Perché a Hollywood – It Post

Hollywood è un quartiere di Los Angeles ma anche una metonimia. Perché questo luogo è stato così a lungo associato al cinema che di fatto, in alcuni casi, diciamo “Hollywood” per significare “cinema”. Eppure Hollywood è nata prima del cinema, e senza cinema – anzi quasi senza altra forma di intrattenimento – erano i suoi primi anni. Il cinema di Hollywood ci è arrivato all’inizio del Novecento: perché esserci significava trovarsi in un luogo con un buon clima, con molto spazio, con paesaggi variegati e, soprattutto, con Thomas Edison abbastanza lontano.

La storia di Hollywood iniziò nel 1880, quando Harvey Henderson Wilcox, un ricco proibizionista del Kansas, ha acquistato circa 40 acri di terreno a circa quindici miglia a nord-ovest di Los Angeles. Pare che il suo piano originale fosse quello di costruire lì una grande fattoria, ma dopo alcuni anni si convinse che avrebbe fatto più soldi dividendo questo grande terreno in modo da poterlo vendere a lotti, dedicandosi con la moglie. Daeida nella creazione e pianificazione di quella che sarebbe diventata una città, al fine di rendere più attraenti i diversi lotti.

Il nome Hollywood è apparso per la prima volta nel 1887. Ci sono varie storie e poche certezze sul motivo per cui la coppia ha scelto il nome. Una versione dice che proveniva da un uomo di discendenza cinese che una volta disse a Wilcox, distorcendo un po ‘le parole, che stava trasportando del legno. Un altro dice che è stata sua moglie Daeida a scegliere il nome, forse dopo aver incontrato una donna su un treno da un altro luogo dell’Illinois chiamato Hollywood.

La città si sviluppò bene e abbastanza velocemente: intorno al 1900 contava 500 abitanti, molti dei quali dediti all’agricoltura e alla zootecnia e le cui attività ruotavano principalmente attorno alla via principale, che allora si chiamava Prospect Avenue e cosa poi diventerebbe Hollywood Boulevard. Tra questi circa 500 abitanti, il più famoso era senza dubbio Paul de Longpré, un pittore francese (principalmente un pittore di fiori) che la signora Wilcox aveva incontrato e invitato a vivere a Hollywood, sperando di renderlo elegante e artistico. E, siccome era anche molto religiosa, molto lontana da ogni vizio: lo era davvero non autorizzato l’uso di alcol e l’avvio di qualsiasi attività eccessivamente frivola.

READ  Il Gallo combattente uccide il proprietario con la lama: l'uomo muore dissanguato

Venire scrisse Frenato, La signora Wilcox – nel frattempo vedova e risposata – voleva creare “una comunità sobria, colta e cristiana”. Ma come spesso è una questione di punti di vista, negli anni ’70 il giornalista Jim Bishop definì la Hollywood di quegli anni “un posto figo, se tu fossi arancione”.

Los Angeles, intanto, aveva raggiunto i 100mila abitanti: per passare dall’una all’altra ci sono volute almeno due ore, e nel mezzo c’erano principalmente vigneti, agrumeti e campi d’orzo. E nel 1910 Hollywood, che aveva raggiunto circa cinquemila abitanti, fu annessa alla città di Los Angeles, tra l’altro per gestire le sue reti di acqua ed elettricità.

Altrove, durante questo periodo, il cinema si stava sviluppando. Grazie agli esperimenti, nel 1878, del britannico Eadweard Muybridge; grazie alla tecnologia e ai film di fine Ottocento dei fratelli Lumière e grazie agli studi, negli Stati Uniti, dell’inventore e imprenditore Thomas Edison, che già nel 1894 aveva organizzato proiezioni di immagini in movimento a New York (per esempio persona alla volta) realizzato con il cinetoscopio da lui brevettato.

Da questo brevetto e dai suoi successivi miglioramenti, molti altri iniziarono a fare film. In particolare nei quartieri di Fort Lee, nel New Jersey, non lontano da New York. Quindi c’è stato un tempo, nei primissimi anni del XX secolo, in cui la “capitale del cinema americano” era sulla costa orientale. Ad esempio, il film del 1903 è stato girato tra New York e New Jersey (scelto su New York per gli spazi più ampi e i costi inferiori). Il grande furto del treno, quello con la famosa scena del bandito che spara direttamente nella stanza.

READ  Louisiana, 15 anni, uccisa da adolescente. Il crimine girato "in diretta sui social network"

Tuttavia, c’erano due problemi: il primo era il maltempo che spesso rendeva difficili le riprese; la seconda erano le cause che il Motion Picture Patents Company (fondata nel 1908 e nota anche come Edison Trust o semplicemente The Trust) iha tentato coloro che hanno utilizzato i suoi brevetti senza permesso. Alcune produzioni cercano poi di spostarsi verso ovest, alla ricerca di un clima migliore e per mettere più spazio possibile tra i loro set e gli emissari della compagnia che cura gli interessi di Edison.

– Leggi anche: Dorothy Arzner, regista

Dopo aver trascorso e diretto alcuni film in stati come il Missouri, il Colorado o l’Arizona, i primi set sono arrivati ​​anche in California, e da lì in questa città a nord-est di Los Angeles che fino a pochi anni prima non voleva attività ricreative. . Di regola, viene considerato il primo film di Hollywood, come girato proprio lì era Nella vecchia California dal famoso regista DW Griffith, che era partito per Los Angeles con il suo equipaggio ma poi ha cercato di allontanarsi un po ‘dalla città alla ricerca di paesaggi diversi e vibrazioni più rurali. Il film, infatti, era ambientato nel XIX secolo, quando la California era ancora messicana.

Nella vecchia California uscì nel 1910 e inaugurò un decennio in cui molti registi e case di produzione finirono per sperimentare Hollywood e poi decisero di rimanerci stabilmente, tra l’altro riuscendo a sviluppare tecnologie e pratiche che permettessero loro di liberarsi dal cinema. Società di brevetti. Nel giro di pochi anni, Fort Lee cessò di essere quello che era e Hollywood iniziò a diventare ciò che è ancora in molti modi.

– Leggi anche: Perché “Fourth Estate” è “Fourth Estate”

A Hollywood, le società di produzione che avrebbero dato vita in pochi anni a questo meccanismo produttivo molto efficiente noto come “sistema studio”, hanno trovato spazi immensi, lavorano a costi inferiori rispetto a quelli della costa orientale, un buon clima per la maggior ‘parte. dell’anno (e quindi più ore di sole per poter viaggiare), area che, con tragitti relativamente brevi, ha permesso di trovare paesaggi e ambienti molto vari. Secondo una foto Usato negli anni ’20 dai Paramount Studios per convincere alcuni dei suoi finanziatori, gli ambienti erano così diversi da includere una versione credibile dei luoghi più famosi del mondo, dal deserto del Sahara alla Siberia.

READ  In Ungheria, le coppie dello stesso sesso non potranno più adottare bambini

C’è anche chi di che uno dei vantaggi di Hollywood era essere relativamente vicino al Messico, un paese in cui i funzionari avrebbero potuto facilmente andarsene e rimanere per un po ‘nello sfortunato caso in cui, almeno nei primi anni, Edison fosse arrivata per raccogliere i diritti di proprietà intellettuale. Ma sembra essere più come una leggenda.

– Leggi anche: La storia del segno “Hollywood”

Invece, ci sono molti buoni argomenti a sostegno del fatto che la prima guerra mondiale e l’influenza spagnola furono cruciali per il successo di Hollywood. La guerra perché creava enormi problemi al cinema europeo e molto meno al cinema americano che, nel frattempo, tendeva in gran parte a Hollywood. L’influenza spagnola, invece, ha colpito la California così come ogni altra parte degli Stati Uniti, ma a Los Angeles (e quindi a Hollywood) è stata gestita molto meglio che altrove, riducendo il suo grave impatto.

Verso la fine degli anni ’20, Hollywood superò anche la Grande Depressione, affermandosi – prima come film sonori, poi film a colori – come il luogo di nascita di uno dei più grandi stabilimenti produttivi della nazione, noto tra l’altro come “la fabbrica dei sogni”. . Nel corso degli anni, le case di produzione e le aziende legate al cinema hanno superato Hollywood e si sono espanse nella cosiddetta Thirty Mile Zone (TMZ), che comprende anche gran parte di Los Angeles. Ma anche se di recente non sta andando molto bene, molti pensano che sia ancora vero accennato una volta il regista John Ford: “Hollywood non è un luogo che può essere definito geograficamente”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *