Materiali da costruzione sempre più costosi: ‘Non oso più accordarmi sul prezzo’

Materiali da costruzione sempre più costosi: ‘Non oso più accordarmi sul prezzo’

L’aumento dei prezzi è causato da un accumulo di fattori. A causa della corona, c’era già una forte domanda di prodotti da costruzione di cui i produttori non hanno quasi bisogno potrebbe seguire, con conseguente aumento dei prezzi. Aggiungete a ciò la guerra in Ucraina.

Molto materiali grezzi per materiali da costruzione, come acciaio, argilla e alluminio. provengono da Russia e Ucraina, quindi la loro fornitura è ora interrotta. La guerra fa salire anche i prezzi dell’energia. Le conseguenze sono gravi, perché la produzione di materiali da costruzione richiede spesso molto gas.

Le piastrelle anche molto più costose

I produttori di acciaio e alluminio consumano molta energia e per realizzare piastrelle per bagni e cucine, ad esempio, i forni a gas devono essere riscaldati a temperature superiori ai 1000 gradi. Ciò che rende il mercato delle piastrelle ancora più incerto è che l’Ucraina è un importante fornitore di argilla. Di conseguenza, la produzione di alcune fabbriche di piastrelle sta fallendo.

Gli acquirenti di piastrelle stanno anche notando che i prezzi continuano a salire. “Non c’è una sola fabbrica che non applichi un aumento dei prezzi e ce ne sono anche alcuni che parlano di aumenti dei prezzi dal 30 al 40%”, afferma Rex Broekman del Gruppo ICA. “Questo è senza precedenti per i consumatori”.

ICA Group ha quindi aperto un secondo magazzino, in modo da poter mantenere grandi scorte. In questo modo, possono continuare a completare i loro progetti a lungo termine, che richiedono molte piastrelle. “Tuttavia, in alcuni casi sarà necessario trasferirsi in un altro stabilimento, o riconsiderare il contratto”, spiega Broekman. Bouwend Nederland consiglia ai suoi membri di non stipulare più accordi sui prezzi fissi, poiché non è più possibile tenere il passo con l’aumento dei prezzi.

READ  I prezzi delle case sono scesi di nuovo in aprile | Economia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *