Marko non vorrebbe correre contro Verstappen: ‘Nessuno può fare quello che fa lui’

Marko non vorrebbe correre contro Verstappen: ‘Nessuno può fare quello che fa lui’

Helmut Marko non vorrebbe competere con il suo attuale pilota Max Verstappen, ha ammesso. L’austriaco dice che l’olandese ha sempre il perfetto controllo della sua macchina in ogni circostanza, il che lo rende un avversario difficile per tutti. Vede un accenno di Ayrton Senna nel suo autista. Inoltre, il consigliere punta ancora una volta la sua luce sulla fine della scorsa stagione.

‘No!’ è la risposta chiara di Marko alla domanda della rivista slip rosso se gli sarebbe piaciuto affrontare il suo pilota olandese. Correre contro Max Verstappen non sarebbe stato divertente. È sempre al limite, indipendentemente dalle circostanze, perché controlla sempre perfettamente la vettura”, ha detto l’austriaco, indicando che il pilota della Red Bull Racing ha un controllo eccezionale della vettura.

L’esempio citato da Marko è la gara in cui Verstappen ha rubato il cuore dei tifosi brasiliani. “Sotto la pioggia in Brasile nel 2016, c’è stato un momento in cui l’auto ha sbandato di lato a 300 km/h, ma lui ha ripreso il controllo dell’auto. Nessuno può fare quello che fa lui”, ha detto Marko, paragonando il suo pilota a un pilota alto. Brasiliano. “Non mi piace farlo, ma in termini di carattere, etica del lavoro, fiducia in se stessi e carisma, direi: Ayrton Senna”.

La direzione gara ha agito perfettamente

Nonostante Marko veda Verstappen come un pilota unico, sa anche che sarebbe stato vicino se il titolo mondiale fosse andato a Lewis Hamilton. Ad Abu Dhabi, la gara sembrava essere tutt’altro che quella della Red Bull. “Una gara in cui la Mercedes è stata semplicemente più veloce. Era chiaro che solo una safety car poteva salvarci. Questo è quello che pensavamo tutti ed è successo”, ha ricordato mentre Nicholas Latifi parcheggiava la sua auto contro il muro.

READ  Ridicolo rapporto del Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti sulla polizia di Minneapolis

Mentre molti nel mondo della Formula 1 non erano d’accordo con il modo in cui il direttore di gara Michael Masi ha riavviato la gara, è stato Marko che, non sorprende che la Red Bull avesse un enorme vantaggio, crede che ci sia un comportamento perfetto da parte dell’australiano e della sua squadra. “Il processo di ripartenza è stato perfetto poiché il controllo di gara ha cercato di mantenere viva la tensione e far ripartire la gara”.

Crudele per Mercedes

Certo, lo stesso austriaco si è reso conto anche che la sua squadra aveva un enorme vantaggio nel far ripartire il gioco in questo modo, ma spesso la situazione si è ribaltata. “Ci sono state anche alcune volte in cui tutto stava andando per il verso giusto per la Mercedes”, ha detto il consigliere, che comprende il dolore che ciò ha causato al concorrente. “Ma il fatto che la safety car sia arrivata così vicina alla fine è stato crudele con loro”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *