Nessuna finale di Nations League per gli Orange: la Croazia è troppo grande dopo i tempi supplementari |  calcio olandese

Nessuna finale di Nations League per gli Orange: la Croazia è troppo grande dopo i tempi supplementari | calcio olandese

Con filmatoDopo un attacco disperato, è stato necessario sfruttare i tempi supplementari, ma domenica attende gli Orange una frustrante finale di consolazione nel torneo della Nations League. La Croazia è stata semplicemente la squadra più forte alla fine: 2-4.

Chiunque contasse su una partita di allenamento estiva e pigra mercoledì sera verrà risucchiato in una meravigliosa partita internazionale per 120 minuti al De Kuip. Il rumore, l’intensità del gioco, i gol, la tensione: non è passato un secondo di noia nella semifinale del torneo di Nations League tra Olanda e Croazia. Anche se gli Orange hanno trascinato un bel allungo, la sconfitta per 2-4 contro il numero tre del Mondiale in Qatar è finalmente giustificata. La nazionale olandese dovrà accontentarsi di una finale di consolazione per il bronzo a Enschede domenica pomeriggio. Una prospettiva frustrante dopo una lunga e difficile stagione di club, ma anche una logica conseguenza dell’immagine della partita di Rotterdam. Ancora una volta, il vero vertice europeo sembra troppo ambizioso per questa nazionale olandese.

Per la seconda volta in tre presenze in nazionale, l’allenatore della nazionale Ronald Koeman rischia la sconfitta, dopo l’inutile vittoria per 4-0 contro la Francia a marzo, segno che il suo secondo mandato ha avuto un inizio difficile – ed è attualmente avvolto da malesseri. .

Vaporosa offensiva finale

Anche se il terzo gol croato del subentrato Bruno Petkovic arriva in ritardo, gli ospiti sono semplicemente i migliori a De Kuip da molto tempo. Grazie al subentrato Noa Lang, una rovente offensiva finale degli Orange ha portato al pareggio, ma alla fine si è rivelato insufficiente. Esausti, gli olandesi crollano dopo oltre 120 minuti di gioco, poco dopo anche Luka Modric realizza il 2-4 dal dischetto.

READ  Gravina, incredibile inversione di tendenza nei playoff: solo la Juve in testa sarebbe brava

Tutto sommato, l’ambientazione di De Kuip mercoledì sera sottolinea che questa non è una normale partita di esibizione, ma una lotta diretta per una finale. Diverse migliaia di croati creano un’atmosfera calcistica afosa raramente vista nelle partite internazionali, affollate sul lato sud-ovest dello stadio di Rotterdam.

Anche la partita stessa è intensa. Il gioco non è sempre alto, ma è di livello internazionale serio, con 22 top player che lottano per ogni yard. Significativa a questo proposito è la difficoltà che Xavi Simons ha con Orange a connettersi. Non è l’unico, ma forse il miglior giocatore dell’Eredivisie sta faticando come esterno sinistro, battuto dai croati fisicamente forti, e sostituito da Koeman dopo più di un’ora.

Luka Modric ha preso la decisione: 2-4.
Luka Modric ha preso la decisione: 2-4. © REUTERS

Ma anche puramente tecnicamente, il numero tre del Mondiale in Qatar è il migliore di De Kuip. Nonostante gli Orange siano passati in vantaggio nel primo tempo grazie a un bel gol collettivo di Donyell Malen, la miglior partita è andata alla Croazia sotto molti aspetti. Meritato al 72′ il 2-1 di Mario Pasalic, che batte da distanza ravvicinata su un cross basso dalla sinistra. Un gol che rientra perfettamente nell’immagine della partita – e che sembra per un attimo spezzare gli Orange al De Kuip, lo stadio dove non perdeva una partita da più di vent’anni.

Questo equilibrio di potere non è necessariamente strano. Koeman sta optando specificamente per una rosa rinnovata, in alcuni casi nata per necessità, in cui ogni linea gioca effettivamente insieme per la prima volta, e con il capitano Virgil van Dijk come unico trentenne al calcio d’inizio. La Croazia offre un collettivo forte e più esperto, con ovviamente Modric come grande regista.

lampo di classe

READ  PL3 Bahrain: Verstappen può solo temere Mercedes - Formula 1 Power

Il suo impareggiabile passaggio in solitaria poco dopo l’intervallo, con l’esterno del piede in profondità, si è tradotto in un tiro dell’attaccante Andrej Kramaric che è andato di poco a lato della porta. Pochi minuti dopo, è ancora buono. L’attaccante Cody Gakpo soffoca completamente inutilmente Modric mentre difende e tiene il centrocampo, dopodiché l’arbitro Istvan Kovacs indica il dischetto. Kramaric fa centro: 1-1.

Prima di allora, Orange aveva infatti mostrato un lampo di classe solo una volta, dopo 34 minuti di gioco: dopo una breve combinazione sul lato sinistro, Nathan Aké ha passato velocemente la palla a Mats Wieffer, che non ha più dovuto solo aprirsi per inserirsi Malen. L’esterno destro ha tempo e spazio in abbondanza, deve solo piazzare bene il pallone e tirare in diagonale: 1-0.

La Croazia festeggia, Orange è deluso.
La Croazia festeggia, Orange è deluso. © Pim Ras Fotografia

È un gol che più o meno regge da solo nel primo tempo. La Croazia è già la squadra migliore, spingendo regolarmente gli Orange molto più avanti della propria porta. Le opportunità non sono state grandi da entrambe le parti per molto tempo, ma il rovente finale di partita compensa molto. Gli Orange scatenano un’offensiva disperata tutto o niente convincente, con la presenza anche del portiere Justin Bijlow. Prima mancano Gakpo e Aké, ma al 96′ è ancora botta grazie al subentrato Lang: 2-2.

Koeman ruggisce di gioia, gli olandesi provano ancora una volta a rialzarsi, ma la sconfitta arriva ancora nel recupero: 2-4.

Vedi le immagini qui sotto.


Programma e risultati Società delle Nazioni


Classifica finale della Nations League


Statistiche della Lega delle Nazioni


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *