Marina e Sabrina viaggiano

Marina e Sabrina viaggiano

Castricum – Il viaggio continua, il viaggio continua! Open Atelier Marina & Sabrina riapre tutti i venerdì e comunque ogni secondo fine settimana del mese ed è in corso un vorticoso viaggio nell’arte. Ogni settimana qualcosa cambia e ogni mese molto cambia. Sempre più dettagli sul viaggio dei due artisti prima della loro collaborazione, così come sulle avventure vissute insieme.

I viaggi in cui Marina ha incontrato persone meravigliose e ha viaggiato attraverso paesaggi impressionanti. Il viaggio che Sabrina ha fatto nel 2004 dalla natia Italia, dopo di che si è trasferita in Olanda, e il viaggio interiore che ha portato alle sue impressionanti carte dei tarocchi. Niente è fisso, tutto è fluido e cambia nel tempo e noi ci muoviamo con esso.

Tacchi Tarocco

Sabrina ha sempre sognato un giorno di creare il proprio mazzo di tarocchi. Si è immersa in ogni tarocco, figure, simboli, numeri, colori e ha tradotto l’energia e la potenza che sentiva in 22 tele monumentali. Sabrina ha esposto i suoi Tarocchi in varie bellissime località di Berlino, in Italia e nei Paesi Bassi. Cinque anni dopo, Sabrina completò il suo “Mazzo di Tarocchi Arcani Maggiori”. Il fotografo Miquel Gonzales ha fotografato le 22 carte dei tarocchi di Sabrina e Anita Vrielink ha disegnato 22 bellissime carte con esse. Il mazzo di tarocchi di Sabrina Tacci è stato pubblicato in un’edizione limitata di 100 copie, firmata e numerata. Il gioco è ora in possesso di collezionisti di tutta Europa. Sono ancora disponibili solo 18 giochi.

festa della luna

Lo studio riaprirà sabato e domenica del prossimo fine settimana. Il numero di tarocchi nella mostra aumenta di settimana in settimana e il tempio dei tarocchi è pieno il 15 maggio. Segnate quindi il 15 maggio in agenda, perché poi all’Open Atelier Marina e Sabrina si svolgerà il mini festival Maanfestatie con spettacolari esibizioni dal vivo. Posizione: Van Oldenbarneveldweg 32. (Foto: Marina Pronk)

READ  Due o tre anni fa, ancora nella foto allo Spakenburg, ora il primo portiere dell'Orange ai Mondiali: "All'epoca il nostro allenatore dei portieri si chiamava ancora Andries"



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *