“Enormi rischi per la salute dei lavoratori migranti” – NRC

“Enormi rischi per la salute dei lavoratori migranti” – NRC

Di e

I lavoratori migranti affrontano enormi rischi per la salute a causa delle condizioni in cui devono lavorare nei Paesi Bassi. Le lunghe giornate di lavoro, l’elevata pressione della produzione, il basso reddito, le condizioni di vita precarie e il lavoro fisicamente impegnativo portano a problemi di salute fisica e mentale. È quanto conclude il centro nazionale di competenza per le differenze sanitarie Pharos in un rapporto che sarà pubblicato lunedì. I ricercatori hanno basato i loro risultati su un’indagine su 260 lavoratori migranti e hanno parlato intensamente con dieci di loro. Hanno anche parlato con diciotto professionisti del settore assistenziale e sociale.

I lavoratori dell’Europa orientale spesso arrivano nei Paesi Bassi in buona salute, concludono i ricercatori. Ma le condizioni in cui devono lavorare e vivere nei Paesi Bassi causano grossi problemi. “Sospettavamo in anticipo che ci fossero abusi, ma non sapevamo che l’impatto sulla salute fosse così grande e così grave”, afferma la ricercatrice Inge Goorts di Pharos. “Le persone stanno affrontando”.

La ricerca mostra che le lunghe giornate di lavoro esauriscono i lavoratori migranti e non c’è tempo per il contatto sociale e il relax dopo il lavoro. Non hanno tempo per fare esercizio e guadagnare troppo poco per acquistare prodotti sani. Quando si ammalano, spesso continuano a lavorare per paura di perdere il lavoro o di essere spinti dal datore di lavoro a continuare a lavorare. Molti lavoratori migranti sono assicurati anche tramite un’agenzia di collocamento, che decade se perdono il lavoro. Per questo motivo, se sono disoccupati, raramente si rivolgono a un medico generico, dentista o igienista dentale, il che aggrava possibili problemi di salute.

READ  Un buon esempio di comportamento sano incoraggia i colleghi a seguirlo

Leggi anche sui lavoratori migranti contagiati dal coronavirus: “Ci trattano come animali” (2021)

E, affermano i ricercatori, i lavoratori migranti sono spesso male informati. Non parlano olandese, ma a volte non parlano nemmeno inglese. Ad esempio, la conoscenza di ciò che viene rimborsato dall’assicurazione è insufficiente, quindi ritardano la ricerca di aiuto per paura di costi elevati. C’è anche poca conoscenza delle opzioni di aiuto per i problemi mentali e la vergogna significa che i lavoratori migranti hanno molte meno probabilità di cercare un aiuto psicologico rispetto agli olandesi.

Roemer non va abbastanza lontano

L’ex leader del PS Emile Roemer ha pubblicato un rapporto nel 2020 con cinquanta raccomandazioni per migliorare la situazione dei lavoratori migranti. Ma questi non vanno abbastanza lontano da annullare i rischi per la salute, concludono i ricercatori. L’assistenza sanitaria sul lavoro nelle agenzie per l’impiego deve essere regolamentata meglio, i lavoratori migranti devono essere informati sulla salute e gli operatori sanitari devono essere meglio informati sulle regole per i non assicurati. Inoltre, secondo i ricercatori, dovrebbero essere utilizzati più interpreti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *