Neil Young solleva la questione della disinformazione: fino a che punto dovrebbero spingersi le piattaforme?

La leggenda della musica Neil Young non vuole più essere ascoltata tramite Spotify, il servizio online che consente agli utenti di accedere a musica e podcast a pagamento. In tal modo, acuisce la discussione sulla disinformazione sulle piattaforme online, affermano gli esperti a Nieuwsuur.

Young ha dato al servizio di streaming Spotify la possibilità di scegliere tra la sua musica o il podcast del presentatore e comico americano Joe Rogan (54). Secondo Young, Spotify è diventato “la casa della disinformazione covid pericolosa per la vita” e “le bugie sono vendute per soldi”. La sua musica da allora è stata cancellata. Il podcast è stato spesso screditato, soprattutto dopo che Rogan ha messo in dubbio l’efficacia dei vaccini. Ha anche promosso un farmaco parassitario per la cura del Covid. È ormai dimostrato che questo rimedio è inefficace.

La domanda più grande che Young solleva è quali piattaforme possono e non possono regolamentare, afferma Marleen Stikker, fondatrice dell’istituto di ricerca sulla tecnologia creativa e l’innovazione sociale Waag. “Lo faranno da soli? Una piattaforma del genere può autoregolamentarsi, o abbiamo anche bisogno di una legislazione per farlo e anche farla rispettare? In realtà è strano chiedere agli artisti stessi di fare pressione su un’azienda come Spotify”.

non responsabile

Dall’inizio degli anni ’90, il suono delle piattaforme online è sempre stato quello di essere neutrali. Dicono di non essere un editore e quindi di non essere responsabili del contenuto. I servizi usano ancora questo argomento. In giro c’è anche Rogan’s Show, il podcast più popolare di Spotify con oltre 11 milioni di stream per episodio.

READ  XFactor 2020, vince Casadilego - Ultima Ora

Stikker: “Spotify sembra essere di nuovo una piattaforma neutrale. Ma hanno pagato milioni ed è stato stipulato un contratto di esclusiva. Se fai un’operazione di visualizzazione, ad esempio su Facebook, vedi che è principalmente incentrata sul modello di entrate. Il l’idea che le piattaforme possano autoregolarsi e che funzionerà, è stata abbandonata”.

È difficile dire cosa può e non può essere escluso. Non dobbiamo più ascoltare niente, soprattutto in giro per il covid, teme Stikker. Crede che le piattaforme dovrebbero essere in grado di vietare i contenuti se sono chiaramente dannosi. “Spotify non deve scoprirlo da solo. Potresti, ad esempio, sottoporlo a un comitato che fa la valutazione. Tali possibilità di ricorso non esistono attualmente con le piattaforme. Ci deve essere trasparenza, con procedure chiare. E alla fine, deve andare in tribunale. Può essere presentato”.

Linee guida ben definite

Le principali piattaforme tecnologiche si stanno attualmente impegnando a rispettare un codice di condotta europeo, ma Spotify non è affiliato ad esso, spiega il giornalista Rudy Bouma. “Non ancora, perché il commissario europeo incaricato di combattere la disinformazione vuole coinvolgere 20 nuove piattaforme. È ovvio che Spotify sarà incluso. Inoltre, una settimana fa il Parlamento europeo ha approvato una legge a larga maggioranza. Le big Tech devono limitare stessi, ma soprattutto imporrà trasparenza: sugli algoritmi che utilizzano e sul modo in cui combattono l’incitamento all’odio e la disinformazione.

Secondo Bouma, altre piattaforme hanno regole rigide, ad esempio sulla disinformazione covid. “Ci sono anche linee guida ben definite per questo. In particolare, Facebook, Twitter e YouTube rimuovono tutto ciò che potrebbe essere dannoso per la salute pubblica. Spotify ha detto alla stampa che rimuovono “messaggi fuorvianti falsi o pericolosi sul covid, ma non è nel loro termini di utilizzo o il loro elenco di contenuti vietati.

READ  Soliti Ignoti, repentino cambio di orario: Amadeus non è in onda

Su piattaforme come Facebook, Twitter e YouTube il pubblico si è ribellato, seguito dagli inserzionisti. “Molti importanti inserzionisti statunitensi hanno boicottato Facebook nel 2020. Dicono che la piattaforma abbia intrapreso poche azioni contro i gruppi di estrema destra che chiedevano violenze contro i sostenitori di Black Lives Matters dopo la morte di George Floyd. Facebook ha preso il sopravvento sotto questa pressione.. lanciato nella loro moderazione”, dice Bouma.

Neil Young ora invita altri artisti a seguire il suo esempio. Bouma: “Se seguiranno più artisti, Spotify subirà ulteriori pressioni. Ma gli artisti, che sono diventati in gran parte finanziariamente dipendenti da Spotify, vogliono arrivare così lontano?”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.