McKennie, festa di 10 in casa con Dybala e Arthur: “Rischio di denuncia per resistenza a pubblico ufficiale” | Un campionato

Venti persone in casa, quindi McKennie è nei guai. I racconti pubblicati ieri sera dal centrocampista americano avevano già destato sospetti: nel garage della sua casa torinese, il calciatore americano aveva infatti organizzato una mini palestra e invitato alcuni amici ad allenarsi. Poi, in serata, una festa che ha richiesto l’intervento dei fucilieri.

QUELLO CHE È SUCCESSO –

Come il Corriere della Sera, Si è infatti tenuta una festa nell’appartamento del giocatore americano, alla presenza anche di alcuni juventini. I fucilieri torinesi sono intervenuti per aver violato le regole anti-Covid. La Juventus è furiosa e almeno una multa è in arrivo.

DYBALA E ARTHUR – L’impronta riportava i nomi dei compagni presenti alla festa: sHo a che fare con Paulo Dybala e Arthur Melo. Secondo il giornale, i fucilieri sono arrivati ​​alla McKennie House intorno alle 23:30, molto dopo l’orario di coprifuoco, chiamati dai vicini perché è in corso una festa nella villa.

RESISTENZA AL PUBBLICO UFFICIALE – Nessuno voleva aprire il cancello e dopo un’ora di trattativa, i soldati riescono ad entrare nella villa. “Qui trovano una festa a tutti gli effetti, tra amici. A prescindere dalla zona rossa e dalle regole anti-Covid, i giocatori della Juve si sono ritrovati tutti insieme”. ripetuto L’impronta. Le persone presenti alla festa sono state denunciate e saranno tutte punite. Ora rischiano anche di sporgere denuncia per resistenza a un pubblico ufficiale.

READ  Inter-Milan, rivive MOVIOLA: espulso Ibra, rigore su Barella con il Var | Prima pagina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *