“Per il test sono stato negativo, invece ho portato il virus dalla Sardegna”

Aveva la coscienza pulita e un tampone negativo in mano. Così è corso ad abbracciare la nonna di 91 anni, non ha risparmiato una stretta di mano all’anziano barista che conosce da una vita, non si è privato del piacere di continuare la sua vacanza, dopo aver stato in Sardegnaanche nei luoghi del cuore a Cortina. Invece lo era positivo. Ora GPB, 26 anni è ricoverato in ospedale nel reparto di malattie infettive dell’ospedale di Belluno, soffre di polmonite interstiziale. Tra un colpo di tosse e una pausa, racconta la sua esperienza, la paura di aver contagiato membri della sua famiglia e conoscenti “, comprese persone che erano Cortina summer party, Ho fornito un elenco di centinaia di nomi.

LEGGI ANCHE Contagio alla festa di Cortina, dalla Benetton ai conduttori televisivi e sportivi: ecco tutti i vip presenti

La sua estate probabilmente ha preso quella svolta a sinistra in Sardegna.
“Ero in vacanza nella baia di Porto Istana, tra San Teodoro e Porto Rotondo, con un gruppo di amici. Quanti? Niente dieci, almeno 75, è una piccola baia, arrivano da tutta Italia, una sorta di raduno, un buon 15 per cento è positivo ”.

E cosa faceva in quei giorni d’agosto?
“La vita classica che fa qualsiasi ragazzo della mia età, io andavo nei famosi locali di Porto Rotondo e non c’era prevenzione. Tutte serate molto speciali. A pensarci bene, tutti quelli che erano al Country la sera del 9, me compreso, sono positivi ”.

Poi è partito per il Nord.
“Il 17 agosto sono volato da Olbia a Venezia. Non ho avuto sintomi, ho passato una notte su un’isola veneziana con un amico e siccome non vedevo l’ora di abbracciare mia nonna, che è a Cortina, l’ho chiesto alla mamma di questo un mio amico per darmi un riferimento. Così il 18 avevo un tampone, il classico non veloce, all’ospedale di Padova, volevo essere sicuro di non essere asintomatico ”.

READ  Inter 2-0 Getafe: Lukaku ed Eriksen regalano i quarti a Conte | La cronaca

In questo periodo è andato a Cortina.
“Sì, ma la sera prima del risultato del test l’ho preso con degli amici. Poi quando mi hanno avvertito che ero negativo, aveva 19 anni, ho pensato: “che bello, ora iniziano le vacanze, posso andare a baciare mia nonna”. Trascorrevo le giornate tra viaggi e soste nei bar. Il 20 ho partecipato al Cortina Summer Party, dove devo dire che erano state prese tutte le precauzioni, ma ovviamente se avessi saputo che ero sicuro che non avrei stretto la mano a nessuno, non avrei fatto il giro ”.

Il giovane mezzo romano e mezzo ampezzo che ha studiato e vissuto a Zurigo e che ora è tornato a lavorare nella capitale non può riposare.
“Invece dopo due giorni ho iniziato ad avere la febbre, un mio caro amico che era con me in Sardegna mi ha avvertito che era positivo. Così ho preso il telefono, chiamato il numero verde ASL, l’ospedale di Belluno, spiegando che ero stato in contatto con un positivo, tornavo dalla Sardegna, avevo la febbre alta e la tosse e Ho vissuto con mia nonna, mia zia, un cugino e mio padre “.

Cos’altro era necessario?
“Invece è iniziato un iter burocratico, ho dovuto mandare mail spiegando tutto, anche il mio amico romano doveva farlo, tra numeri inesistenti arrivati ​​nella posta e risposte dopo 24 ore di silenzio. Ho perso tempo a casa con la polmonite, quando mi hanno chiesto che avevo bisogno di una certificazione da un medico di famiglia ho richiamato la madre del mio amico che mi ha dato un rinvio urgente . Il giorno dopo, appena svegliato, mio ​​padre mi ha accompagnato a prelevare il campione, è stato positivo, mi hanno ricoverato: sono stabile ma non grave, un carcerato asintomatico con polmonite pneumococcica ”.

READ  Juve, Morata è diventato uomo a Torino. E con Pirlo

E una domanda che ha fatto subito ai dottori …
“Perché mi hanno detto che ero solo negativo?” Hanno risposto che esiste un periodo di incubazione che può durare circa 14 giorni. Beh, sicuramente se l’avessi saputo, non sarei andato dalla nonna. Questa è un’informazione vitale, le persone non sanno, in Veneto non danno informazioni vitali: non scrivere in negativo prima che siano passati 14 giorni dall’ultimo contatto. Avrei evitato due giorni di polmonite domestica mettendo in pericolo l’intera lista di centinaia di persone con cui sono stato in contatto. Attenti controlli devono essere effettuati durante il Cortina Summer Festival ”. Stava andando “a casa”, conosce tutti, e questo era un falso negativo. Adesso è arrabbiato, preoccupato, per molti, oltre che positivo per covid.

Ultimo aggiornamento: 00:41


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *