ha riportato alla mente molti ricordi della sua lunga carriera televisiva. Frammenti di Lo spettacolo di Filtra Furoreun programma che ha realizzato per l’NCRV negli anni 1970. Quando lo spettacolo è terminato, è diventato un produttore di programmi come gergoQualunque cosa e 12 città, 13 incidenti

Produzioni musicali

De Winter ha anche registrato concerti per importanti artisti come U2, Pink Floyd, Madonna e Prince. “Siamo finiti in paradiso”, ha detto di tutte le produzioni musicali che ha realizzato nel corso degli anni.

READ  Angela de Jong è morta in un minuto al tavolo di Linda de Mol

A De Winter è stato anche permesso di sfoggiare alcuni dei suoi musicisti preferiti, come lascia sempre fare ai suoi ospiti. Bob Dylan, Tony Joe White e Johnny Cash and the Beatles, Canned Heat e Alex Roeka sono arrivati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *