Più di un milione di euro raccolti per aver sparato a un agente francese, cinque volte di più che per la famiglia Nahel |  All’estero

Più di un milione di euro raccolti per aver sparato a un agente francese, cinque volte di più che per la famiglia Nahel | All’estero

AggiornamentoLa raccolta fondi avviata per l’agente francese che ha ucciso Nahel (17 anni) ha già raccolto in tre giorni più di un milione di euro. Decine di migliaia di persone hanno già contribuito, con grande sgomento del governo. “Inappropriato e scandaloso”, suona lì. Un simile iniziativa per la madre di Nahel riportato indietro meno di due tonnellate, quindi più di cinque volte meno.

Azione di supporto GoFundMe è stato istituito da Jean Messiha, l’ex portavoce del candidato presidenziale di estrema destra Eric Zemmour. “Una spinta per Florian M., l’agente di Nanterre che ha fatto il suo lavoro, ma che ora sta pagando un prezzo alto”, si legge nella descrizione. Decine di migliaia di sostenitori hanno già contribuito, importi che vanno da 5 euro a 3.000 euro.

Guarda i filmati amatoriali che mostrano l’incidente con la sparatoria con l’ufficiale qui

L’iniziativa suscita molto malcontento, soprattutto tra i partiti di sinistra. Olivier Faure, il leader dell’opposizione socialista, si rivolge personalmente a GoFundMe in un tweet. “Questa è una raccolta fondi spudorata. Sostenendo un agente sospettato di omicidio intenzionale, stai perpetuando l’enorme divisione. Chiudi questo account!”, Suona.


READ  Spagna: i motociclisti sono ormai considerati dipendenti - Ultima Ora

risentimento

L’appello è stato condiviso in modo schiacciante dai politici di sinistra, ma c’è anche un certo risentimento all’interno del governo. “Jean Messiha alimenta sempre il fuoco delle rivolte. L’enorme somma che ha già raccolto per questo agente è inappropriata e oltraggiosa”, ha dichiarato Éric Bothorel, membro del partito del presidente Emmanuel Macron.

Per i sindacati di polizia, questo sostegno è confortante. “Non appena ci interroghiamo sulle azioni di un agente, viene lasciato a se stesso. Non sorprende quindi che colleghi o amici spesso organizzino loro stessi qualcosa per aiutare la famiglia”, risponde il sindacalista Christophe Couvy.

“Dolore al cuore”

In questo caso, accanto alla grande campagna di raccolta fondi, c’è anche una più piccola iniziativa di Friends of the Agent. Lì sono già stati raccolti più di 53.000 euro, lo sa il canale di informazione francese BFM-TV. Raccolta fondi per la madre di Nahel ha già registrato più di 200.000 euro.

La nonna di Nahel non capisce che Florian M. può contare su tanta simpatia. “Mi fa male il cuore”, ha detto domenica della campagna di raccolta fondi dell’agente. “Ma sarà punito come tutti gli altri. Confido nella giustizia”. Ha anche detto – proprio come sua figlia prima – di essere arrabbiata con l’ufficiale che ha sparato a suo nipote, ma non ha voluto generalizzare. “Non ce l’ho con gli altri poliziotti. Sono contento che siano qui.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *