Maxime in viaggio: godersi le Dolomiti italiane

Maxime in viaggio: godersi le Dolomiti italiane

Maxime in viaggio: godersi le Dolomiti italiane

Sotto il titolo “Maxime in viaggio”, puoi leggere regolarmente storie sulle esperienze di viaggio personali dei redattori di MAX Today. Questa volta esploriamo il Trentino nel nord Italia, per goderci musicalmente le Dolomiti.

Il pubblico è completamente silenzioso mentre i musicisti dell’Amsterdam Sinfonietta posizionano gli archi sulle corde. Il vento tace e le nuvole lasciano il posto al sole. Alcuni campanacci delle mucche risuonano in lontananza nella valle. Ci siamo sistemati sul nostro materassino, tra poche centinaia di italiani e turisti, in alta montagna delle Dolomiti italiane. Pronti per un’esibizione all’aperto di un’ora della famosa Sinfonietta di Amsterdam, in quella che gli italiani chiamano “la sala da concerto più bella del mondo”. Dai primi suoni di Ravel, il pubblico applaude e urla euforico, prima di sprofondare rapidamente nel godimento silenzioso.

Simfonietta di AmsterdamIl

Il suono delle Dolomiti

Dal 1994 queste cime del nord Italia sono state teatro di speciali spettacoli musicali all’aperto per un mese durante l’estate. I suoni delle Dolomiti il festival richiama jazz, world music e musicisti di musica classica da tutto il mondo. Trasportano da soli i loro strumenti nelle montagne italiane, solo gli strumenti più pesanti vengono trasportati in jeep. Fino al 23 settembre 2022 saranno 27e edizione del festival, si possono ammirare vari spettacoli in montagna, con animazioni che mescolano arte e natura.

I membri dell'orchestra salgono

Museo a cielo aperto

Poche ore prima dell’inizio del concerto, siamo saliti su una seggiovia a Pampeago in Val di Fiemme. In inverno questa zona è innevata e gli sciatori fanno slalom fuori dalle piste, ma vediamo ancora la valle sottostante in ogni sorta di toni verdi, qua e là mescolati ai primi colori autunnali di gialli, rossi e ruggine. Respiriamo il profumo dei pini mentre ascoltiamo i suoni meditativi e le voci degli artisti attraverso le nostre cuffie. Fa parte del progetto artistico RespirArt, il museo a cielo aperto più alto d’Italia a 2.000 metri sul livello del mare.

READ  Addio ai cari del vincitore dell'Eurovision Song Contest: "Probabilmente sarà chiamato a combattere" Eurovision 2022 a Torino

Museo a cielo aperto

In cima, percorriamo un percorso di circa 3 chilometri. Abbastanza difficile in alcuni punti, anche se ci sono anche macchine che guidano qua e là per portare le persone un po’ più lontano. Passiamo opere d’arte di artisti provenienti da tutto il mondo. Dalle sedie in pietra che catturano l’energia delle montagne, ai tronchi accatastati a forma di testa, con il puzzle lasciato aperto come simbolo di una mente aperta. Questo fa parte di quella che l’artista Marco Nones, anche l’artista dietro il percorso dell’arte, chiama “la filosofia del lasciarsi andare”. Tutte le opere d’arte sono realizzate con materiali naturali e si fonde con lo sfondo delle Dolomiti, a volte letteralmente come un’enorme cornice in legno, dove l’immagine è modellata da ciò che si vede attraverso di essa. “Un dialogo tra natura e cultura, tra montagne, alberi e statue”, dice Nones. “Tutto cambia, proprio come la vita stessa. Abbi fede in questo.

Avvicinandosi

coperte da picnic

La passeggiata è in definitiva un bel preludio a ciò che verrà; musica, per la quale centinaia di persone vogliono arrampicarsi ogni anno. L’organizzazione assicura che alcune tappe di montagna siano facilmente accessibili, anche per persone in sedia a rotelle, negli altri casi è preceduta una seria gita in montagna. E se piove sono disponibili piazzole alternative.

Vediamo un numero impressionante di anziani in forma attraversare le montagne con i bastoncini da nordic walking, ma anche giovani, persone con cani e giovani famiglie con bambini, principalmente italiani e di lingua tedesca. I membri dell’orchestra ci aspettano su un altopiano di alta montagna con una vista fenomenale. Nel frattempo, sintonizzano il violino o il violoncello un’ultima volta e osservano in silenzio il pubblico che si sistema sulle coperte da picnic nell’erba e le persone mostrano i loro thermos, snack e vino.

READ  Love Island e amore in TV con Damante

Pubblico al concerto

Acustico

Diet Tilanis, 2° violinista, lo trova eccitante, faglielo sapere. C’è molto da considerare; se fa troppo freddo, fa male agli strumenti. Se fa troppo caldo, gli iPad con partizioni potrebbero non funzionare. Preoccupazioni che il pubblico ignora. “Durante le prove un’ora fa, era difficile da digerire”, dice Tilanis. “Improvvisamente, una rosa dei venti. Poi i suoni scompaiono direttamente nella valle. Non c’è acustica in una stanza, quindi speriamo solo che tutti possano ascoltarla bene presto.

Il concerto, con opere di Ravel, Kosma e Van Beethoven, è stato ben accolto. Anche i cani tacciono e abbaiano solo con gli applausi. Per quanto grandioso e accattivante sia la musica, l’ambiente. Seduti o sdraiati, alcuni con gli occhi chiusi, lasciano incantare gli ascoltatori dai suoni sereni del violino, della viola, del violoncello e del contrabbassista. Le cime delle Dolomiti, Patrimonio dell’Umanità dal 2009, offrono un panorama unico ovunque si guardi. Quando Candida Thompson, violinista principale e direttrice artistica della compagnia, inizia un modesto assolo con L’allodola in aumento di Vaughan Williams, è come se sentissimo letteralmente l’allodola svolazzare tra le montagne. Gli altri membri dell’orchestra si uniscono a loro, segue l’apoteosi, lei viene nuovamente zittita e l’allodola solitaria vola via. C’è un lungo silenzio, finché Thompson non abbassa il violino e il pubblico esplode in un fragoroso applauso.

Orchestra e pubblico

Magia

“E’ stato indimenticabile”, dirà più tardi, quando più tardi saremo tra i musicisti euforici. “Giocare all’aperto è difficile. Pensavamo che la gente parlasse, ci sono anche dei bambini piccoli, ma erano così attenti. L’atmosfera è fantastica e la vista mozzafiato. Diet Tilanis è anche delirante. “E’ stato magico. È pazzesco suonare qui in montagna, in questo festival speciale che esiste da così tanto tempo e con un pubblico così grande. Sì, questo concerto è stato per i libri.

READ  La Polonia riaccende la fiducia, l'Italia sorprende

Poi ci viene ordinato di partire in fretta. Il maltempo sta arrivando. In montagna, questo può cambiare di momento in momento. Per quanto idilliaco come fosse un po’ di tempo fa, diventa improvvisamente così inquietante. Le centinaia di persone sono partite in men che non si dica, per rifugiarsi negli affollati rifugi di montagna dove d’inverno si festeggia l’après-ski. È qui che inizia l’ultimo bagliore delle Dolomiti.

Vuoi fare di più in questa regione?

Puoi fare bellissime gite in bicicletta attraverso la Val di Fiemme in e-bike, con o senza guida. Questa regione è la culla di grandi liutai come Stradivari e Amati. Qui è dove cresce l’abete bianco. Questo abete è noto per il suo legno flessibile ricco di canali linfatici, con il quale è possibile ottenere una risonanza superiore.

Cavalese si trova a 1 chilometro sul livello del mare, risale al XII secolo ed è il capoluogo della Val di Fiemme, anche se conta solo 4000 abitanti. Negozi e ristoranti animano la torre civica dipinta del centro, mentre le strade ripide e tortuose sono sempre piacevolmente tranquille e il bucato è appeso allo stendibiancheria.

Cavalese, Italia

Cavalese è una bella gita fuori porta per esplorare la regione in modo più dettagliato. Una delle piste ciclabili corre lungo una vecchia linea ferroviaria. Un ulteriore chilometro di arrampicata richiede poco sforzo con una e-bike e offre una bellissima vista sulla vallata a quota 2000. Qui possono divertirsi gli appassionati di rafting, alpinisti, parapendio e funivie. Anche gli escursionisti, sui 150 chilometri di sentieri segnalati con vista mozzafiato sulla vallata.

Cerca altre storie di viaggio nella pagina di Massimo in viaggio.

(Testo e fotografia: Marieke de Ruijter)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *