Occupato a Schiphol, ma il caos non è male: “Se arriviamo prima, il banco del check-in sarà ancora chiuso” |  Interno

Occupato a Schiphol, ma il caos non è male: “Se arriviamo prima, il banco del check-in sarà ancora chiuso” | Interno

Giovedì mattina sembrava un altro giorno di disastro al tanto diffamato aeroporto di Schiphol. Dalle cinque del mattino i viaggiatori facevano la fila fuori dall’aeroporto, con un tempo di attesa stimato di circa tre ore. Un viaggiatore parla anche di un disaccordo dietro la dogana quando le affollate sale VIP decidono di far passare solo i passeggeri di business class. “E questo è un problema!”

“Mai conosciuto”

Poche ore dopo, a Schiphol è ancora occupato. Un’anziana signora in viaggio verso Fuerteventura scatta una foto sbalorditiva della fila tortuosa attraverso e fuori l’aeroporto: “Non l’ho mai visto prima”.

Ci sono anche code davanti alla sala VIP (a sinistra).

Ci sono anche code davanti alla sala VIP (a sinistra).

Ma la folla continua e il tempo di attesa diminuisce gradualmente fino a circa 45 minuti. I dipendenti di KLM la chiamano “una normale giornata impegnativa”. Le linee rosse che sono state allungate per guidare i viaggiatori nella giusta direzione verranno nuovamente rimosse. E la tenda fuori per tenere le persone in attesa all’asciutto non è più necessaria dopo mezzogiorno.

Banchi check-in ancora chiusi

L’irritazione più comune tra i viaggiatori è la comunicazione poco chiara dall’aeroporto e dalle compagnie aeree. Il britannico David Dwyer si trova nella sala partenze 3 e si guarda intorno. Ha solo un breve volo davanti a sé, per Birmingham. “Ma ho ricevuto un’e-mail da easyJet che mi diceva che dovevo essere qui con cinque ore di anticipo. Quando arriviamo qui i banchi del check-in sono sempre chiusi!

Ad esempio, il suo ultimo giorno di vacanza ad Amsterdam potrebbe essere cancellato. “È tutto organizzato in modo discutibile, devo dire.”

Nella stessa fila c’è un altro cliente easyJet in viaggio per Rodi, quindi non si muove perché non c’è ancora personale sul posto. De Brabander ne vede l’umorismo: “Oh, sono in vacanza, quindi do per scontata quest’ora in più di attesa. Inoltre, ho più tempo che denaro.

Due ore prima

Molti passeggeri a cui è stato consigliato di arrivare con due ore di anticipo (o che non sono stati in grado di mettere in linea dipendenti) sono sempre puntuali. Tre ragazze di Groningen e la loro madre Willy (83), per esempio, che vanno a Kos e si sono alzate presto per il loro volo delle 15:00. “Non sapevamo quanto sarebbero state lunghe le file, quindi ci aspettavamo solo quattro ore di attesa. Mia madre cammina con un deambulatore, quindi non è più così veloce”, spiega sua figlia Eveline.

READ  Nubi scure sui pescatori di cutter: "La flotta si restringe del 15% in cinque anni" | Finanziario

È il primo viaggio madre-figlia dai tempi del corona ed è per questo che non vedono l’ora. Willy: “Sdraiato al sole, non vedo l’ora.” Vengono fuori sette giorni. La figlia Johanna scherza: “Ma se incontro un bell’uomo, potrei restare molto più a lungo!”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *