Migranti, Ong in soccorso della nave di Banksy. Sos da Lampedusa: “Un morto a bordo, aiutaci”

Louis Michel chiama e le ONG rispondono. Sea Watche e Mediterranea hanno risposto all’allarme innescato dal nave finanziata dallo street artist inglese Banksy arenata al largo di Lampedusa perché sovraccarica. Dopo aver lasciato la Spagna per aiutare i migranti del Mediterraneo centrale, a sua volta ha chiesto aiuto, soprattutto dall’Italia e da Malta.

“Allarme”, si legge in un tweet pubblicato dal comandante. “Abbiamo assistito altre 130 persone, comprese molte donne e bambini, e nessuno ci sta aiutando! Stiamo arrivando allo stato di emergenza. Abbiamo bisogno dell’assistenza immediata della Guardia Costiera Italiana e delle Forze Armate di Malta. Stiamo salvando 219 persone con un equipaggio di 10. Agisci adesso, Unione Europea! “

Risposta di Sea Watch al mattino: “Poiché Louise Michel non è in grado di manovrare mentre è alle prese con un altro disperato salvataggio, la Sea Watch 4 – (trovata) a più di 4 ore di distanza – è cambiata. cap. per aiutarti. La ragione? Perché le autorità europee rifiutano ancora una volta gli aiuti. Peccato per l’UE! “. Mentre lo Ionio, il Mediterraneo,
ha detto di essere pronta dal porto di Augusta (Siracusa) “Abbiamo deciso di intervenire, anticipando l’inizio previsto della nostra missione 09 entro 48 ore, perché finora neanche le autorità maltesi né le autorità italiane forniscono l’assistenza necessaria a più di 150 persone in imminente pericolo di vita ”, si legge nella nota dell’Ong.

READ  Coronavirus, in Francia oltre 500.000 casi: quasi 16.000 in 24 ore

“Sarà un viaggio di diverse ore – prosegue la nota – e speriamo che i reparti militari della Guardia costiera italiana o maltese decidano di intervenire per primi. La Louise Michel, con 165 naufraghi a bordo, e ancora decine di persone in mare sarebbe infatti facilmente raggiungibile in meno di due ore da Lampedusa e in meno di tre ore da La Valletta con rapidi montaggi. La Louise Michel assiste un gommone su cui erano presenti 130 persone da ieri sera. La situazione è drammatica, una persona a bordo è morta e l’equipaggio non può garantire l’assistenza a tutti Ci sono molte donne e bambini, molte persone hanno gravi problemi di salute a causa di ustioni da benzina e le tante ore in mare “. “Salvare queste persone – conclude Mediterranea – è una questione di vita o di morte. E ancora una volta la società civile europea, a partire da Mediterranea e dallo Ionio, farà la sua parte”.

La barca acquistata da Banksy per scopi umanitari è una ex unità della Marina doganale francese battente bandiera tedesca ed è lunga 31 metri. Imbarcata nei giorni scorsi dalla Spagna, ha salvato giovedì una barca con 89 migranti al largo delle coste libiche. Ma ora ha incontrato un’altra barca con 130 persone e ha preso anche loro, creando un pericoloso sovraffollamento a bordo, avendo quasi il doppio delle 130 persone che può trasportare. Si dice che uno dei migranti sia già morto, altri abbiano subito ustioni a causa del carburante, si ritiene che circa 30 si trovino su una zattera di salvataggio. A tutti sono stati distribuiti i giubbotti di salvataggio, ma la situazione è definita dal comandante Pia Klemp come grave e di crescente preoccupazione. Per questo, nella notte tra venerdì e sabato, ha lanciato un SOS tramite i social network. “Ripetiamo”, si legge in un post successivo, “la #LouiseMichel non riesce a manovrare in sicurezza e nessuno viene in nostro aiuto. I soccorsi hanno subito un trauma estremo, è tempo che vengano portati in un luogo sicuro ”.

READ  Migranti, terzo soccorso per Open Arms, le persone a bordo ora sono 276

Secondo Marine Traffic, un sito di monitoraggio delle navi nel Mediterraneo, la nave si trovava a circa 90 chilometri a sud-est dell’isola di Lampedusa all’alba di questa mattina. Venerdì ha risposto a un SOS di Moonbird, un aereo che monitora le barche di migranti in difficoltà nell’area, che aveva individuato un gommone che non si muoveva più e si stava riempiendo d’acqua a causa di una perdita. I passeggeri erano già riusciti a contattare Alarm Phone, una hotline che assiste i rifugiati in mare, chiedendo aiuto immediato. Gli attivisti di Alarm Phone e Moonbird affermano di aver inoltrato la richiesta alle autorità europee, ma – scrive il Custode – “né Malta né l’Italia hanno reagito adeguatamente”.

Louise Michel prende il nome da un anarchico francese del XIX secolo. Conosciuto anche per le sue veementi critiche alla politica migratoria europea, Banksy lo ha decorato con l’immagine di una bambina che indossa un giubbotto di salvataggio e tiene un giubbotto di salvataggio a forma di cuore. L’identità dell’artista inglese, famoso per i suoi murales e graffiti, non è mai stata rivelata, ma si presume che sia nato e cresciuto a Bristol. L’acquisto della nave è la sua ultima iniziativa umanitaria: “Ho lavorato sui migranti, ma ovviamente non voglio tenere i soldi”, ha scritto nei giorni scorsi a Pia Klemp, offrendola a ” compra e metti a sua disposizione uno yacht per aiutarlo. migranti nel Mediterraneo.

Intanto non si fermano gli sbarchi a Lampedusa dove, durante la notte, quattro barchini con un totale di 74 migranti tunisini a bordo. Alla fine della serata, però, i fucilieri hanno bloccato due gruppi di 37 e 13 tunisini sull’isola, tra Cala Creta e il molo della Madonnina. Tutti sono stati portati nell’hotspot dell’isola che sta crollando dove, per il momento, ci sono 1.050 persone con una capienza massima di 192 persone. Sulla spiaggia è stata però ritrovata una piccola barca di una decina di metri. Spiaggia di San Leone, ad Agrigento, sul Viale delle Dune. Nessuna traccia di migranti, le forze dell’ordine continuano le loro ricerche. 49 migranti sono sbarcati a Marzamemi e trasferiti in un centro di accoglienza nel quartiere Pantanelli a Siracusa. La barca a vela, con a bordo 8 donne e 4 minori, è stata individuata a circa 2 miglia al largo del borgo marinaro della regione siracusana ed è stata successivamente autorizzata ad attraccare a Porto Fossa a Marzamemi. I migranti godono di buona salute. A bordo della barca sono stati prelevati campioni per il Coronavirus. In Locride, una sessantina di migranti, tra cui diversi minorenni, di nazionalità iraniana e siriana, sono stati intercettati nella notte al largo di Roccella Jonica a bordo di una barca a vela e scortati da una motovedetta della guardia costiera al porto turistico.

READ  Navalnyj, prima foto dopo l'avvelenamento: "respiro da solo"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *