Nisticò a capo dell’Aifa. Un curriculum top con anomalie sospette – Il Manifesto

Nisticò a capo dell’Aifa. Un curriculum top con anomalie sospette – Il Manifesto

Il neuroscienziato Robert Nisticò nominato presidente dell’AIFA, ma con polemiche sulle sue pubblicazioni

Il nuovo presidente dell’Agenzia Italiana del Farmaco è Robert Nisticò, un neuroscienziato e farmacologo di cinquant’anni dell’università di Roma Tor Vergata. La nomina è stata approvata dalla conferenza Stato-Regioni su indicazione del ministro della salute Orazio Schillaci. Nisticò vanta un curriculum impressionante con 181 pubblicazioni scientifiche e esperienza lavorativa in Regno Unito e presso istituti di ricerca europei.

Tuttavia, la nomina di Nisticò non è priva di polemiche. Alcune delle sue pubblicazioni scientifiche sono state segnalate per contenere immagini duplicate, portando a otto studi sotto osservazione per possibili irregolarità. Questo caso richiama alla mente altri episodi di frodi scientifiche che hanno coinvolto farmacologi e scienziati in passato.

Nonostante la presunzione di innocenza, la situazione solleva preoccupazioni sulla credibilità delle ricerche scientifiche e sull’efficacia del controllo da parte degli esperti. Nisticò dovrà ora garantire la sicurezza e l’efficacia dei farmaci che vengono autorizzati, nonostante alcuni dubbi sollevati sulle sue pubblicazioni scientifiche.

La nomina di Nisticò come presidente dell’AIFA si inserisce in un contesto di rinnovamento e cambiamento all’interno dell’agenzia, ma le polemiche sulle sue pubblicazioni potrebbero mettere in discussione la sua capacità di guidare l’istituzione in modo efficace. Resta da vedere come la vicenda si evolverà e se Nisticò sarà in grado di dissipare i dubbi sulla sua integrità scientifica.

READ  Anello smart: ecco come promette di migliorare la nostra salute

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *