Non etichettare la malattia mentale: “Riguarda le emozioni umane”

“Buona fortuna”, ha detto un conduttore di un talk show al termine della conversazione con Hanna e suo fratello Juda Verboom. Si sono seduti lì, con il professore di psichiatria Jim van Os, per parlare del tabù sulla malattia mentale.

Combatti lo stigma

Nel momento in cui accadde, Hanna annuì gentilmente. Ma quando ha ripensato all’intervista, ha davvero sentito quello che veniva detto. Proprio quella parola, per quanto ben intenzionata, ha confermato che c’è ancora uno stigma. “Che non stai bene se hai una variazione psichica”, dice. “Lo stigma che fa sì che milioni di olandesi non osino parlare delle loro variazioni psicologiche”.

Né lo ha fatto, per non meno di vent’anni. Intorno al suo ventesimo compleanno, ad Hanna è stato diagnosticato un disturbo bipolare, noto anche come disturbo maniaco-depressivo. Ciò significa che il tuo umore alterna periodi maniacali (alta energia, sensazione di poter gestire il mondo), periodi depressivi (cupo e ansioso, bassa energia) e periodi normali.

All’epoca ad Hanna fu detto che non avrebbe mai dovuto dire nulla al riguardo. Non sarebbe mai tornata al lavoro.

“Set di ombre”

Nel suo documentario recentemente pubblicato “Set di ombre” sul servizio di streaming olandese Cinetree, va contro quello stigma. Insieme a suo fratello Judah, cerca di trovare risposte a domande come: perché così tanti olandesi hanno problemi di salute mentale? E perché è ancora un tabù?

Una recente ricerca del Trimbos Institute mostra che un gruppo crescente di olandesi soffre di problemi psicologici. Ad esempio, l’anno scorso, un olandese su quattro soddisfaceva i criteri per un disturbo mentale, come un disturbo d’ansia, depressione o uso problematico di alcol o droghe. Sono soprattutto i giovani adulti e gli studenti che incontrano difficoltà.

READ  Isola e Awed rischiano la squalifica: l'accusa di Fariba

Lo stigma che qualcosa non va in te quando hai problemi di salute mentale è uno dei motivi per cui le persone hanno paura di parlarne. E questo in parte perché le persone con malattie mentali vengono messe in una scatola, dice Hanna. Quindi il suo messaggio è: “Per favore, parliamo di variazioni, non di disturbi. Di vulnerabilità piuttosto che di malattie. Della forza delle persone con variazioni psicologiche e non solo della loro vulnerabilità”.

Scientificamente obsoleto

Jim van Os, professore di psichiatria all’UMC Utrecht, afferma che il concetto di variazione è molto importante. “Dagli anni ’80, abbiamo lavorato con la cosiddetta bibbia della psichiatria, nota anche come Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali (DSM)”, afferma. “Contiene alcune centinaia di sindromi con criteri associati”.

Ma questa Bibbia è scientificamente obsoleta. “Cinquant’anni di intensa ricerca non sono mai stati in grado di dimostrare che è possibile classificare accuratamente la sofferenza psicologica. Ciò che è stato dimostrato è che la sofferenza psicologica riguarda essenzialmente le normali emozioni umane in risposta all’ambiente”.

Lo paragona a un QI estremamente basso. Secondo Van Os, potresti vederlo come una variazione di un’abilità cognitiva che tutti abbiamo, proprio come la psicosi o l’ansia più grave è anche una variazione delle normali preoccupazioni e paure umane che tutti abbiamo.

Non cambia il fatto che tu possa essere malato mortalmente a causa di una grave psicosi. Ma essere malati è diverso dall’avere un disturbo, sottolinea Van Os. “Non devi dire che è un disturbo per chiamarlo una malattia.”

Spinto in un angolo

È quindi proprio nella sua nomina che si sbaglia. Van Os: “Se dici: sei schizofrenico o borderline, spingi le persone in un angolo. Le allontani. E questo influisce sull’identità della persona interessata”.

READ  Leoni Jansen e Jeroen Kramer hanno trovato l'amore durante il processo del lutto

Queste persone si fanno da parte e adottano l’idea di essere diverse. “E questo porta a tutti i tipi di miseria”, dice. “Invece, puoi anche dire: hai un certo grado di sensibilità dell’umore, senza quel timbro. Quindi dai un messaggio diverso: sei nello spettro umano.”

Parla, parla, parla

Questo sarebbe solo uno dei motivi per cui le persone non vogliono parlare facilmente della loro “variazione psicologica” o della loro “vulnerabilità psicologica”. Mentre è proprio questa parola che è “di vitale importanza”. “Per normalizzarlo”, dice Hanna, riferendosi alla percentuale di olandesi (48%) che hanno avuto una malattia mentale. “Se sai di non essere solo, è più facile chiedere aiuto e non devi isolarti dagli altri per vergogna.”

Inoltre, è anche importante parlarsi, perché si impara l’uno dall’altro. “Più siamo aperti e normalizziamo le ‘variazioni psichiche’, più possiamo anche parlare della forza di qualcuno e di ciò in cui qualcuno è bravo”.

Linguaggio e stigma

È quindi importante utilizzare un linguaggio che non confermi lo stigma, noto anche come linguaggio “destigmatizzante”. La consulente di comunicazione Jessica Rits, in collaborazione con Judith de Laat, tiene corsi di formazione in “linguaggio centrato sulle persone sulla salute mentale”. Rits sottolinea che nessuno vuole consapevolmente escludere qualcuno attraverso il linguaggio. “Spesso succede inconsciamente.”

Spesso uno stigma può essere evitato dalla scelta delle parole. Un esempio è quando un testo menziona persone con vulnerabilità psicologica e poi fa riferimento a “quelle persone”. “Quindi crei una forte distinzione tra noi e loro”, dice. Il modo migliore per prevenirlo? “Parlando di nuovo di persone psicologicamente vulnerabili. Poi lo mantieni più neutrale. Altrimenti, liquidi un gruppo come diverso.”

READ  Angela de Jong sul ritorno di Johan Derksen: "La corsa di Talpa è pazzesca"

Oltre a utilizzare frame neutri, Rits offre una serie di suggerimenti per destigmatizzare il linguaggio. “Un tag DSM non sempre aiuta”, afferma. “Non devi dire ‘tutte le persone con autismo’ perché ognuno è unico.” Devi anche stare attento alle smentite, dice. “In una frase: le persone depresse non sono pigre, il nostro cervello legge solo ‘depressione’ e ‘pigro’.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.