Pidcock vince all’Alpe d’Huez, Vingaard non sussulta |  bicicletta

Pidcock vince all’Alpe d’Huez, Vingaard non sussulta | bicicletta

L’unico Pidcock, 22 anni, che corre per Ineos Grenadiers ed è diventato campione olimpico di mountain bike l’anno scorso, ha lasciato i suoi quattro compagni rifugiati sulla salita finale. Tra questi, il sudafricano Louis Meintjes è arrivato secondo, davanti al quattro volte vincitore del Tour Chris Froome, un altro Pidcock.

Vinaigrette molto forte

Vingegaard continua a guidare la classifica generale per Pogacar (2 minuti e 22 secondi), che mercoledì ha dovuto far partire il danese di Jumbo-Visma, ma ora è di nuovo secondo perché il francese Romain Bardet non ha potuto partecipare alla finale di salita. .

Champagne

Un bicchiere di champagne è stato bevuto al Jumbo-Visma dopo che Jonas Vingaard ha vinto la maglia gialla del Tour de France. Il direttore sportivo Merijn Zeeman ha parlato con orgoglio dei suoi “grandi piloti e fantastico leader”. Ma non siamo ancora lì. »

Pogacar, con cui si è confrontato giovedì corona con il suo caposquadra, ha detto prima della corsa di non essere stato demotivato dal tonfo di Vingaard. Pogacar: “Il Tour non è finito. Mi sento bene, ho dormito bene e ieri ho visto la mia amica Urska. Mi ha dato molta energia. »

Le due flange scattate su una foto.

Le due flange scattate su una foto.

passi alpini

Nella difficile seconda tappa alpina, i corridori hanno dovuto scalare, tra l’altro, il Col du Galibier e il Col de la Croix de Fer, e quello con un caldo sanguinoso. Con l’avvicinarsi della parte finale della giornata, è rimasto un primo gruppo di testa composto da Tom Pidcock, Louis Meintjes, Neilson Powless, Giulio Ciccone e Chris Froome.

Un minuto su cinque dietro il gruppo di testa, Jumbo-Visma ha controllato la rotta. Nel frattempo, a circa nove chilometri dalla fine, Pidcock ha deciso di lasciarsi alle spalle il gruppo di testa. L’unica persona che poteva seguire il corridore dalla Gran Bretagna era il sudafricano Meintjes. Uno dopo l’altro, i corridori vengono portati via dagli inseguitori. Ad esempio, il numero due della classifica generale doveva corrispondere a Bardet.

Soprattutto quando Pogacar ha preso tre chilometri dalla cima. Vingaard non sussulta e segue senza esitazione lo sloveno. Vingaard ha anche risposto senza ostacoli a un nuovo attacco di Pogacar. Pidcock ha tagliato il traguardo da solo.

Ci sarà meno dislivello venerdì, con l’arrivo a Saint-Étienne.

Pidcock dopo la vittoria all’Alpe d’Huez: “Il mio Tour non può sbagliare”

Pidcock era già un campione olimpico di mountain bike e campione del mondo di ciclocross. Giovedì, ha detto di aver avuto la sua migliore esperienza come pilota su strada. Il 22enne britannico di Ineos Grenadiers ha vinto la prestigiosa tappa dell’Alpe d’Huez nel Tour de France. “Non male, vero?” ripeté più volte con un sorriso.

“Ho dovuto lottare attraverso le bandiere e le persone che mi acclamavano con i pugni in aria. Penso che lo si veda solo all’Alpe d’Huez. È stata una bellissima esperienza”, ha detto dopo il suo assolo negli ultimi 10 chilometri di salita. L’ultima volta che il Tour ha visitato la “montagna olandese” è stato nel 2018, quando ha vinto il connazionale e compagno di squadra Geraint Thomas. Pidcock è diventato il più giovane vincitore dell’Alpe d’Huez, dove i colombiani Lucho Herrera e Peter Winnen hanno vinto all’età di 23 anni.

READ  Hamelin Prog: Musetti secondo singolarista nel verso Italia-Serbia - Sky Sport

Il suo tour ha già avuto successo, secondo Pidcock. “Anche se ora vengo scaricato ogni giorno, non mi interessa”, ha riso. “L’idea era quella di partecipare a una fuga anticipata. Ieri avevo perso abbastanza tempo per ottenere spazio dal team Jumbo-Visma.

Il fatto che il suo connazionale Chris Froome, finalmente terzo sul palco, abbia fatto parte della fuga ha fatto bene a Pidcock. “È stato bello averlo lì. È una leggenda. Potrebbe non essere veloce come una volta. Ma è Chris Froome”, ha parlato rispettosamente del quattro volte vincitore del Round. Froome non ha mai raggiunto il suo vecchio livello dopo un grave incidente al Criterium du Dauphiné nel 2019 e aspetta una vittoria dal 2018.

Il terzo posto all’Alpe d’Huez sembra una vittoria per Froome

Froome è arrivato sorprendentemente terzo nella tappa regina del Tour de France giovedì. Per il ciclista britannico, questa classifica sembrava una vittoria.

“Tutti sanno fino a che punto sono arrivato, oggi non potrei arrivare di più”, ha detto Froome, 37 anni, che ha subito un grave incidente durante il Critérium du Dauphiné nel 2019 e ha riportato gravi ferite.

“È stata una lunga battaglia per tornare a questi livelli e oggi sono terzo in una delle tappe più difficili del Tour. Sono molto contento di questo, per me vale una vittoria e oggi ho fatto un altro passo avanti .

Froome, che ha vinto il Tour de France nel 2013, 2015, 2016 e 2017, spera che questo terzo posto sia il preludio di altro. “Ci è voluto un anno e mezzo prima che potessi camminare di nuovo normalmente. È stata una dura lotta e ora sono terzo qui. Significa molto per me, soprattutto perché la mia famiglia ei miei figli sono lì. Lo rende ancora più speciale e spero di poter fare ancora più progressi e vincere di nuovo.

READ  Promes prende tre rigori nei tempi di recupero nella partita di coppa e ne sbaglia due | Calcio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *