Nella lotta contro l’inflazione, la BCE alza nuovamente i tassi di interesse

Nella lotta contro l’inflazione, la BCE alza nuovamente i tassi di interesse

I tassi di interesse sono ora tornati al livello del 2008, all’inizio della crisi finanziaria.

Frenare l’inflazione

Tassi di interesse più elevati rendono i prestiti più costosi, costringendo le imprese ei consumatori a spendere di meno. Questo può frenare l’inflazione. La BCE mira a un’inflazione a medio termine intorno al 2%.

L’anno scorso, l’inflazione ha raggiunto livelli molto più elevati a causa dell’aumento dei prezzi dell’energia e dei generi alimentari. L’inflazione è ora molto più bassa rispetto allo scorso anno, ma ancora elevata.

Sette aumenti dei tassi

Grazie a sette aumenti dei tassi dalla BCE dal luglio dello scorso anno, il tasso sui depositi, l’interesse che le banche percepiscono quando depositano i propri soldi presso la Banca Centrale Europea, è passato da meno 0,5% al ​​3,25%.

Nell’autunno del 2008 i tassi d’interesse sono stati per l’ultima volta a questo livello. Il tasso di interesse è stato l’ultima volta superiore al 3,25% nel 2001.

Tassi di interesse sempre più alti

Il commentatore di borsa Jacob Schoenmaker di RTL Z sottolinea che l’Europa continentale è ancora in ritardo rispetto all’Inghilterra e agli Stati Uniti. “La Banca d’Inghilterra ha iniziato ad alzare i tassi di interesse quasi un anno fa. Il tasso di interesse è ora di un punto percentuale più alto. Ci sono già stati dieci aumenti dei tassi di interesse negli Stati Uniti e il tasso di interesse è ora al 5,25%.

Inoltre, l’Europa ha il più alto tasso di inflazione dei tre. “Ciò significherà che la BCE continuerà ad aumentare i tassi di interesse per qualche tempo”, ha affermato Schoenmaker.

READ  Beunhazen deve scomparire dal mercato dei pannelli solari il prima possibile | Economia

Ritmo più lento

Il commentatore di borsa può vedere chiaramente che il presidente della BCE, Christine Lagarde, è un po’ preoccupato per la crisi bancaria che potrebbe portare a meno credito. “Di conseguenza, l’economia sta rallentando. Quindi ci saranno ancora aumenti dei tassi in cantiere, ma forse a un ritmo un po’ più lento”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *